WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Economia / Lavoro

Campani, Forum Terzo Settore e alleanza delle cooperative

La Regione dia un indirizzo per l'applicazione dell'articolo 48 del Cura Italia

Buona parte del futuro delle organizzazioni che erogano servizi sociali e socio - sanitari in Campania dipende da come Comuni, Asl e Ambiti sociali applicheranno l’art. 48 del decreto legge n. 18 del 17 marzo 2020 c.d. “Cura Italia”. Infatti, il dl 18/2020 recita all’art. 48, comma 2: “Durante la sospensione dei servizi educativi e scolastici e dei servizi sociosanitari e socioassistenziali (…), le pubbliche amministrazioni sono autorizzate al pagamento dei gestori privati dei suddetti servizi per il periodo della sospensione”; in sostanza si dà atto che l’interruzione del servizio deriva da cause di forza maggiore e che le sue conseguenze non possono dunque ricadere sul gestore e i suoi lavoratori.



La norma prevede per i servizi sospesi per l’emergenza sanitaria da Covid-19 (servizi all’infanzia, asili nido, centri diurni, educative territoriali, educative domiciliari, assistenza domiciliare sociale e socio-sanitaria, ecc.) la rimodulazione degli interventi insospendibili nel rispetto delle disposizioni di sicurezza e in una modalità di coprogettazione ed invita le amministrazioni locali al pagamento per le somme già stanziate a bilancio. Il direttivo del Forum del Terzo settore della Campania e l’Alleanza delle Cooperative della Campania, settore sociale (Agci, Confcooperative, Legacoop), rivolgono un appello alla Regione affinché si intervenga con una delibera di Giunta che dia un indirizzo sull’applicazione dell’art. 48 che, ad oggi, viene disatteso o interpretato in maniera differente sui diversi territori.



“La maggior parte dei servizi territoriali socio – educativi (servizi all’infanzia, asili nido, centri diurni, educative territoriali, educative domiciliari, assistenza domiciliare sociale e socio-sanitaria, ecc.,) sono sospesi, tanti sono gli Ambiti territoriali che non hanno provveduto a riprogrammarli insieme alle strutture e agli operatori che li erogano. Ne consegue una non applicazione delle disposizioni di legge che, invece, salvaguardano da una parte le persone bisognose di assistenza e dall’altra il lavoro di centinaia e centinaia di addetti. Gli effetti sono due: un maggior isolamento di chi già vive in condizioni difficili e un indebolimento delle strutture erogatrici che, però, stanno cercando, responsabilmente, di non far mancare la vicinanza agli utenti. Per questo riteniamo urgente una presa di posizione della Regione Campania, sulla falsariga di quanto fatto da altre Regioni italiane, affinché guidi gli enti locali ad una applicazione univoca della norma e in linea con la sua stessa ratio” osserva il direttivo del Forum del Terzo settore della Campania.



E incalza l’Alleanza regionale delle Cooperative, settore sociale:



“Senza un ragionamento condiviso sull’art. 48 sarà impossibile immaginare l’avvenire dei servizi alla persona. Non è possibile lasciare la questione ai singoli territori, creando disuguaglianze tra i cittadini innanzitutto e di riflesso tra le organizzazioni erogatrici. Bisogna tener presente che le strutture già soffrono per i ritardi nei pagamenti: servizi prestati quattro anni fa in alcuni casi non sono stati ancora pagati. È necessario un atto di responsabilità da parte della Pubblica Amministrazione o si rischia di minare la tenuta dei livelli essenziali di assistenza e del welfare locale. Confidiamo in una posizione chiara e unificatrice della Regione Campania”.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Confapi, 23mila cittadini abbandonano la Campania

NAPOLI – «I dati Istat sul bilancio demografico per le regioni del sud e, in particolare, per la Campania sono assolutamente preoccupanti. E purtroppo per noi sono tutt'altro che imprevisti: il Mezzogiorno è diventato un luogo ...continua
Carinaro, operaio muore schiacciato dalla sponda idraulica. La Ugl Caserta proclama un giorno di lutto

La Ugl Caserta esprime tutto il suo sconcerto per quanto accaduto questa mattina nella zona Asi di Carinaro dove un operaio cinquantenne è morto dopo essere rimasto schiacciato da un macchinario.   La nostra ...continua
Mezzi della CTP ancora fermi e disagi a Pozzuoli, il sindaco: "Situazione inaccettabile, l'azienda dia una risposta immediata!"

"I mezzi della CTP restano ancora fermi. Tutto questo è inaccettabile, per i pendolari ormai costretti a restare a piedi e per il personale senza stipendio da mesi. Si sta consumando una crisi della mobilità che coinvolge centinaia ...continua
A. D’Angelo (Ugl Giovani Caserta) chiama a raccolta gli studenti della provincia

“Sono preoccupata per il destino degli studenti della provincia di Caserta che auspicano il ritorno alla normalità, nel rispetto delle indicazioni e delle misure di sicurezza, volte alla prevenzione dei contagi, causa emergenza sanitaria ...continua
Napoli, il Vice Sindaco, Enrico Panini, ha incontrato Confcommercio

Nella giornata di ieri, 9 luglio, il Vice Sindaco Enrico Panini ha incontrato Confcommercio, rappresentata da Marco Cantarella, ed una delegazione di librai napoletani composta da Gianfranco Lieto, Presidente ALI Confcommercio Napoli, Francesco ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.