WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca / Giustizia

Melito di Napoli - Servizio straordinario di controllo del territorio. 3 arresti e 2 denunce


Servizio straordinario di controllo del territorio dei carabinieri della Tenenza di Melito e della Sezione Operativa di Marano di Napoli, con il supporto di unità cinofile del nucleo di Pontecagnano. L’attività, finalizzata al contrasto dello spaccio di stupefacenti, è stata condotta nel complesso di edilizia popolare “Parco Monaco” di Melito di Napoli. considerato come una delle più attive piazze dell’hinterland partenopeo. Al momento del blitz, i militari hanno subito sorpreso in flagranza di reato due persone, considerate il pusher e il palo che in quel momento stavano spacciando. Si tratta rispettivamente di C.L.., napoletano di 46 anni, e R.D., 28enne del posto, entrambi già noti alle forze dell’ordine. C.L., alla vista degli operanti, ha tentato di fuggire grazie alla collaborazione di una donna, P.G., residente nel rione, denunciata per favoreggiamento in quanto consentiva allo spacciatore di entrare nella propria abitazione per eludere il controllo. Individuato dai militari e perquisito, è stato trovato in possesso di un borsello contenente circa 70 dosi tra cocaina, hashish e marijuana e circa 400 euro provento di spaccio. Altri 300 euro, provento illecito, li nascondeva il “palo” nelle sue tasche. I due arrestati per concorso in spaccio sono stati tradotti al carcere di Poggioreale in attesa di giudizio. I militari, con il supporto delle unità cinofile, hanno poi effettuato una serie di perquisizioni domiciliari: nell’abitazione di una donna, S.F., 33enne melitese, sono state sequestrate circa 780 dosi tra marijuana e hashish per un peso di quasi 2 kg. Nelle disponibilità della donna anche materiale vario per il confezionamento. Arrestata, è stata sottoposta agli aa.dd. in attesa di giudizio. Un ulteriore controllo nell’abitazione di un soggetto detenuto ai domiciliari ha consentito di sequestrare alcune banconote false e circa 8000 euro in contante. Ritenuto di dubbia provenienza il denaro è stato sequestrato e l’uomo denunciato.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Torre Annunziata - Chiuso un negozio di prodotti ittici ed arrestato un uomo

Proseguono incessantemente i controlli dei carabinieri nelle aree a maggior rischio del centro storico oplontino. Le operazioni dei militari dell’arma si sono focalizzate nella zona sud, tra il rione Murattiano e Torre Centrale. I Carabinieri ...continua
Ischia: violenta aggressione in Riva Destra del Porto

  I Carabinieri della Stazione di Ischia hanno denunciato per lesioni personali aggravate un 33enne di Napoli già noto alle ff.oo. ed un 23enne di Ischia incensurato. I due - nella prima mattinata dello scorso 4 agosto ...continua
Somma Vesuviana. Simulano falso incidente stradale per nascondere infortunio di un lavoratore a nero

I Carabinieri di somma vesuviana hanno denunciato per simulazione di reato e lesioni colpose un 40enne imprenditore edile, un 47enne e un 68enne medico. I 3 sono tutti di Marigliano ed erano incensurati. L’imprenditore – il 6 agosto ...continua
Napoli – Pianura: Lotta alle truffe ai danni di anziani. Carabiniere libero dal servizio arresta 20enne truffatore

I Carabinieri della stazione di Napoli Pianura hanno arrestato per truffa un 20enne incensurato del quartiere Ponticelli. Aveva convinto una signora – con l’aiuto del complice - a farsi dare 4mila e 200 euro in contanti per un pacco ...continua
Cicciano: Violenza di genere. Terrorizzava la sorella e i genitori. Carabinieri arrestano 44enne

I Carabinieri della Stazione di Cicciano hanno dato esecuzione all'ordinanza della misura cautelare personale in carcere emessa dal tribunale di Nola nei confronti di un 44enne, già noto alle ffoo. L’uomo, negli ultimi tre mesi, ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.