WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca / Giustizia

DDA Napoli - Nuovo ordine di custodia cautelare nei confronti di Francesco Schiavone

Nella mattinata odierna, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, nei confronti di SCHIAVONE Francesco – “Cicciariello”, nato a Casal di Principe il 6 gennaio 1953, già detenuto presso la Casa Circondariale di Novara, perché ritenuto mandante dell’omicidio (aggravato dal metodo mafioso) di LUBRANO Raffaele classe 1959 alias “Lello”, figlio del capo clan Vincenzo, avvenuto a Pignataro Maggiore il 14 novembre 2002. La vittima dopo aver lasciato la sua azienda, nel mentre si trovava a bordo della propria autovettura veniva raggiunto ed affiancato dai killer che iniziavano ad esplodere una serie di colpi d’arma da fuoco al suo indirizzo. Il Lubrano, nel disperato tentativo di sottrarsi all’azione di fuoco, riusciva ad invertire la marcia, tentando la fuga in direzione del centro abitato per poi essere raggiunto e finito dai killer. Gli autori dell’efferato delitto dileguavano in direzione di Pastorano, abbandonando l’Alfa Romeo, risultata rubata, in località Arianova, dove veniva rinvenuta bruciata.

L’omicidio è da inquadrare nella guerra di camorra tra il clan dei casalesi e quello locale dei Lubrano-Ligato per la supremazia sul territorio di Pignataro Maggiore. Gli interessi criminali dei due sodalizi avevano originato molte frizioni alle quali erano poi seguite tregue strategiche durante le quali la fazione casalese era riuscita ad imporre le proprie regole.

La misura cautelare è stata emessa al termine di una mirata attività d’indagine e di riscontro, avviata nel 2019, che ha consentito di accertare il coinvolgimento del sopra indicato SCHIAVONE nell’omicidio Lubrano. In particolare si è provveduto a connettere le numerose e convergenti dichiarazioni rese da importanti e qualificati collaboratori di giustizia con le risultanze acquisite in occasione delle investigazioni svolte nell’immediatezza dell’omicidio, che hanno condotto alla recente condanna di Vincenzo Schiavone ‘o Petillo per il medesimo fatto.


 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Napoli - Fidanzatini fermati con pistole giocattolo

Controllo capillare del territorio e presenza rassicurante: questi alcuni degli obbiettivi a fondamento degli svariati presìdi di legalità disposti ogni giorno dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Napoli. Forte l’attenzione ...continua
San Nicola la Strada - Arrestato un uomo per spaccio di droga

A San Nicola la Strada, i carabinieri della sezione radiomobile della Compagnia di Marcianise hanno tratto in arresto per spaccio di sostanza stupefacente un 23enne del Gambia, in Italia senza fissa dimora. Il giovane è stato sorpreso ...continua
Pozzuoli - Carabinieri presidiano la "movida"

Ancora “movida” al centro dei controlli dei Carabinieri della compagnia di Pozzuoli, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale di Napoli. Considerata la recente riapertura delle discoteche ed il rinnovato affollamento ...continua
Torre Annunziata – Sicari sparano contro esponente del clan Gionta

Gli inquirenti non hanno dubbi, gli spari nella folla al corso Vittorio Emanuele III alle 21.00 si ieri erano all'indirizzo di Salvatore Palumbo detto Tore 'o mmaccate, esponente di spicco del Clan Gionta, da poco uscito dal carcere. I ...continua
Sgominata organizzazione criminale dedita allo spaccio di droga in tutta Italia

I Carabinieri della Compagnia di Casal di Principe, nell’ambito di un’articolata indagine coordinata dalla DDA di Napoli, hanno eseguito - nelle province di Caserta, Napoli, Modena e Lucca - un’ordinanza di misura cautelare, emessa ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.