WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cultura / Eventi

Vico Equense: storia, cultura e anche buon cibo!

Istituto scolastico "Costiero" di Vico Equense

Progetto "Scrittori in erba"

A cura di Letizia De Canio - classe I C

La Campania è luogo di molte tradizioni culinarie, dai dolci, come i famosi babbà o le sfogliatelle, ai formaggi, come ad esempio il noto Provolone del Monaco DOP. Vico Equense è una cittadina a un’ora di distanza da Napoli, nella Penisola Sorrentina: nonostante sia piccola, è piena di deliziose leccornie.
Si comincia dal Corso Umberto, dove è ubicata la rinomata e pluripremiata gelateria “Gabriele”, che fornisce ai clienti, grandi e piccini, una variegata quantità di gusti di gelato, da poter gustare sul posto o portare a casa. Questa gelateria è famosa anche per gli yogurt, le brioches, da mangiare da sole o ripiene di gelato e/o con la panna, i formaggi, le torte e molto altro. Questo paradiso di dolci, attualmente gestito dai fratelli Cuomo, nacque nel 1952 a Napoli, per essere poi trasferito a Vico, nel ’62. Cambiando prodotto, quando si parla di Napoli, si parla innanzitutto, di pizza (anch’essa un argomento niente male, questo è sicuro!). La pizza "Margherita" è nata a Napoli da uno chef che ha voluto cucinare alla regina Margherita, che regnava un tempo, una pizza che avesse i colori della bandiera italiana: la pizza margherita, infatti, è condita con pomodori, mozzarella e basilico. Ancora adesso è parte integrante della tradizione napoletana e vicana, tant’è che, da qualche anno, ad aprile, per ben tre giorni consecutivi, si organizza l’evento culinario “Pizza a Vico”, che cattura l’attenzione di moltissimi turisti e appassionati della famosa pizza.
Venendo a Vico Equense, non si può non andare a fare visita alla “Pizza a Metro”, la famosa pizzeria fondata da Luigi dell’Amura, detto "Gigino", negli anni ’30 (brevettata negli anni ’60), a Vico Equense, definita così perché, come dice il nome, i clienti la possono ordinarla a misura, da 25cm a 2 metri. Essa viene proposta sia in un’unica forma sia in vari gusti, separati da striscioline di pasta. Oggi l’attività, che può arrivare fino a duemila posti al chiuso conteporaneamente, è gestita dalla terza generazione e il cosiddetto “mastro pizzaiolo” è l’esperto Raimondo Cinque. A rendere questa struttura particolare è il fatto che, grazie al grande vetro della cucina a vista, si può osservare l’armonioso lavoro dei pizzaioli.
Vico Equense, oltre ad avere grandiosi ristoranti e pasticcerie, ha anche dato al mondo due chef di fama nazionale: Antonino Cannavacciuolo e Gennaro Esposito. Quest’ultimo ha aperto un ristorante alla Marina di Seiano di Vico Equense, denominato “La Torre del Saracino” , mentre Cannavacciuolo ha deciso di spostarsi al nord, con non meno successo. Vico Equense ha dato anche i natali a prodotti caseari gustosissimi.Tipico di Vico, come già citato, è il provolone del Monaco: un formaggio stagionato in una cantina di roccia calcarea con i lapilli vesuviani a terra, in modo da tenere la temperatura costantemente a 15 gradi, a pasta filata. Buonissimi anche i burrini, ossia dei caciocavalli col cuore di burro ed i diavoletti: una variante dei burrini ma con l’aggiunta di olive nere.
Per passare o, meglio, ritornare ai dolci, non va trascurato il tipico dolce napoletano, cioè il “babbà”, che viene preparato con uova, sale fino, burro, farina, zucchero, lievito di birra fresco con una bagna composta da rum, acqua e zucchero. Questo dolce è nato in Francia nel medioevo, per poi diventare parte integrante della tradizione napoletana.

 

 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Luglio a Procida: Il labirinto, miti e misteri dentro di noi

I prossimo fine settimana il calendario eventi vede come protagonista la letteratura con le serate di reading teatralizzate organizzate dalla Biblioteca comunale don Michele Ambrosimo e dal gruppo de "l'Amato libro" che si terranno ...continua
All'Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere, Baracca dei Buffoni in scena con Come una bestia!

Venerdì 10 luglio, ore 21, all’Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere, sito a Piazza Adriano, 35 a Santa Maria Capua Vetere, per Arena Spartacus Festival, la Baracca dei Buffoni presenta “Come una bestia”, per la ...continua
Pozzuoli "Città che legge" per il biennio 2020-2021, riconoscimento del Ministero dei Beni Culturali

Pozzuoli è tra i 73 comuni italiani, con popolazione compresa tra i 50 mila e i 100 mila abitanti, ad aver ricevuto la qualifica di “Città che legge” per il biennio 2020/2021, un'attestazione del Ministero dei Beni ...continua
In programma la conferenza stampa di "Vietri in Scena"

Mercoledì 8 luglio, alle ore 11.00 presso la Sala giunta di Vietri sul Mare si terrà la conferenza stampa di presentazione dell'edizione 2020 di "Vietri in Scena", la kermesse di spettacoli che si tiene ogni anno nel ...continua
Napoli, nel Giardino Romantico di Palazzo Reale, Collettivo LunAzione e Fondazione Teatri di Napoli–Teatro Bellini presentano “Il Colloquio”

Domenica 12 luglio, alle ore 21, nel Giardino Romantico di Palazzo Reale Collettivo LunAzione e Fondazione Teatri di Napoli – Teatro Bellini presentano “Il Colloquio”, progetto e regia a cura di Eduardo Di Pietro, con Renato Bisogni, ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.