Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Salute / Medicina



Boscotrecase, eseguita la prima procedura di eco broncoscopia

(09/02/2024)

È stata eseguita ieri (8 febbraio 2024) all’ospedale di Boscotrecase la prima procedura di eco broncoscopia.
Si tratta di un’indagine molto sofisticata che viene proposta ai pazienti quando c’è sospetto di una malattia tumorale dell’apparato respiratorio non direttamente visibile all’interno delle vie bronchiali, fatta presso il reparto di pneumologia diretto dal dottor Francesco Stefanelli.
Il cancro del polmone rappresenta la principale causa di morte per neoplasia nel mondo. La diagnosi tempestiva è, pertanto, fondamentale nella gestione della malattia.
La procedura, chiamata EBUS TBNA (endo bronchial ultrasonography trans bronchial needle aspiration), è stata eseguita dal dottor Luca Longobardi e dal team infermieristico guidato dal coordinatore Alessandro Panico con l’assistenza anestesiologica del dottor Fabio Paduano, anestesista della rianimazione del presidio di Boscotrecase.
L’esame, eseguito in sedazione dopo posizionamento di una maschera laringea, consiste nell’introduzione nelle vie aeree del paziente di un broncoscopio dotato di sonda ecografica all’estremità che permette di effettuare in tutta sicurezza prelievi citoistologici di strutture mediastiniche e polmonari situate oltre la parete bronchiale.
Il prelievo, una volta effettuato, è stato valutato in estemporanea on-site dall’equipe degli pneumologi che hanno potuto confermarne l’adeguatezza diagnostica.
“Tutto ciò - spiega il direttore generale dell’Asl Napoli 3 Sud Giuseppe Russo - è fondamentale per la diagnosi e la stadiazione delle neoplasie polmonari e in vista del rafforzamento delle attività di screening e prevenzione che sono elementi fondanti delle nostre politiche sanitarie”.
Il tutto è stato eseguito con un apparecchio di ultimissima generazione, un ecoprocessore (EU-ME3) in dotazione solo a pochissimi centri in Campania e utilizzato per la prima volta proprio a Boscotrecase grazie anche all’impegno profuso dal direttore medico di presidio Giuseppe Lombardi.
La procedura è terminata senza complicanze, la paziente è in buone condizioni e verrà dimessa oggi stesso (ieri 8 febbraio 2024) in attesa di avere la risposta istologica tra pochi giorni.
“La metodica, di altissima specializzazione, - aggiunge il direttore Russo - è di fondamentale importanza in un’area, quella vesuviana, in cui mancava un riferimento per la diagnosi delle neoplasie polmonari e la popolazione spesso costretta a rivolgersi alle grandi strutture napoletane come Monaldi e Cardarelli”.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Un donatore moltiplica la vita, Asl Napoli 3 Sud in prima linea

Un evento per ribadire l’importanza della donazione di organi, tessuti e sangue “Un donatore moltiplica la vita” è il titolo dell'iniziativa tenuta al Teatro Di Costanzo-Mattiello di Pompei lo scorso 28 febbraio 2024. Obiett...continua
Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia, SIOT sui luoghi comuni e miti da sfatare in ortopedia

Quante volte abbiamo detto “Mi fa male la cervicale” o “Mi si è accavallato un nervo”. E quante volte abbiamo pensato di avere “il gomito del tennista” o ci saremo vergognati per le nostre insopportabili ...continua
Cardiologia ospedale di Boscotrecase Eseguite due angioplastiche carotidee attraverso l’arteria radiale

Un approccio innovativo per il trattamento delle stenosi carotidee, in Campania adottato solo in pochissimi centri di cardiologica interventistica. Tra questi l’unità operativa complessa di cardiologia-utic-emodinamica del presidio ...continua
Prelievo multiorgano all’Azienda Moscati: il gesto di solidarietà di una 57enne irpina dona speranza a quattro persone in attesa di trapianto

  Primo prelievo multiorgano del 2024 presso l’Azienda ospedaliera San Giuseppe Moscati di Avellino. Grazie a un gesto di grande solidarietà da parte di una 57enne irpina e della sua famiglia, la vita di quattro persone potrà ...continua
22 anni, si ferisce con un oggetto di ferro arrugginito e contrae il tetano

Durante dei lavori domestici un ragazzo di 22 anni, stabiese, si ferisce alla mano con una vecchia porta arrugginita. Passano circa 7 giorni, poi la comparsa della sintomatologia tipica del tetano. Giunge al pronto soccorso dell’ospedale ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.





Update cookies preferences