WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Salute / Medicina

Avellino,15enne affetta da una malattia rara, che comporta fragilità ossea, operata con successo presso l'Azienda Ospedaliera "Moscati"

moscati 15enne bacinoDi fronte al reiterato rifiuto da parte di specialisti ortopedici di diverse città italiane di farsi carico del suo caso e intervenire chirurgicamente per tentare di risolverlo, era sul punto di rassegnarsi a trascorrere il resto della vita su una sedia a rotelle, quando ha trovato, all’Azienda Ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino, chi le ha ridato prima la speranza e poi la certezza di poter camminare di nuovo.

    Una 15enne di San Giuseppe Vesuviano (Na), affetta da una forma di osteogenesi imperfetta, una malattia genetica rara che comporta una fragilità ossea e osteoporosi giovanile, in seguito a un’accidentale caduta, aveva riportato una frattura bilaterale del bacino. Il quadro clinico della ragazza, sottoposto all’attenzione di numerosi specialisti, era stato giudicato troppo compromesso per azzardare un intervento chirurgico. Sul caso della 15enne è stato però chiesto un parere anche al direttore dell’Unità Operativa di Ortopedia e Traumatologia dell’Azienda Ospedaliera “Moscati”, Antonio Medici, il quale, nonostante fosse consapevole dei rischi connessi a un intervento già di per sé difficile, ma reso ancora più complesso dal fatto che la paziente fosse affetta da osteogenesi imperfetta, ha comunque deciso di offrire alla giovane la possibilità di rialzarsi sulle proprie gambe. «L’intervento si è svolto in due tempi – racconta il primario -. La prima volta, coadiuvato da un’équipe di ortopedici e anestesisti, sono intervenuto sulla frattura destra e sinistra da via posteriore. Dopo una settimana, la ragazza è tornata in sala operatoria e la frattura è stata trattata per via anteriore. In effetti, ha subito quattro interventi chirurgici in due sedute, per fare in modo che la fragilità ossea non rendesse inutili i tentativi di fissazione, da effettuare in un particolare modo per favorire la formazione del callo osseo. Ma tutto è andato meglio del previsto».

    La 15enne, che è entrata all’Azienda “Moscati” mostrando una grande forza di volontà e si è affidata senza timore alla professionalità di tutti quegli operatori sanitari che l’hanno accolta e l’hanno presa in carico, è stata dimessa da qualche giorno e ha iniziato la fase della riabilitazione presso il proprio domicilio. L’équipe che ha brillantemente condotto l’intervento chirurgico sta ora lavorando a una pubblicazione scientifica sul caso, in quanto l’operazione eseguita non ha ancora alcun riscontro sul piano divulgativo internazionale.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Nuovi strumenti e tecniche all'avanguardia presso l'ospedale di Pozzuoli: la visita di De Luca

"Con il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca siamo stati questa mattina presso l'ospedale Santa Maria delle Grazie per vedere da vicino gli ultimi strumenti e le tecniche all'avanguardia attivati di recente presso ...continua
Pronto il piano estivo dell’Azienda Ospedaliera “Moscati”: garantita l’emergenza con la sospensione delle attività differibili

  Emergenza-urgenza e continuità terapeutica garantite e interventi mirati al decongestionamento del Pronto Soccorso. Attraverso una contrazione dell’attività chirurgica programmata e di quella ambulatoriale e una contenuta ...continua
Capua, 17° RAV dona il sangue, iniziativa benefica realizzata nella Caserma “O. Salomone”

CAPUA – Si è conclusa, sabato 06 luglio 2019, una nuova iniziativa benefica realizzata nella Caserma “O. Salomone”, sede del 17° Reggimento Addestramento Volontari (RAV) “Acqui”, che ha ospitato per due giornate ...continua
Prevenzione e Controllo, a Salerno il Meeting sulla Legionellosi per le strutture turistico-ricettive

Un meeting per illustrare le strategie di intervento sulla legionella riservato agli operatori del settore turistico-ricettivo. L’evento formativo, denominato "Prevenzione e Controllo della Legionellosi nelle strutture turistico-ricettive"...continua
Castellammare di Stabia : donare gli organi, “Una scelta in Comune”

Il Comune di Castellammare di Stabia partecipa alla campagna di comunicazione per il potenziamento dell’espressione della volontà di donazione degli organi, nell’ambito del progetto “Una scelta in Comune”, ideato dall’...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.