WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca

Cronaca. Nola - Napoli, rione Sanità - Roma Fiumicino

Questa mattina, a conclusione di articolata indagine coordinata da questa Procura della Repubblica, i Carabinieri della Compagnia di Nola hanno proceduto ad esecuzione di un'ordinanza applicativa di misura cautelare emessa dal GIP presso il Tribunale di Nola nei confronti di 2 indagati ritenuti responsabili di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina.

L'attività di indagine ho avuto inizio a dicembre 2016, a seguito del rinvenimento di alcune dosi di stupefacente del tipo cocaina su diversi acquirenti provenienti da vari comuni dell'agro nolano fermati dai Carabinieri in località Piazzolla di Nola, nei pressi del domicilio degli indagati.

Sono seguite attività di osservazione e pedinamento nonché attività tecniche con contestuali numerosi recuperi di sostanza stupefacente del tipo cocaina da parte dei Carabinieri della Compagnia di Nola, acquisendo un consistente compendio indiziario nei confronti delle persone indagate ritenute responsabili, in concorso tra loro, della detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente svolta da Bova Nadia quest'ultima peraltro mente si trovava sottoposta agli arresti domiciliari per analogo reato, con l'ausilio del convivente Giuseppe Perillo, nonché di Vincenzo Stassi, classe 1992, fratello del Perillo (deceduto il 27 1 2018).

Il GIP presso il Tribunale di Nola disposto in particolare l'applicazione degli arresti domiciliari per Bova Nadia classe 88 e della custodia cautelare in carcere per il convivente Perillo Giuseppe classe 84


Napoli, rione Sanità: carabinieri arrestano un 16enne per stalking alla ex e per lesioni alla madre di lei
I Carabinieri della Stazione Stella hanno dato esecuzione a un’Ordinanza di Collocamento in Comunità emessa dal Tribunale per i Minorenni di Napoli traendo in arresto un 16enne del rione Sanità già noto alle FFOO.
Il provvedimento è stato emesso dopo accertamenti dei militari dell’Arma. Nel corso di indagini è emerso che i ragazzi si erano conosciuti nell'estate del 2016 scambiandosi messaggi su un social network e che per la prima volta si erano incontrati al principio del 2017 per poi allacciare una storia sentimentale.
Sin da subito il minore si era rivelato di indole possessiva e oppressiva. Impediva alla giovane di frequentare le amiche, le controllava i messaggi, addirittura a marzo 2017 le aveva imposto di rimuovere il profilo Facebook.
C’erano spesso anche insulti e minacce di morte e atti di violenza tali che la ragazza ad aprile 2018 lo aveva lasciato.
Il termine della storia aveva innescato atti di pedinamento, appostamenti sotto casa per verificare eventuali cambi di abitudini e l’eventuale frequentazione di altri ragazzi, minacce e insulti continui.
Insomma una vera e propria persecuzione culminata alla fine di settembre nel lancio di un oggetto contundente contro la madre della 18enne mentre tentava di avvicinare i genitori del minore per chiedere il loro intervento. L’arrestato dopo le formalità di rito in caserma è stato accompagnato in comunità.


 
Nella tarda mattinata odierna, presso lo scalo aereo di Roma Fiumicino, personale della locale Polaria, unitamente ai Carabinieri del N.O.R.M. della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere (CE), hanno dato esecuzione all'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di TUSSHILLA Argit (ci '92), ritenuto responsabile, in concorso, di rapina (art. 628 c.p.) ed omicidio (art. 575 c.p.). II predetto, proveniente dall'Albania, era già stato tratto in arresto, ai fini di estradizione, in data 09.03.2018, dalla Polizia albanese del distretto di Dibra, in esecuzione dell'ordine di cattura internazionale, emesso nei suoi confronti. Il provvedimento cautelare trae origine dall'attività d'indagine svolta, dal settembre 2015 al dicembre 2016, dai Carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere, coordinata da questo Ufficio di Procura, che ha consentito di far luce sul grave fatto di sangue consumatosi, in data 23 settembre 2015, ai danni
dell'imprenditore agricolo GUARINO Pasquale. In particolare, secondo l'ipotesi di questa Procura, integralmente condivisa dal G.I.P., il
TURSfflLLA Argit, in qualità di esecutore materiale, unitamente ad altri partecipi, si è reso responsabile di un tentativo di rapina ai danni del GUARINO il quale, per effetto della reazione opposta ai rapinatori, veniva successivamente attinto da due colpi di pistola che ne cagionavano la morte. L'impianto indiziario, integrando i presupposti cautelari, è stato edificato attraverso elaborate attività
tecniche di natura intercettiva, nonché mediante un accurato lavoro di analisi sia delle immagini immortalate da alcune telecamere insistenti sulla vasta area dell'evento omicidiario che delle informazioni raccolte attraverso i tabulati di traffico telefonico pregresso, il tutto avallato dalle dichiarazioni rese da alcune persone informate sui fatti. IITURSHTLLA, al termine delle formalità di rito, verrà tradotto presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Anas. Lavori sugli impianti tecnologici di alcune gallerie. Interessata la galleria di Pozzano

Napoli, 19 ottobre 2018 Per l’esecuzione di interventi di manutenzione sugli impianti tecnologici in alcune gallerie situate lungo strade statali tra le province di Caserta e di Napoli, a partire da lunedì 22 ottobre, si rendono ...continua
Capua, combustione illecita di rifiuti; una persona denunciata

Capua (CE): carabinieri forestali  del NIPAAF di Caserta hanno denunciato una persona in stato di libertà per combustione illecita di rifiuti  Nel corso di un’attività di controllo del territorio finalizzata...continua
Giugliano in Campania: tenta di rubare un’auto, aggredito a schiaffi e pugni dai passanti. Carabinieri lo denunciano

  I carabinieri della compagnia di Giugliano hanno denunciato per tentato furto aggravato un 22enne del luogo. Ieri sera ha tentato di rubare una Fiat “Panda” parcheggiata in via Santa Rita da Cascia ma è stato sorpreso ...continua
Gragnano. Differenziata: eccessivi disagi e scarsa comunicazione

A fine agosto, rilasciammo una positiva dichiarazione in riferimento alla notizia della partenza del nuovo piano di raccolta differenziata, a conclusione di un lungo iter giudiziario, sottolineando di come, però, per quanto riguarda le tematiche ...continua
Orta di Atella (CE), 2 arresti in flagranza di reato per furto

Carabinieri della Stazione di Orta di Atella (CE), in quel centro, unitamente ai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Marcianise (CE), nel corso di un servizio di controllo del territorio, hanno proceduto all’arresto ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.