WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca / Attualità

Amerigo Vespucci, il sindaco Cimmino: “La nostra storia, il nostro orgoglio”

La nave scuola è in rada nelle acque di Castellammare di Stabia

Il comandante Bacchi: “Per noi ‘marinai’ del Vespucci è come essere a casa” “L’Amerigo Vespucci è il simbolo dell’identità stabiese, il vanto del nostro cantiere navale, che per la sua storia e il suo ruolo strategico per la cantieristica nazionale, costituisce la più importante industria di tutto il Meridione. Ringrazio il capitano di vascello Gianfranco Bacchi per gli attestati di stima e affetto verso la nostra città e per le belle parole rivolte nei confronti della candidatura di Castellammare di Stabia a Capitale della Cultura 2022. Il Vespucci da decenni diffonde il nome e l’immagine di Castellammare nel mondo, formando intere generazioni di marinai. La nostra storia. Il nostro orgoglio”. Così il sindaco di Castellammare di Stabia Gaetano Cimmino. La nave scuola Amerigo Vespucci è in rada nelle acque di Castellammare di Stabia, nei cui cantieri fu varata il 22 febbraio del 1931. La nave continuerà la sua navigazione nel Mediterraneo per poi chiudere il suo tour a Taranto il prossimo 22 agosto. “Siamo a Castellammare perché per noi ‘marinai’ del Vespucci è come essere a casa. L’affetto che ci lega alla città e alla popolazione ha radici lontane e non solo legate all’origine della nave ma alle manifestazioni di entusiasmo e passione che riceviamo da sempre dagli stabiesi e che la Marina ricambia anche con questo tributo, ovvero la presenza odierna nella rada di Castellammare. 

 

Castellammare candidata quale Capitale della Cultura 2022 avrà sempre il supporto del suo gioiello fatto di lamiera, legno, ottone ma soprattutto del cuore dei marinai che lo conducono in giro per il mondo. La città che diede i Natali al Vespucci nel lontano 1931 e che ha replicato il fascino del varo sullo scivolo solo lo scorso anno vedendo entrare in mare la maestosità di Nave Trieste, è casa dei marinai del Vespucci e in quanto tale trainata dalla stessa forza del vento che spinge le nostre vele. W Castellammare di Stabia, W il Vespucci”, questo il messaggio del capitano di vascello Gianfranco Bacchi, comandante della nave Amerigo Vespucci.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Cordoglio del Capo della polizia Prefetto Gabrieli per la scomparsa del sotto ufficiale Aurelio Visalli

Il Capo della Polizia - Direttore Generale della Pubblica Sicurezza , Prefetto Franco Gabrielli, appresa la tragica morte del sottufficiale della Guardia Costiera Aurelio Visalli intervenuto eroicamente per salvare alcuni bagnanti, ha espresso, ...continua
Oggi i volontari de La Via della Felicità a Casalnuovo di Napoli

“Puliamo il Mondo” è un'iniziativa ambientale in cui i volontari di tutto il mondo ripuliscono, valorizzano e conservano i propri territori. L'evento principale della campagna si svolge a livello mondiale ogni terzo ...continua
Castellammare di Stabia. In vigore i nuovi sensi di marcia

Nuovi sensi di marcia: così cambia la viabilità in città. A partire da oggi, cambiano i sensi di marcia in via Silio Italico, via Amato, via del Carmine, via Principe Amedeo e via San Vincenzo, mentre via Plinio il Vecchio ...continua
Massa Lubrense - Sospensione servizio idrico; ecco le zone interessate

Sono in corso mancanze d'acqua e abbassamenti di pressione idrica a causa di un GUASTO IMPROVVISO, nelle seguenti zone del Comune di MASSA LUBRENSE:  LOCALITA' NERANO, VIA CAPO D'ARCO A NERANO, VIA SAN MARCIANO, ...continua
Sant'Antonio Abate - sospensione servizio idrico: ecco le zone

Sono in corso mancanze d'acqua e abbassamenti di pressione idrica nelle seguenti zone del Comune di SANT'ANTONIO ABATE:  Via Carrafiello Via Casa Salese Via Alessandro Volta Via Ugo Foscolo  ed in tutte le ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.