WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca / Giustizia

Cronaca.Poggiomarino- Caserta - Ercolano

Poggiomarino: spaccio nei pressi della stazione ferroviaria. Carabinieri eseguono 3 ordinanze di custodia cautelare

I carabinieri della Stazione di Poggiomarino hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Torre Annunziata, su richiesta della locale Procura della Repubblica, a carico di 3 persone, indagate per detenzione e spaccio di stupefacenti. Si tratta di MOUHRIZ Abderrahim, 33enne di origine marocchina già noto alle forze dell’ordine e di due cugini incensurati di 19 e 22 anni incensurati; tutti sono residenti a Poggiomarino. I militari si sono messi sulle tracce degli indagati dopo un’aggressione tra due cittadini marocchini, avvenuta a novembre 2018 e maturata nell’ambito dello spaccio di stupefacenti. Grazie all’analisi dei contenuti di uno smartphone, perso da uno dei soggetti coinvolti nell’aggressione durante un inseguimento con i carabinieri, ed alle successive intercettazioni telefoniche è stata individuata una piazza di spaccio attiva nell’abitato di Poggiomarino. Tra gennaio e marzo 2019, in particolare, i militari hanno effettuato numerosi riscontri di vendita di hashish e marijuana a molti acquirenti soprattutto nei pressi della stazione ferroviaria di Poggiomarino e in strade secondarie del centro storico. Previo contatto telefonico o messaggio inviato agli spacciatori, gli acquirenti raggiungevano il luogo convenuto, il più delle volte senza specificare il motivo dell’incontro; in altre circostanze, ricorrendo ad un linguaggio in codice, gli acquirenti chiedevano di farsi consegnare una “medicina da 100” o “da 50”, oppure di vedersi per un “lavoro di mezza giornata”, in tutti i casi riferendosi al quantitativo di stupefacente richiesto. In diverse occasioni gli indagati raccomandavano di usare prudenza perché potevano esserci carabinieri in borghese nei paraggi, per cui le consegne dovevano avvenire con estrema rapidità. Spesso, effettuata la consegna “lampo” della droga, gli spacciatori si dileguavano immediatamente correndo sui binari. Nel corso delle indagini è emersa peraltro l’eccezionale “reattività” degli indagati rispetto alle numerose richieste avanzate dagli acquirenti, in ogni ora del giorno, e la costante disponibilità dello stupefacente. In un caso, di fronte all’impossibilità di garantire la vendita entro i tempi garantiti, un acquirente protestava vivacemente riferendo all’interlocutore che se avesse voluto “diventare Pablo Escobar” avrebbe dovuto modificare atteggiamento e mostrarsi “sempre all’erta con i clienti”. Le indagini hanno consentito di ricostruire decine di episodi di compravendita e comporre un solido quadro indiziario, anche grazie ai numerosi servizi di osservazione e pedinamento. Ai 2 indagati di 33 e 22 anni è stata applicata la misura degli arresti domiciliari mentre al 19enne l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

SEQUESTRO DI OPIFICIO CALZATURIERO. I CARABINIERI DEL NOE DI CASERTA DENUNCIANO 1 PERSONA. Nella perseverante azione posta in essere dai Carabinieri del Comando per la Tutela Ambientale per contrastare il fenomeno dello smaltimento illecito dei rifiuti speciali nella cosiddetta “TERRA DEI FUOCHI”, i Carabinieri del NOE di Caserta hanno proceduto al sequestro di un opificio calzaturiero nel comune di Aversa. Nel dettaglio, nell’ambito di mirati servizi, è stato individuato un opificio all’interno del quale veniva svolta l’attività di calzaturificio, in totale assenza di titoli autorizzativi per le emissioni in atmosfera ed in spregio alla normativa sulla regolare tenuta e smaltimento dei rifiuti speciali, anche pericolosi, prodotti dall’azienda. I militari hanno rinvenuto, ammassati all’interno della struttura, ingenti quantitativi di rifiuti costituiti da imballaggi misti in plastica contenenti colle e residui di sostanze infiammabili e corrosive, utilizzate per la produzione di scarpe, nonchè bustoni in cellophane contenenti scarti di pellami, carta e cartone. Il legale rappresentante dell’attività è stato denunciato a piede libero alla competente Autorità Giudiziaria per: · emissione in atmosfera non autorizzata; · attività di gestione non autorizzata di rifiuti, con conseguente sequestro dell’opificio e dei rifiuti in esso contenuti per un valore complessivo di circa 500 mila Euro;.

Ercolano: rapina 3 bottiglie di birra. carabinieri arrestano 31enne

Nella giornata di ieri i militari della tenenza carabinieri di Ercolano hanno tratto in arresto per rapina ai danni di un supermercato un trentunenne già noto alle forze dell’ordine domiciliato a Torre del Greco. l’uomo ha sottratto 3 bottiglie di birra da un supermercato quindi si è dato alla fuga dopo aver avuto una colluttazione con il responsabile del supermercato. I carabinieri sono intervenuti sul posto e hanno rintracciato l’uomo al quinto piano di uno stabile dove si era nascosto per evitare l’arresto. Ultimate le formalità di rito, il trentunenne è stato tradotto al carcere di Poggioreale. A seguito della colluttazione il direttore dell’esercizio commerciale è dovuto ricorrere alle cure mediche riportando lesioni ritenti guaribili in 5 giorni.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Bloccati i responsabili dell'abbandono e incendio dei rifiuti: sinergia tra Tutela Ambientale della Polizia Municipale ed Esercito Italiano

Il personale della Polizia Locale appartenente alla Tutela Ambientale in attività congiunta con l'Esercito Italiano nell'ambito del programma "Terra dei Fuochi" ha sorpreso in data odierna uno sversamento abusivo nella ...continua
Eboli, sequestrato impianto di compostaggio dei rifiuti. Denunicate tre persone

Continuata l’azione di controllo dei Carabinieri del Comando per la Tutela Ambientale per contrastare il fenomeno delle violazioni in materia ambientale presso i principali impianti di trattamento di rifiuti della Provincia di Salerno. Ad ...continua
Cronaca. Castel Volturno (Ce)-Casoria-Mugnano di Napoli

In Castel Volturno (Ce), località Pinetamare, nell’ambito di specifico servizio finalizzato a contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, i militari della locale Stazione hanno tratto in arresto D.G., cl. 81, del ...continua
Rifiuti ed emissioni in atmosfera – Sequestrata un’azienda

Contursi Terme (SA) - I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Buccino hanno scoperto la gestione illecita di rifiuti presso un’azienda che produce complementi per l’edilizia situata nell’area industriale di Contursi ...continua
Napoli e Provincia: Carabinieri scovano 16 lavoratori “in nero”. 8 imprenditori denunciati in un servizio di contrasto al lavoro sommerso

 Contrasto al lavoro sommerso uno dei temi al centro dei controlli disposti in questi giorni dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Napoli. Decine di attività commerciali in città e provincia sono state ispezionate per verificare ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.