WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Salute / Medicina

Un caso delicato di un paziente oncologico trattato con successo grazie a un’integrazione di competenze tra chirurghi ed epatologi

(02/03/2021)

La presenza al tavolo operatorio di professionisti di diverse specialità ha garantito il successo di un delicato intervento di rimozione di una metastasi epatica in un paziente 58enne di Serino (Av), già in cura presso l’Unità Operativa di Oncologia Medica dell’Azienda ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino e sottoposto a una precedente operazione chirurgica per un tumore all’intestino.

Il quadro clinico dell’uomo era molto complesso, dal momento che la metastasi epatica non era responsiva a terapie oncologiche e richiedeva una rimozione chirurgica o una ablazione eco-guidata per via cutanea con aghi a radiofrequenza o microonde da parte dell’epatologo interventista. Il caso, pertanto, è stato inviato ai Gruppi Oncologici Multidisciplinari (Gom) per la discussione collegiale. L’équipe multispecialistica, diretta dal Direttore del Dipartimento di Onco-Ematologia, Cesare Gridelli, ha suggerito di procedere attraverso un lavoro di integrazione delle competenze. Il paziente è stato dunque trattato contemporaneamente sia dal chirurgo Vincenzo Landolfi, Direttore dell’Unità operativa di Chirurgia generale, che dall’epatologo Paolo Sorrentino, responsabile dell’Unità Fegato. «L’operazione non poteva essere realizzata solo dall’eco interventista, come usualmente avviene, senza procedere al taglio chirurgico – spiega Sorrentino -, per la prossimità della metastasi a un organo cavo sensibile al calore, nel caso specifico lo stomaco».

L’intervento è perfettamente riuscito e il paziente è stato dimesso ieri pomeriggio.

«La strada intrapresa – aggiunge Sorrentino –, grazie anche al clima di collaborazione all’interno dei Gom, il cui numero, negli ultimi mesi, è stato opportunamente ampliato dalla direzione strategica aziendale, consentirà di curare pazienti con lesioni tumorali epatiche non trattabili con chirurgia classica o con intervento eco assistito senza laparotomia o laparoscopia. Alcune lesioni tumorali non sono infatti resecabili con chirurgia classica perché di difficile accesso anatomico o lo sono solo con alto rischio operatorio, mentre l’applicazione della tecnologia con aghi a microonde o radiofrequenza salvaguarda volumi notevoli di fegato non tumorale, altrimenti compromessi con la resezione classica. L’ampliamento delle applicazioni della collaborazione tra il chirurgo e l’ecointerventista riguarderà l’ablazione in microonde e radiofrequenza anche per via laparoscopica di tumori pancreatici non altrimenti trattabili con chirurgia tradizionale».

 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

HUB vaccinale, attività economiche e produttive: la CNA scende in campo al fianco di imprese e lavoratori

La CNA Campania Nord, Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa, col suo presidente Campania Nord, Giuseppe Oliviero, fa la sua parte nella istituzione del primo HUB Vaccinale delle Attività economiche ...continua
Napoli, presso l’Ospedale Betania al via il progetto "Combo": programma gratuito di prevenzione del virus dell’epatite C

Un’iniziativa di importante impatto sanitario e sociale, promossa dalla Direzione Sanitaria dell’Ospedale Evangelico Betania e dalla U.O. Epatologia: un progetto che consentirà ai pazienti che si recheranno presso il Pronto Soccorso ...continua
Tutela della fauna – Liberati cardellini illecitamente detenuti

ANGRI – I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Cava de’ Tirreni, nell’ambito di servizi di controllo caccia e tutela della fauna selvatica, con l’ausilio di guardie volontarie appartenenti al WWF Italia Nucleo ...continua
Castellammare di Stabia, supporto delle donne vittime di violenza domestica

“In osservanza ed esecuzione di quanto avviato da Federfarma, Farmaciste insieme e Fondazione Vodafone Italia con il patrocinio del Ministero della Salute che promuovono il Progetto Mimosa, campagna antiviolenza ed utile strumento esplicativo ...continua
Rete reumatologica aziendale Asl Napoli 3 Sud: al via l’ambulatorio pediatrico al San Leonardo di Castellammare

L’obiettivo è la deospedalizzazione e territorializzazione delle patologie rumatiche dell’adulto e del bambino, con una gestione multidisciplinare e multiprofessionale, attraverso la costruzione di un percorso diagnostico terapeutico ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.