WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cultura / Eventi

“In... Quadriamo Castellammare”, fino al 13 maggio le opere di Umberto Cesino al Miramare

(29/04/2018)

Venti opere del pittore stabiese Umberto Cesino sono in mostra nei saloni dell'Hotel Miramare, a Castellammare di Stabia (Napoli), fino a domenica 13 maggio. La rassegna si intitola "In… Quadriamo Castellammare MMXVIII". "I quadri di Cesino - scrive Carlo Avvisati nella prefazione al catalogo - profumano un poco di liberty: l'artista ha riproposto con tecniche grafiche e colori pastello le architetture, i personaggi e le scene di vita di una Castellammare di Stabia che alla fine dell'Ottocento era tra le più belle e importanti città europee e che oggi non esiste se non nei colori seppia delle foto dell'epoca". E, appunto, fonte d'ispirazione dei quadri di Cesino, rilevano i promotori della mostra in una nota, "sono le immagini fine Ottocento dell'archivio storico di Giuseppe Plaitano una selezione delle quali viene proposta in mostra nei caratteristici "seppia" dei calotipi stampati con sali d'argento, tanto in uso nella fotografia fin de siecle". La caratteristica delle opere è l'introduzione di un "esterno dirompente" dentro l'antica immagine. Cesino "In…. Quadra" nella scena della foto originaria un elemento: un ragazzo, un cane, un personaggio o un gruppo di persone che prendono vita in scene nelle quali, prima, erano assenti. "In questo modo, l'antica Stabiae pur mantenendo la sua connotazione di città campana, si veste di forme e colori che potrebbero essere benissimo confrontate con quelle di una Parigi fin de siecle di Van Gogh o Beraud, tra gli altri" si sottolinea ancora. La bellezza dei colori, a volte, marcati, altre, delicati, viene esaltata "anche dalla purezza grafica e dal tratto preciso e puntale". "Consentendo, così, all'artista di «In… quadrare» la sua città in una sorta di cornice temporale decorata di delicata poesia e dolcezza. Un bronzetto raffigurante San Catello, ancora opera di Cesino, e un antico visore stereoscopico chiudono la rassegna" conclude la nota.

 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Con "Marevivo Onlus" vanno avanti i progetti e le iniziative con al centro Procida e le sue nuove generazioni

L’Assessore Titta Lubrano con delega all’ambiente ha condiviso: “Con Marevivo Onlus vanno avanti i progetti e le iniziative con al centro Procida e le sue nuove generazioni. Concluse le attività della prima edizione del ...continua
Baronissi, al Museo FraC in programma lezione del Professore Massimo Bignardi su "Gli anni Sessanta e il rinnovamento delle nozioni visive"

In occasione della GIORNATA INTERNAZIONALE DEI MUSEI, dedicata per l’edizione 2021 al tema “Il futuro dei musei: rigenerarsi e reinventarsi”, il Museo FRaC- Baronissi ha predisposto l’apertura straordinaria della Galleria ...continua
Rotary Pozzuoli, iniziativa sintesi di solidarietà e lotta al Covid-19 Sars2

Tra le iniziative realizzate dal Rotary Club Pozzuoli in questa perdurante pandemia, particolarmente significativa è stata la donazione di un ecografo portatile alle associazioni di volontariato ‘Pozzuoli Solidale’ e ‘Brigate ...continua
San Felice a Cancello, resi noti i rendering del progetto "Adotta un'aiuola"

SAN FELICE A CANCELLO - Prendono forma le due nuove isole spartitraffico tra via Piazza Vecchia e via Maddaloni. A pochi giorni, sono stati svelati i rendering del progetto promosso dalla De Lucia Domenico SpA. «Potevano fermarci alla semplice ...continua
Anche la città di Napoli ha conferito al Milite Ignoto la cittadinanza onoraria

Anche la città di Napoli, su proposta del Sindaco Luigi de Magistris ha conferito al Milite Ignoto la cittadinanza onoraria. E’ quanto dispone una delibera della Giunta comunale in vista del 4 novembre 2021 quando si terranno le Celebrazioni ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.