Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Salute / Sanità



Covid 19, L’Asl Napoli 3 Sud pronta a fronteggiare un’eventuale nuova ondata

(13/09/2023)

Innanzitutto la rigorosa applicazione delle disposizioni contenute nell’ordinanza del ministero della Salute del 28 aprile scorso: utilizzo delle mascherine e degli altri dispositivi di protezione individuale da parte del personale delle strutture sanitarie, degli utenti e dei visitatori all'interno dei reparti di ricovero ad alta intensità di cura che ospitano pazienti fragili, anziani o immunodepressi (terapie intensive, terapie sub intensive, utic, neonatologia e terapia intensiva neonatale, dialisi, oncologia, malattie infettive ).
Poi, le risposte in relazione all’attuale andamento della curva epidemiologica da Covid 19 ed in vista di eventuali futuri picchi di richieste emergenziali: opportuni aggiornamenti dei modelli organizzativi, secondo criteri di flessibilità, che possano consentire la rimodulazione dell'offerta assistenziale coerentemente alla domanda e ai bisogni del territorio.
Insomma, la macchina organizzativa dell’Asl Napoli 3 Sud non resta ferma di fronte ad una possibile recrudescenza dell’ondata pandemica.
“Alla luce di questi elementi e sulla base della situazione contingente - spiega il direttore generale dell’Asl Napoli 3 Sud Giuseppe Russo - i nostri sforzi ruotano attorno a due pilastri di natura organizzativa, relativi ai pazienti fragili ricoverati e a quelli che accedono in pronto soccorso e nei reparti di degenza risultati positivi al test diagnostico”.
Nei pronto soccorso è necessario che gli operatori di triage pongano la massima attenzione, al momento dell'accesso dei pazienti, nel riconoscere i sintomi da Sars-CoV 2 e all'anamnesi eventuali contatti stretti con positivi al covid nei 5 giorni precedenti, per poi procedere all’effettuazione del test diagnostico nel caso di riscontri positivi.
Stesso discorso per i pazienti che, sebbene asintomatici, necessitino di ricovero o trasferimento in uno dei reparti di degenza che ospitano soggetti fragili.
All'atto del ricovero viene garantito l’isolamento dei pazienti risultati positivi al test con l’obiettivo di evitare qualsiasi contatto con i ricoverati fragili, con quelli affetti da gravi patologie, immunodepressi, oncologici etc.
“Sul piano più strettamente organizzativo - aggiunge il direttore Russo - si rende necessaria un’adeguata programmazione delle sedute operatorie, dialitiche e diagnostiche così da garantire l’osservanza delle misure di prevenzione già in uso nei confronti delle malattie infettive, prevedendo le necessarie sanificazioni al termine della prestazione resa alla persona covid positiva. Analogo discorso vale anche per la gestione dei trasporti secondari dei pazienti covid presso altre strutture”.
Intanto, tutte le strutture aziendali preposte lavorano senza sosta in vista dell’organizzazione della prossima campagna vaccinale anticovid 19.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Carenza sangue, a Nola anche l’esercito in campo per le donazioni

Cinquanta militari del Polo mantenimento Sud di Nola comando logistico esercito italiano, sotto il comando del generale Roberto Nardone, donano il proprio sangue. Lo fanno regolarmente dallo scorso dicembre 2023, ogni settimana a gruppi di cinque, ...continua
ASL Napoli 3 Sud - carenza di sangue, un problema in estate

Ogni anno la stagione estiva registra un fortissimo calo delle donazioni in tutta Italia ed anche nell’Asl Napoli 3 Sud. Quest’anno la raccolta in Campania è stata al di sotto del consumo già negli scorsi mesi di maggio ...continua
Asl Napoli 3, stabilizzati oltre 140 nuovi operatori

Assistenti sociali, neuropsicomotricisti, funzionari in scienze motorie, sociologi, infermieri pediatrici fisioterapisti, educatori professionali, biologi nutrizionisti, logopedisti, operatori in scienze dell’educazione, operatori informatici, ...continua
Chiusura Pronto Soccorso S. Agata de Goti, Barone: "Interruzione pubblico servizio, Regione intervenga immediatamente"

21 GIUGNO - “La chiusura del pronto soccorso di Sant’Agata de’ Goti rappresenta un’interruzione di pubblico servizio, bisogna immediatamente ripristinare il normale funzionamento dello stesso ricercando il personale tra quello ...continua
Un servizio di eccellenza in ogni ambito della diagnostica

L’Istituto di Ricerca Diagnostica e Nucleare SYNLAB SDN rinnova il Punto Prelievi di Via E. Gianturco...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.





Update cookies preferences