WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca / Attualità

Polizia di Stato, Bilancio semestrale attività Polizia Ferroviaria

1.114.089 identificati, di cui 5.507 indagati e 348 arrestati: è questo il bilancio dei controlli negli ultimi 6 mesi della Polizia Ferroviaria. 103.305 le pattuglie impiegate nelle stazioni e 10.090 a bordo treno, per un totale di 21.095 convogli scortati. 6.305 i servizi antiborseggio e 1.075 gli stranieri rintracciati in posizione irregolare. Mentre sono stati 353 i minori non accompagnati rintracciati dal personale della Specialità e restituiti alle famiglie o collocati in comunità. 6.639 le contravvenzioni elevate.

829.984 i viaggiatori controllati nei principali scali ferroviari durante l’emergenza sanitaria per il rispetto delle misure anti Covid19 e 6.821 quelli sorpresi in viaggio senza un giustificato motivo.

In particolare, nella Stazione di Milano Centrale, è stata arrestata una cittadina bosniaca destinataria di un ordine di cattura, dovendo espiare oltre 18 anni di reclusione per una lunga serie di reati contro il patrimonio, molti dei quali consumati nella stessa stazione Centrale.

Un cittadino tunisino è stato arrestato a Milano Bovisa, perché destinatario di un mandato di custodia cautelare in carcere. Grazie alle immagini estrapolate dall’impianto di videosorveglianza, lo straniero è stato riconosciuto dagli agenti, quale autore di 4 rapine e furti con strappo avvenute negli ultimi mesi tutte a bordo di treni.

A Venezia Mestre la pattuglia Polfer, grazie ad una segnalazione pervenuta della Squadra Mobile della Questura di Udine, ha arrestato un cittadino afghano in Italia senza fissa dimora per detenzione di sostanza stupefacente. Il giovane nascondeva nel proprio bagaglio, accuratamente occultati, 4 involucri di hashish per un peso pari a circa 4 kg, due telefoni cellulari e oltre 600 euro in contanti.

Un trentunenne gambiano, residente nel biellese e in regola sul territorio nazionale, è stato arrestato nella stazione ferroviaria di Torino Porta Nuova per resistenza e oltraggio. Lo straniero, alla richiesta degli operatori di esibire un documento d’identità è andato in escandescenza, scalciando e spintonando gli agenti, i quali, con non poca difficoltà, sono riusciti a bloccarlo.

Anche a Verona, nella stazione Porta Nuova, un nigeriano di 26 anni è stato bloccato e arrestato dagli agenti per resistenza e lesioni. Lo straniero, fermato per un controllo, ha reagito con calci e pugni. Il nigeriano è stato condannato con rito direttissimo, mentre gli agenti, colpiti al volto, sono stati dichiarati guaribili in una settimana.

Tre stranieri sono stati arrestati a Bologna per detenzione di sostanze stupefacenti. Gli agenti, insospettiti dal loro nervosismo all’atto del controllo, hanno deciso di approfondire gli accertamenti. Sottoposti ad esami radiografici, ognuno di loro occultava nell’intestino circa cento ovuli di sostanza stupefacente per un totale di 3 chili e 600 grammi di cocaina ed eroina.

Un gambiano di 20 anni, in Italia senza fissa dimora, è stato rintracciato e arrestato a Rimini. Gli agenti, grazie alla descrizione fornita dal proprietario dell’edicola all’interno della Stazione Ferroviaria e ai frame estrapolati dal sistema di videosorveglianza, hanno bloccato lo straniero che nella notte con un estintore aveva spaccato la vetrina dell’esercizio commerciale per derubarla.

Nella stazione di Roma Termini gli agenti della Squadra di Polizia Giudiziaria hanno arrestato un cittadino palestinese, destinatario di un ordine di custodia cautelare in carcere, e un cittadino rumeno per rapina. Sempre a Termini, un cittadino nigeriano è stato arrestato perché trovato in possesso  di un chilo di marijuana.

Un quarantacinquenne del Burkina Faso è stato arrestato a Napoli per il reato di furto aggravato. Gli agenti, dopo aver ricevuto la segnalazione da parte del personale di protezione aziendale di R.F.I. della presenza, di una persona sospetta che si aggirava sui binari, nell’impianto di Napoli Traccia, sono riusciti a bloccare l’extracomunitario che aveva rubato del materiale elettrico e pneumatico di componentistica dei treni Frecciarossa.

Sempre a Napoli è stato arrestato un italiano di 68 anni, residente in Liguria, destinatario di un mandato di arresto internazionale ai fini estradizionali verso il Brasile, per traffico internazionale di sostanza stupefacente, dovendo espiare 4 anni, 3 mesi e 17 giorni di reclusione.

Un cittadino del Gambia di 21 anni, pluripregiudicato e sottoposto a divieto di dimora nell’agrigentino, è stato denunciato per possesso di sostanze stupefacenti e inosservanza dei provvedimenti dell’autorità. L’uomo, fermato per un controllo, nascondeva, ben occultati in una confezione di mascherine chirurgiche, 15 involucri in carta di alluminio contenenti hashish e 2 cellophane contenenti marjuana.

Tra le storie a “lieto fine” registrate negli ultimi sei mesi: una giovane donna è stata salvata dagli operatori della Polfer nello scalo ferroviario di Ferrara. La viaggiatrice, colta da malore, è svenuta mentre si trovava sul marciapiede in attesa del treno, in evidente difficoltà cardio-respiratoria. Gli agenti intervenuti hanno immediatamente iniziato le manovre di rianimazione e la giovane ha ripreso a respirare. Trasportata dal personale medico presso il locale nosocomio, è stata dichiarata fuori pericolo.

 

Un anziano passeggero è stato  rintracciato e messo in salvo dalla Polizia Ferroviaria di Venezia. Sceso dal convoglio su cui viaggiava erroneamente nella stazione di Porto Marghera pensando che fosse quella di Venezia, ha deciso di incamminarsi verso di essa seguendo il sentiero di servizio presente tra i binari di marcia del treno. Sentendosi smarrito ha contattato telefonicamente la persona che lo stava attendendo nella città lagunare, il quale sentito dove si trovava ha immediatamente allertato la Polfer. Gli Agenti giunti sul posto, hanno messo in salvo lo sventurato viaggiatore.

A Bari  una donna di cinquant’anni è stata salvata dagli Agenti Polfer. La donna si è introdotta nello scalo ferroviario oltrepassando le transenne metalliche sperando di non essere vista. Ciò non è passato inosservato ai poliziotti che hanno capito immediatamente il gesto che voleva mettere in atto e l’hanno bloccata. La donna, in stato confusionale, ha poi ammesso di essersi recata in stazione per togliersi la vita gettandosi sotto un treno.

Un ottantaduenne in viaggio con il figlio sul treno Venezia-Trieste, che non è riuscito a scendere dal convoglio, rimanendo a bordo da solo e senza telefono cellulare. Grazie all’azione sinergica degli operatori Polfer e del personale di bordo di Trenitalia, l’anziano è stato rintracciato nella stazione dove era sceso una volta realizzato di essere rimasto solo e raggiunto dal figlio che lo ha potuto riabbracciare.

Infine a Modena è stato rintracciato un uomo cinquantenne leccese, allontanatosi dalla propria abitazione e del quale i familiari non avevano più notizie da diversi giorni. Gli agenti dopo averlo rifocillato e tranquillizzato, gli hanno consegnato una piccola somma di denaro e un biglietto ferroviario per tornare a casa. Una volta raggiunta la propria abitazione, l’uomo ha avvisato gli operatori e li ha ringraziati per l’aiuto fornito.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Sindaco Cimmino - «La nostra città alla ribalta ancora per fatti di cronaca»

Il nome della nostra città è tornato purtroppo alla ribalta delle cronache nazionali a causa di fatti gravissimi compiuti da criminali. E ancora una volta, grazie all’assiduo e costante lavoro delle forze dell’ordine, ...continua
Crollo Ponte Morandi. 14 Agosto 2018. Ricordiamo e rendiamo omaggio alle 43 vite spezzate da quella tragedia

...continua
Sospensione servizio idrico comune di Pimonte:ecco le zone interessate

 Sono in corso mancanze d'acqua e abbassamenti di pressione idrica a causa di un GUASTO IMPROVVISO, nelle seguenti zone del Comune di PIMONTE: Via Pizzo Via Belvedere ed in tutte le traverse della zona I tecnici ...continua
Castellammare di Stabia - Le drammatiche sequenze dell'aggressione al carabiniere

...continua
Carabiniere aggredito in pieno centro, il Circolo della Legalità: «A lui tutta la nostra solidarietà»

«Il Circolo della Legalità è sempre vicino a chi con orgoglio, dedizione e lealtà indossa la divisa per estirpare il cancro dai nostri territori» Castellammare di Stabia, 01 agosto 2020. – «Il Circolo della Legalità ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.