WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cultura / Eventi

Presepe vivente al carcere femminile di Pozzuoli

Questo progetto del CPIA NAPOLI PROVINCIA 1/sede associata nella Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli prevede la partecipazione di circa 40 allieve italiane e straniere iscritte ai corsi di Scuola per Adulti nel carcere.
E’ la fase conclusiva di un percorso didattico che attraverso la contestualizzazione cronologica, storica e ambientale della Natività, lo studio critico di simbologie, personificazioni e allegorie nell’arte napoletana del presepe, il confronto tra fedi e religioni diverse, ha reso possibile l’allestimento di un itinerario presepiale multietnico e inclusivo, un percorso di concreta mediazione culturale.
Nei quadri plastici convivono: personaggi della tradizione popolare, simboli di cicli storici antichi pagani e cristiani, coreografie di azioni e gesti desunti dall’iconografia religiosa e popolare, musiche e voci narranti che scandiscono i diversi momenti del percorso.
Le alunne sono state guidate alla selezione di testi della tradizione letteraria sacra e profana, alla creazione di costumi con la tecnica seamless (abiti senza cuciture), alla fusione di sonorità classiche, contemporanee, popolari, orientali, africane, all’utilizzo, in una realizzazione scenica originale, “di  ciò che serve ad altro o di ciò che non serve affatto”.
Per tutti questi motivi il progetto assume un grande valore trattamentale oltre che didattico, e merita di essere visto da persone ‘libere’ che possano riconoscere lo sforzo delle detenute e di tutta l’amministrazione penitenziaria.
Quest’anno, per la prima volta dopo 5 edizioni, la CCF apre al territorio e permette a chiunque sia interessato, previa prenotazione e successiva autorizzazione, compatibilmente con le disposizioni normative vigenti, di accedere alla struttura per seguire l’itinerario della Natività. L’evento avrà luogo dal 10 al 12 dicembre 2019 alle ore 15, organizzato in gruppi di max 25 persone, ogni 45 minuti, non più di tre gruppi.
Lo spirito è quello di coinvolgere la società esterna per abbattere diffidenza e preconcetti.
Per prenotarsi è è possibile avanzare richiesta a: adriana.intilla@giustizia.it, entro e non oltre il                     22 novembre 2019.
Nella prenotazione dovrà essere obbligatoriamente indicato: nome, cognome, luogo, data di nascita, orario di partecipazione (ore 15,00 – ore 15,50 – ore 16,35), mail e recapito telefonico. Ogni richiesta accolta, riceverà un messaggio di conferma o meno, che varrà come pass di accesso in istituto.

 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Casina Vanvitelliana, ingresso gratuito ogni prima domenica del mese

Si comunica che ogni prima domenica del mese, la Casina Vanvitelliana sarà visitabile gratuitamente, a partire già dal mese di febbraio. Lo rende noto il Sindaco Josi Gerardo Della Ragione: "Abbiamo deciso di adottare anche per ...continua
Gira l’Italia a piedi, tappa ad Agerola per Elio Brusamento

È stato il sindaco di Agerola Luca Mascolo a dare il benvenuto all’alpinista Elio Brusamento, il Forrest Gump padovano residente ad Udine dove tornerà alla fine di questa impresa davvero straordinaria: percorrere l’Italia ...continua
Il valore della memoria: posate le prime 4 pietre d'inciampo dedicate alle vittime sangiorgesi della furia nazista

San Giorgio a Cremano, 20 gennaio 2020 - Il valore della memoria. E' iniziata oggi a San Giorgio a Cremano, la settimana dedicata al ricordo delle vittime del nazifascismo e delle leggi razziali, organizzata dall'I.C. Stanziale, diretto ...continua
Bacoli, verso la giornata della memoria "Per non dimenticare": incontro pubblico a Villa Scalera

In previsione della Giornata della Memoria, ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata per commemorare le vittime dell'Olocausto, il Comune di Bacoli è lieto di ospitare il Dott. Haim Goldfus, archeologo ...continua
San Catello alla Fincantieri di Castellammare di Stabia

La statua di San Catello nel cantiere navale San Catello e Fincantieri, due straordinari simboli della nostra città. L'emozionante tappa della processione nello stabilimento di Castellammare di Stabia. Il suono della sirena scandisce ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.