WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cultura / Istruzione

Scuola di Ponticelli - Napoli – “Distanti ma vicini – per una nuova ripartenza”

 ieri pomeriggio, 30 giugno dalle 18.30, al Lotto G di Ponticelli, Napoli, un incontro di festa, di aggregazione, di saluto che l’IC Aldo Moro di Ponticelli e i Maestri di Strada, che hanno supportato i docenti durante i due mesi di lockdown con attività di didattica a distanza, laboratori artistici virtuali, hanno voluto donare ai ragazzi e alle loro famiglie, per restituire senso e valore agli ultimi mesi di scuola “virtuale” affrontati con fatica e disorientamento. «Distanti ma vicini, questo momento vuole essere di restituzione per i ragazzi che hanno partecipato al progetto dell’IC Aldo Moro e di Maestri di Strada, un collaborazione che ha avuto al centro il laboratorio teatrale, sia in presenza che a distanza, con la realizzazione del cortometraggio “Alieni”», spiega Barbara Di Cerbo, dirigente dell’IC Aldo Moro, «Distanti ma vicini vuole dare un messaggio positivo e costruttivo, un esempio di ciò che la scuola può fare collaborando con le associazioni del territorio. Queste sono le buone pratiche che arricchiranno la scuola che si riaprirà a settembre».

Un fitto programma di proiezioni dei video sulle attività educativo-didattiche laboratoriali realizzate dagli allievi durante il periodo di lockdown, la consegna dei diplomi di fine anno scolastico ai ragazzi della terza media, l’anteprima di “ALIENI”, il cortometraggio a fumetti scritto e interpretato dagli giovani in collaborazione con gli educatori ed esperti di teatro di Maestri di Strada e dell’Associazione Trerrote e performance musicali e teatrali che hanno coinvolto numerosi studenti.

L’evento è stato ospitato nel Lotto G di Ponticelli, in quella che sarà la sede delle attività socioeducative di Maestri di Strada e altre associazioni del territorio, il futuro CUBO - Cantiere Urbano per la Cura del Bene Comune, intitolato a Ciro Colonna, giovane vittima innocente della camorra.

«La scuola del futuro è questa: educatori, famiglie, insegnanti, ragazzi, maestri di strada insieme. Perché deve essere così la scuola? Perché deve somigliare alla vita. Nella vita noi apprendiamo in ogni luogo, in ogni tempo e con qualsiasi persona», spiega Cesare Moreno, presidente di Maestri di Strada, «Per aprire, per riaprire la scuola bisogna aprire le menti, bisogna avere l’idea che non è la scuola che insegna, ma è la scuola che raccoglie insegnamenti dalla vita e aiuta i giovani a rielaborare ciò che serve loro per vivere meglio. Questo è stato possibile farlo anche con le scuole chiuse, a distanza, durante il lockdown per il coronavirus. Lo stiamo facendo ora, ed è molto importante ci siano dei dirigenti scolastici che siano sensibili e condividano questo nostro pensiero».
 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Confapi-Napoli su scuole: " I fondi di sistema integrato anche alle paritarie dell'infanzia"

NAPOLI – Si è tenuto, presso la sede della Regione Campania, il tavolo tecnico sulla programmazione e il riparto dell’annualità 2020 del Fondo di sistema integrato di educazione ed istruzione, alla quale hanno partecipato ...continua
Bullismo, Falco (Corecom Campania): “Aiutare vittime e aguzzini dai disturbi da stress post traumatico”

D’Amelio: “Azione di prevenzione importante, proseguiremo senza sosta per arginare fenomeno dilagante” Don Gerardo Ruberto: “Nei piccoli centri il fenomeno ha effetti devastanti sulla comunità” Nuovo appuntamento...continua
Nuovi banchi monoposto da 300 euro l’uno che arriveranno nelle scuole a settembre: esposto del Codacons

Sulla vicenda dei nuovi banchi monoposto da 300 euro l’uno che arriveranno nelle scuole a settembre, incombe un esposto del Codacons alla Corte dei Conti e all’Autorità Anticorruzione. “Depositeremo domani un esposto alla ...continua
Università - Svolta storica, stop alle borse di studio agli studenti violenti

Approvato il bando Edisu che prevede la revoca dei benefici a chi si rende protagonista di gravi comportamenti, tali da essere sanzionati con provvedimenti disciplinari degli Atenei superiori all’ammonizione. Un provvedimento di portata ...continua
Primo edificio del Centro di Biotecnologie e Medicina Traslazionaledell’Università di Torino

Con un ampliamento di 30.000 mq del progetto sull’area ex Scalo Vallino, il Centro di Biotecnologie e Medicina Traslazionaledell’Università di Torino si presta ad essere uno dei principali poli di ricerca del territorio piemontese ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.