WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cultura / Istruzione

Primo edificio del Centro di Biotecnologie e Medicina Traslazionaledell’Università di Torino

Con un ampliamento di 30.000 mq del progetto sull’area ex Scalo Vallino, il Centro di Biotecnologie e Medicina Traslazionaledell’Università di Torino si presta ad essere uno dei principali poli di ricerca del territorio piemontese e nazionale destinato all'insediamento di attività di ricerca che favoriranno la sinergia tra gruppi provenienti dai Dipartimenti di Biotecnologie, di Neuroscienze, di Tecnologie del Farmaco e Medicina dell'Università di Torino, ma anche a diventare un luogo aperto a incubatori di impresa e a parte del BiomedicalEngineering del Politecnico di Torino. Il primo lotto, realizzato a cura della Fondazione CIRP con il contributo della Regione Piemonte (15 milioni di euro), dell’Università di Torino (5 milioni di euro) e della Fondazione San Paolo (5 milioni di euro) sarà ultimato entro la fine di agosto.
Già dal mese di settembre, dopo i primi collaudi dell'opera, inizieranno i primi trasferimenti delle attività di ricerca.Il secondo lotto, realizzato dall’Ateneo a completamento dell’edificio in costruzione, vedrà l'inizio dei lavori a fine luglio.A darne l’annuncio, a pochi giorni del taglio del nastro l’assessore regionale alla Ricerca e ai Rapporti con l’Università, Matteo Marnati, e il Rettore dell’Università di Torino, Stefano Geuna.
«Si sta concretizzando la realizzazione di una infrastruttura fondamentale per l'ampliamento del centro di biotecnologie molecolari - ha spiegato Marnati - E questo permetterà a Torino e al Piemonte di realizzare uno dei centri di ricerca più grandi d'Italia. Ci sono molte aziende che aspettano di insediarsi e di creare nuove occupazioni».
«Il nuovo Centro di ricerca di Biotecnologie e Medicina traslazionale - ha spiegato il Rettore dell’Università di Torino, Stefano Geuna - è un importante investimento dell'Università di Torino per mettere a sistema la filiera della salute e della ricerca medica aprendola al territorio e alle imprese. Rispetto alla domanda di salute ed alle attese di adeguatezza e sostenibilità di modelli e strutture, gli investimenti in edilizia sanitaria e tecnologica da una parte e l’innovazione della ricerca, costituiscono elementi fondamentali di cambiamento per essere pronti alle sfide del futuro. In questo senso il Centro rappresenta un importante passo avanti verso il piano di sviluppo del settore della ricerca avanzata in campo medico nell'ottica del futuro Parco della Salute».






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Confapi-Napoli su scuole: " I fondi di sistema integrato anche alle paritarie dell'infanzia"

NAPOLI – Si è tenuto, presso la sede della Regione Campania, il tavolo tecnico sulla programmazione e il riparto dell’annualità 2020 del Fondo di sistema integrato di educazione ed istruzione, alla quale hanno partecipato ...continua
Bullismo, Falco (Corecom Campania): “Aiutare vittime e aguzzini dai disturbi da stress post traumatico”

D’Amelio: “Azione di prevenzione importante, proseguiremo senza sosta per arginare fenomeno dilagante” Don Gerardo Ruberto: “Nei piccoli centri il fenomeno ha effetti devastanti sulla comunità” Nuovo appuntamento...continua
Nuovi banchi monoposto da 300 euro l’uno che arriveranno nelle scuole a settembre: esposto del Codacons

Sulla vicenda dei nuovi banchi monoposto da 300 euro l’uno che arriveranno nelle scuole a settembre, incombe un esposto del Codacons alla Corte dei Conti e all’Autorità Anticorruzione. “Depositeremo domani un esposto alla ...continua
Università - Svolta storica, stop alle borse di studio agli studenti violenti

Approvato il bando Edisu che prevede la revoca dei benefici a chi si rende protagonista di gravi comportamenti, tali da essere sanzionati con provvedimenti disciplinari degli Atenei superiori all’ammonizione. Un provvedimento di portata ...continua
Scuola di Ponticelli - Napoli – “Distanti ma vicini – per una nuova ripartenza”

 ieri pomeriggio, 30 giugno dalle 18.30, al Lotto G di Ponticelli, Napoli, un incontro di festa, di aggregazione, di saluto che l’IC Aldo Moro di Ponticelli e i Maestri di Strada, che hanno supportato i docenti durante i due mesi di lockdown ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.