WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cultura / Istruzione

La Scuola fuori dagli Schermi

di carmine cascone

Sarà il 17 giugno 2020 data in cui le mura scolastiche rivedranno gli alunni, materiale umano strappato dalla vita quotidiana all'indomani della pandemia. Sempreché non ci siano ripensamenti o dietrofront improvvisi del governo dettati da situazioni più o meno accettabili.

 

Il vero nodo, che toglie le già agitate nottate italiane, rappresenta la mancanza di certezza e di modalità sul ritorno in aula a settembre. Ma oltre quella distanza temporale, deve essere colmata un'altra con decisioni che dettano le regole in questi tre mesi che distanziano il countdown dell'inizio delle lezioni.

 

La pandemia, forse, negherà la possibilità del saluto degli alunni che dall'ultimo anno delle scuole elementari passeranno alle medie e dalle medie alle superiori e così via. Una lacerazione che non ha uguali nel tempo se non in momenti di ricordi bellici e di ghetti tristemente passati alla storia.

 

La cosiddetta DAD (didattica a distanza), altro acronimo aggiunto al lessico scolastico, la quale ha dimostrato di tagliare fuori un alunno su tre. Un po come la caduta del muro di Berlino che mostrò al mondo più che i limiti dell'est europeo i nostri, incapaci di assorbire l'urto dell'oriente europeo. Ha fatto l'ingresso prepotente in alcune famiglie, ma non in tutte purtroppo.

 

E' proprio la città partenopea a gridare con uno slogan “Usciamo dagli Sche(r)mi”a far capire in maniera inequivocabile la voglia di ritornare in classe. Si, ma con quali modalità, con quali regole? Di come sarà la scuola a settembre, il Comitato tecnico scientifico fa sapere che in mensa valgono le stesse regole dei ristoranti; buffet vietati e personale con i guanti e mascherine.

 

Per le aule, gli alunni di 6 anni  obbligo di mascherina, solo alla lavagna e con 2 metri di distanza minima si potrà abbassare a favore della comprensione dell'interrogazione. Nessuna mascherina per i bimbi della materna. Gel igienizzante in ogni istituto per alunni e docenti. Guanti non saranno obbligatori, un metro di distanza tra i banchi, ingressi scaglionati per evitare affollamenti. Mentre tra le ipotesi della didattica, sono previste lezioni d 45 minuti e la possibilità anche di usufruire di uno spazio all'aperto.

 

Limitatamente alla città di Castellammare di Stabia, molti genitori si chiedono al di là delle regole di carattere generali, quali saranno le norme che potranno essere applicate nelle nostre scuole. Cosa è stato fatto durante questo periodo di stop per l'edilizia scolastica, cosa si farà in futuro durante i mesi estivi per il ripristino delle minime norme di sicurezza da applicare. Visto e considerato l'assalto agli stabilimenti balneari, che sicuramente ci sarà, saranno organizzati i centri estivi (alle Terme) come negli anni scorsi.

 

Proprio nella fase estiva, quali agevolazioni ci saranno per tutte quelle famiglie che già sono state tagliate fuori dalla didattica a distanza, subiranno anche la mancanza di regola e di alternative, messe insieme in modo raffazzonato?

 

Le domande poste sul tavolo da numerosi genitori preoccupati dalla mancata gestione di regole e di alternative che possano porre in essere un incipit che venga incontro ai casi più disparati e non creare un solo modello uno standard che tenga conto solo di alcune esigenze e non di tutte.

 

La scuola in questo momento è ancora in fase di stallo, la Fase Due non è ancora iniziata, tuttavia si spera che l'amministrazione stabiese dia un vero è proprio indirizzo sapendo cogliere anche le opportunità, ed approfitti della sospensione dell'attività didattiche in presenza per dare un indirizzo e fare opere di edilizia scolastica rimandata da anni.

 

 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Università - Svolta storica, stop alle borse di studio agli studenti violenti

Approvato il bando Edisu che prevede la revoca dei benefici a chi si rende protagonista di gravi comportamenti, tali da essere sanzionati con provvedimenti disciplinari degli Atenei superiori all’ammonizione. Un provvedimento di portata ...continua
Scuola di Ponticelli - Napoli – “Distanti ma vicini – per una nuova ripartenza”

 ieri pomeriggio, 30 giugno dalle 18.30, al Lotto G di Ponticelli, Napoli, un incontro di festa, di aggregazione, di saluto che l’IC Aldo Moro di Ponticelli e i Maestri di Strada, che hanno supportato i docenti durante i due mesi di lockdown ...continua
Primo edificio del Centro di Biotecnologie e Medicina Traslazionaledell’Università di Torino

Con un ampliamento di 30.000 mq del progetto sull’area ex Scalo Vallino, il Centro di Biotecnologie e Medicina Traslazionaledell’Università di Torino si presta ad essere uno dei principali poli di ricerca del territorio piemontese ...continua
Scuola - Linee Guida per settembre inutili se non aumentano organici e classi

  Sul piano per la ripresa delle attività didattiche a settembre, che si aggiunge al protocollo sulla sicurezza e ai tavoli regionali, il sindacato Anief ha detto al ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina e ai direttori degli ...continua
Le proposte del CODACONS sulla scuola

Le linee guida dal Ministro dell’istruzione Azzolina per la riapertura delle scuole sono per il Codacons inadeguate e inattuabili, e non garantiscono una ripresa delle attività in totale sicurezza. “Le indicazioni fornite dal ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.