WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Economia / Lavoro

Tlc: Assoprovider e Legacoop per portare banda ultralarga a tutti

Le due associazione firmano un patto per favorire la distribuzione della fibra ottica in aree a fallimento di mercato: primo esperimento nelle zone terremotate in Umbria

(05/02/2018)

#banda ultralarga - internet veloceAssoprovider e Legacoop uniscono le forze per favorire la distribuzione di banda ultralarga con fibra ottica in aree a fallimento di mercato. Questo è l’obiettivo dell’accordo tra l’Associazione dei Provider Indipendenti e Legacoop, organizzazione che sviluppa servizi e progetti per le imprese cooperative.
«Questo accordo è “figlio” delle battaglie che Assoprovider ha compiuto negli anni per permettere alle cooperative di presentarsi sul mercato come operatori di comunicazione e offrire servizi Internet. Con Legacoop supportiamo quei cittadini e quelle imprese che si organizzano in cooperative per favorire la distribuzione di banda ultralarga su territori a fallimento di mercato», spiega Giovanbattista Frontera, vice Presidente di Assoprovider.
Questo è il principio sulla base del quale nasce l’accordo che si configura come scambio di competenze tra le due associazioni: «Assoprovider mette il suo knowhow tecnico e la sua esperienza, mentre Legacoop offre la sua rete capillare di cooperative sul territorio».«Per noi è fondamentale – spiega il vicepresidente di Legacoop nazionale Carmelo Rollo – che l’offerta dalla banda larga raggiunga tutti i territori, anche le aree interne dove per le grandi compagnie è meno vantaggioso investire, affinché l’innovazione possa offrire a tutti maggiori opportunità».
Nell’idea di Legacoop e Assoprovider, le cooperative si presenteranno come gruppi di acquisto di servizi Internet. Come soci della cooperativa potranno godere di diversi vantaggi. Come, per esempio, avere più potere contrattuale nei confronti di tutti gli operatori inclusi i big player del mercato e cambiare più agevolmente operatore, se non soddisfatti dei prezzi e della qualità dei servizi. I vantaggi sono anche per gli operatori stessi che potranno farsi concorrenza senza rendite di posizione o monopoli.

Il primo esperimento di questa collaborazione inizierà in Umbria, nelle zone duramente colpite dal terremoto, poi sarà la volta della Puglia. Tra le prime azioni ci sarà quella di raccogliere le adesioni dei cittadini per la creazione di gruppi interessati a utilizzare le risorse frequenziali, cavidotti, fibra, necessari per connettersi a servizi di telecomunicazioni. Così le associazioni pensano di creare delle buone pratiche da poi esportare su altri territori.
Assoprovider e Legacoop hanno scelto di realizzare l’iniziativa insieme soprattutto in virtù dei principi comuni che condividono: «L’accesso alla Rete è una questione di democrazia perché garantisce l’uguaglianza tra i cittadini. Lo Stato deve adottare le misure necessaire per garantire ad ogni singolo individuo o qualsiasi organizzazione di realizzare in modo autonomo qualunque servizio digitale ICT, soprattutto a quelli che operano in territori dichiarati a fallimento di mercato dagli operatori economici finora autorizzati. L’accordo segue questa strada», spiegano i portavoce delle associazioni.



Assoprovider è l’associazione che dal 1999 riunisce i primi fornitori di Internet (gli Internet Service Provider) che hanno contribuito con le loro battaglie contro le multinazionali a diffondere la Rete nel Paese. Tra le conquiste dell’associazione, l’approvazione della “Legge Salvaprovider”, che ha equiparato gli ISP agli operatori telefonici. E la liberalizzazione del WIFI nei locali aperti al pubblico o aree confinate di frequentazione pubblica.



Legacoop è l’associazione che riunisce oggi oltre 15mila imprese cooperative, attive in tutte le regioni e in tutti i settori per creare sviluppo, mettendo al centro persone e territorio. Per conseguire i propri obiettivi Legacoop sviluppa servizi e progetti per le imprese cooperative e per promuove la cultura cooperativa, affermandone i valori e sostenendo con la propria azione di rappresentanza il ruolo economico, sociale e civile e la capacità di rispondere ai bisogni delle persone.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Primo censimento dell’agricoltura a Procida

Il Consigliere Antonio Carannante con delega all’agricoltura ha condiviso: “Stamane abbiamo avviato il primo censimento dell’agricoltura a Procida. Abbiamo preparato dei questionari da sottoporre ai coltivatori diretti e imprenditori ...continua
Piano di Zona S2,consegnati gli attestati del corso di inglese ai beneficiari del Reddito di Inclusione-Reddito di Cittadinanza

In Piano di Zona S2 informa che questa mattina, presso la School of International Studies srl di Città di Cava de’Tirreni, si è svolta la consegna degli attestati di partecipazione al Corso di lingua inglese a favore dei beneficiari ...continua
Fisco, De Lise (commercialisti): "Con 800 leggi sistema ingolfato; urge semplificare"

“La mole di informazioni duplicate e di obblighi richiesti ai contribuenti e ai loro consulenti è enorme e spesso inutile. Esempi lampanti sono gli obblighi contenuti nei dichiarativi, dal modello Iva a quello dei redditi; oltre alle ...continua
Concorsone, Patriarca (FI): «Riduzione prove grazie a ministro Brunetta»

NAPOLI - «Lo abbiamo detto da tempo che il cosiddetto “concorsone” bandito dalla Regione Campania era un corso-concorso e non comportava una assunzione immediata. Nel bando originario era previsto che le prove da espletare al termine ...continua
Da Benevento due giovani promesse della programmazione software

6 maggio 2021 - Spesso i giovani si trovano costretti a lasciare le terre del Mezzogiorno per cercare opportunità di formazione e lavorative altrove. Superare il divario digitale italiano è uno degli obiettivi che si pone anche Develhope, ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.