WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca / Giustizia

Potere al Popolo - La GORI colpisce ancora

Questa settimana lo sportello legale della Casa del Popolo COHIBA di Nocera Inferiore ha ricevuto tante telefonate di persone che stanno avendo problemi con la Gori, ma la storia che stiamo per raccontare è incredibile!

Un cittadino di Nocera Inferiore si è visto recapitare un DECRETO PENALE DI CONDANNA a 4 mesi di reclusione e migliaia di euro di multa, commutati tutti in una sanzione pecuniaria di oltre 6 mila euro per aver effettuato un allaccio alla rete idrica non autorizzato. Ma andiamo con ordine.

La famiglia in questione, trasferitasi in una nuova abitazione, ha regolarmente fatto richiesta di allaccio idrico alla Gori, per sentirsi dire che ci sarebbe voluto almeno un mese di tempo per poterlo ottenere. E nel frattempo? Niente, nessuna soluzione dagli uffici della Gori.

La famiglia, composta da anziani e minori, trovatasi in una situazione di estrema necessità e difficoltà, non ha avuto altra alternativa che effettuare un allaccio non autorizzato, in attesa di ottenere quello ufficiale.

Ricordiamo che la Gori è quella società per la quale la Corte dei Conti ha accertato un danno alle casse della Regione di oltre 423 milioni di euro in dieci anni, che è sotto i riflettori della magistratura per assunzioni gonfiate e per un sistema clientelare e affaristico che dovrebbe soltanto portare a condannare l’operato dei dirigenti e del sistema politico che ne regge ancora le sorti, una società che dovrebbe essere liquidata immediatamente e dovrebbe essere costretta a restituire ogni centesimo sottratto alle casse della Regione.

Non accettiamo quindi lezioni di legalità dalla Gori, soprattutto se riguarda il nostro sacrosanto diritto di accesso all’acqua. Noi cittadini non siamo in debito con la Gori, ma siamo in credito!

E non possiamo permettere che famiglie in difficoltà restino sole ad affrontare l’arroganza di una società che bada soltanto al proprio profitto, lucrando sul bene comune più prezioso che abbiamo.

Faremo opposizione al decreto penale e continueremo a opporci a questa società con tutti i mezzi che abbiamo.
 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Sequestrato manufatto in via Manzoni a Napoli

Gli agenti della Polizia Municipale della Tutela Edilizia e U.O. Chiaia hanno individuato un manufatto realizzato in assenza di titoli autorizzativi in un area assoggettata a vincolo monumentale.Gli agenti di Polizia Giudiziaria, ai quali era stato ...continua
il bilancio dei primi 10 giorni di luglio della Polizia di Stato in ambito ferroviario.

25 arrestati, 327 indagati e oltre 60.000 identificati. 7 tonnellate di rame granulato e 40 tonnellate di materiali ferrosi recuperati. 235.000 euro di sanzioni elevate per gestione illecita di rifiuti. 25 arrestati, 327 indagati e 60.075 identificati...continua
Vairano Patenora - Sequestrato bosco per uso illeciro

Militari appartenenti alla Stazione Carabinieri Forestale di Vairano Patenora (CE), durante un’attività di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione degli incendi boschivi, hanno accertato in comune di Vairano Patenora (CE), ...continua
Sessa Aurunca - Sequestrati 250 Kg di marijuana e arrestate tre persone

In Sessa Aurunca, i carabinieri dell’Aliquota Operativa della locale Compagnia hanno tratto in arresto, per coltivazione di piantagione di marijuana, tre persone italiane: un 35enne del posto, un 24enne ed un 23enne di Marano di Napoli. I ...continua
Frignano - Arrestato un 42enne per maltrattamenti in famiglia

In Frignano, i carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto un 42enne del posto per maltrattamenti in famiglia nei confronti della 42enne moglie convivente, detenzione di arma clandestina, e possesso di documenti falsi. L’uomo, ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.