Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Salute / Sanità

Allevamento dei maiali - L'OMS detti le regole

(30/06/2020)

Contro lo spettro delle pandemie, che "rischiano di essere sempre più frequenti" servono "regole chiare e sorveglianza per tutti gli allevamenti, in particolare quelli di maiali". E serve "evitare modifiche incontrollate di nicchie ecologiche: modifiche che danno spazio alla nascita di nuovi virus, la forma di vita più diffusa sul pianeta". A lanciare l'allarme, attraverso l'Adnkronos Salute, è Giorgio Palù, già presidente delle Società italiana ed europea di virologia, che chiede a gran voce all'Organizzazione mondiale della Sanità di promuovere 'regole stringenti', dopo la scoperta in Cina di un nuovo virus potenzialmente pandemico di origine suina.


"In Cina ci sono - ricorda Palù - grandi allevamenti intensivi di maiali. E molte volte queste strutture si trovano ai bordi delle risaie, dove trasmigrano le anatre, che spesso sono portatrici del virus influenzale". Non si tratta di un 'dettaglio' da poco, considerando che i maiali "hanno caratteristiche peculiari perché hanno recettori dell'influenza sia per i virus aviari sia per quelli umani". E funzionano come "una sorta di 'provetta' in grado di mescolare i virus dell'uomo e degli uccelli", dando origine a nuovi patogeni. La sorveglianza di questi allevamenti, non solo in Cina ma in tutto il mondo, "è fondamentale. Per questo l'Oms dovrebbe lavorare per assicurare che i Paesi applichino regole stringenti".

Per il virologo è una strada obbligata. "Stiamo modificando il pianeta - spiega - abbattiamo le foreste facendo sì che i pipistrelli non infettino solo gli animali selvatici ma vengano addirittura nelle nostre case, come è avvenuto con Ebola in Africa, con Sars-Cov-1 e Sars-Cov-2. E in diversi altri casi. Modifichiamo il pianeta non solo a livello del clima, deforestando e con globalizzazione di persone e merci. Ma anche cambiando le nicchie ecologiche o con coltivazioni massive di animali esposti a tutto" .

A fronte di tutto questo e dei rischi per la salute globale che ne derivano, "l'Oms ha dimostrato - denuncia Palù - molte contraddizioni, molte debolezze. Ha molti burocrati e, molte volte, obbedisce a regole geopolitiche. L'Oms dovrebbe, invece, far sì che tutti i Paesi possano applicare le regole di prevenzione che conosciamo bene da tempo. Come non permettere allevamenti di maiali vicino alle risaie, o il consumo di animali selvatici. E anche imporre la sorveglianza costante degli allevamenti". I virus, conclude il virologo, "sono la forma di vita più diffusa sul pianeta. Avremo sempre nuove forme pandemiche perché cambiamo il clima del pianeta e non controlliamo quello che facciamo, o lo controlliamo troppo tardi". - ADN KRONOS
 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

A Quindici la due giorni del Ringraziamento di Confagricoltura Avellino

Si terrà domenica 27 novembre 2022 a Quindici la Giornata del Ringraziamento proposta e organizzata dalla Confagricoltura di Avellino con la Parrocchia “S. Maria delle Grazie” di Quindici e con il patrocinio del Comune. Il ...continua
A Villa delle Ginestre, IamHero e Stranogene i Premi Innovazione Smau Napoli

Tre riconoscimenti per tre realtà che si stanno sempre più affermando nel campo della ricerca e dell’innovazione in campo terapeutico. Le aziende hanno sede a Volla, in provincia di Napoli: “Una grande soddisfazione per tutto il team”...continua
Open day vaccinale ad Agerola

L’Asl Napoli 3 Sud organizza per la prossima domenica 6 novembre 2022 eventi dedicati alle somministrazioni dei vaccini anticovid 19. Appuntamenti a Volla presso l’Ics G. Falcone - plesso scuola primaria - dalle 10:00 alle 13:00 e ...continua
Sorrento. Antonio Coppola nominato Garante dei diritti degli anziani

Antonio Coppola, responsabile dell’Unità Mobile Vaccinale dell’Asl Napoli 3 Sud, è stato nominato Garante dei diritti degli anziani della Città di Sorrento. A lui il compito, affidatogli dal sindaco, Massimo Coppola, ...continua
Asl Napoli 3 Sud, al via la campagna di sensibilizzazione. Spegniamo il fuoco di Sant’Antonio

Inizia la prossima domenica 30 ottobre 2022 su impulso della direzione strategica guidata da direttore generale Giuseppe Russo il percorso di prevenzione dell’herpes zoster, meglio conosciuta come fuoco di Sant’Antonio. Dalle 9:00 ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.