WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Salute / Medicina

Ospedale di Nola, eccezionale intervento su donna di 52 anni affetta da sindrome di Moschcowitz

(16/03/2021)

Nei giorni scorsi presso l’ospedale di Nola è stata ricoverata, prima in pronto soccorso e successivamente in terapia intensiva, una pazienta con sindrome di Moschcowitz (porpora trombotica trombocitopenica).
Un quadro clinico molto grave caratterizzato da un'insufficienza multi-organica ed alterazione degli esami ematochimici con marcata anemia e piastrinopenia. Si tratta di una malattia rara, con una incidenza stimata di 2-4 casi per milione, che colpisce con più frequenza le donne di età compresa tra i 20 ed i 50 anni e con una mortalità maggiore del 90% se non adeguatamente trattata.
Una volta confermata la diagnosi, il direttore della terapia intensiva nolana dottor Raoul Vincenti con la sua equipe e la collaborazione del nefrologo dottor F. Nappi, della direzione sanitaria di presidio e del laboratorio di emostasi della Federico II di Napoli (quest’ultima necessaria per avere la conferma della diagnosi in quanto tra i pochi centri autorizzati per l’analisi dei campioni), si decide di intervenire direttamente al presidio di Nola diretto dalla dottoressa Daniela Schiavone.
La scelta anche in considerazione dell'impossibilita, causata dall’emergenza covid, di trasferire la paziente presso la terapia intensiva di altra struttura ospedaliera dove fosse possibile praticare la plasmaferesi. La terapia scelta è, appunto, la plasmaferesi terapeutica (plasma exchange). procedura che viene effettuata soltanto in alcuni centri di alta specializzazione.
Alla terapia intensiva nolana sono state praticate in totale 18 sedute di plasma exchange con l’utilizzo di 252 sacche.
Durante la degenza la paziente, avendo avuto bisogno di una prolungata ventilazione meccanica invasiva, è stata anche sottoposta ad un intervento di tracheotomia temporanea effettuato dallo stesso direttore della terapia intensiva Vincenti.
In seguito al netto miglioramento delle condizioni cliniche, con il recupero di tutte le funzioni organiche gravemente compromesse, è stata rimossa la cannula tracheotomica e la paziente è stata trasferita presso il reparto di ematologia dell'ospedale Moscati di Avellino per eventuali ulteriori approfondimenti diagnostici.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

HUB vaccinale, attività economiche e produttive: la CNA scende in campo al fianco di imprese e lavoratori

La CNA Campania Nord, Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa, col suo presidente Campania Nord, Giuseppe Oliviero, fa la sua parte nella istituzione del primo HUB Vaccinale delle Attività economiche ...continua
Napoli, presso l’Ospedale Betania al via il progetto "Combo": programma gratuito di prevenzione del virus dell’epatite C

Un’iniziativa di importante impatto sanitario e sociale, promossa dalla Direzione Sanitaria dell’Ospedale Evangelico Betania e dalla U.O. Epatologia: un progetto che consentirà ai pazienti che si recheranno presso il Pronto Soccorso ...continua
Tutela della fauna – Liberati cardellini illecitamente detenuti

ANGRI – I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Cava de’ Tirreni, nell’ambito di servizi di controllo caccia e tutela della fauna selvatica, con l’ausilio di guardie volontarie appartenenti al WWF Italia Nucleo ...continua
Castellammare di Stabia, supporto delle donne vittime di violenza domestica

“In osservanza ed esecuzione di quanto avviato da Federfarma, Farmaciste insieme e Fondazione Vodafone Italia con il patrocinio del Ministero della Salute che promuovono il Progetto Mimosa, campagna antiviolenza ed utile strumento esplicativo ...continua
Rete reumatologica aziendale Asl Napoli 3 Sud: al via l’ambulatorio pediatrico al San Leonardo di Castellammare

L’obiettivo è la deospedalizzazione e territorializzazione delle patologie rumatiche dell’adulto e del bambino, con una gestione multidisciplinare e multiprofessionale, attraverso la costruzione di un percorso diagnostico terapeutico ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.