WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca / Giustizia

Il Diavolo di Mare e i delfini nell'alba del Parco Marino di Punta Campanella


Doppio avvistamento spettacolare questa mattina: un Mobula Mobular, meglio noto come Diavolo di Mare, nuota a pelo d'acqua al largo di Vetara, zona A dell'Area Marina Protetta. E due delfini illuminano l'aurora de Li Galli

Un doppio avvistamento spettacolare questa mattina per Antonio Gargiulo, pescatore di Massa Lubrense. Un Diavolo di Mare che nuota a pelo d'acqua al largo dello scoglio di Vetara, zona A del Parco Marino di Punta Campanella. E due delfini che saltano nell'alba che sorge dietro Li Galli, zona B dell'Area Marina Protetta.
L'avvistamento del Diavolo di Mare, nome scientifico Mobula Mobular, è particolarmente significativo e insolito. È una specie inserita nella lista rossa della IUCN, la lista delle specie a rischio di estinzione. Simile alla Manta, ma diverso per alcune caratteristiche, preferisce nuotare nelle profondità più buie e remote, a centinaia o anche addirittura migliaia di metri sotto il mare.
Questa specie è presente nel Mediterraneo ma è a rischio perché viene catturata accidentalmente durante diverse attività di pesca invasiva (tramagli, palangari, reti a strascico, reti da traino, trappole fisse per i tonni, pesca illegale con esplosivi). Si stima che nei prossimi decenni possa subire una drastica diminuzione di popolazione se non adeguatamente tutelata. La pesca del Diavolo di Mare è vietata e sono previste sanzioni di migliaia di euro.
"Sono video e presenze spettacolari che fanno bene al nostro mare- commenta Michele Giustiniani, presidente del Parco Marino- Ringraziamo i pescatori e quanti ci segnalano queste meraviglie che abbiamo tutti il dovere di tutelare".
"Un vero e proprio colpo di coda del lockdown- sottolinea Raffaele Di Palma, responsabile comunicazione Amp Punta Campanella, il cui ufficio stampa ha diffuso i video- La balenottera a Castellammare di Stabia, il Capodoglio tra Massa Lubrense e Capri, i delfini e ora il Diavolo di Mare, una specie a rischio di estinzione. Diffondere queste immagini spettacolari serve innanzitutto per accrescere la sensibilità ambientale e l'attenzione nei confronti del mare e dei suoi abitanti".
 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Napoli, Porto: Spaccio nella movida cittadina. Ancora un arresto dei Carabinieri in Largo San Giovanni Maggiore

 Ancora Largo San Giovanni Maggiore nel mirino dei controlli dei carabinieri del Comando Provinciale di Napoli.  Luogo in cui la movida vede assiepati centinaia di giovani, la piazza – questa notte - è stata teatro di un altro ...continua
Napoli: Carabinieri presidiano la città. Centinaia di controlli e decine di sanzioni

Senza sosta l’attività di controllo del territorio dei Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli. Nel mirino i quartieri orientali di Ponticelli e Poggioreale e quelli collinari Vomero e Arenella. Controllate complessivamente ...continua
Polizia di Stato - "Dangerous Images"

  La Polizia Postale e delle Comunicazioni ha concluso una complessa e  delicata attività d´indagine che ha portato alla denuncia in stato di libertà di 20 minorenni, in concorso tra ...continua
Poggiomarino: i miasmi tradiscono 43enne di Scafati. Aveva allestito una discarica abusiva in un terreno. Denunciato dai Carabinieri

I Carabinieri della Stazione di Poggiomarino hanno denunciato per la violazione della normativa sulla tutela dell’ambiente un 43enne di Scafati già noto alle forze dell’ordine.  Aveva creato una vera e propria discarica abusiva, ...continua
Sequestrato manufatto in via Manzoni a Napoli

Gli agenti della Polizia Municipale della Tutela Edilizia e U.O. Chiaia hanno individuato un manufatto realizzato in assenza di titoli autorizzativi in un area assoggettata a vincolo monumentale.Gli agenti di Polizia Giudiziaria, ai quali era stato ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.