WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cultura / Musica

Bologna - concerto di Simone Cristicchi

Bologna - concerto di Simone Cristicchi

Il concerto di Simone Cristicchi, il dialogo con Romano Prodi, l'anteprima di Ernesto Ferrero: anche domani con il Festival Francescano Bologna è crocevia di esperienze e confronti Domani il Festival Francescano porta a Bologna il confronto tra generazioni, culture, generi, discipline Tra i dibattiti previsti c'è quello sui rapporti tra Occidente e Cina con l'economista Romano Prodi e il gesuita Antonio Spadaro; quello sulle povertà, che vede protagonisti la portavoce dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Carlotta Sami e Marcello Longhi, Presidente di Opera San Francesco per i Poveri; l'anteprima nazionale della presentazione del libro di Ernesto Ferrero. Alla sera sale sul palco Simone Cristicchi. Per due giorni Piazza Maggiore accoglie iniziative non stop per adulti e bambini che hanno al centro il dialogo: fast-conference di 15 minuti con racconti di esperienze vissute, una biblioteca con libri in carne e ossa, una tenda dell'incontro per conoscere meglio la realtà muticulturale di Bologna, l'area bar con il "caffè con il francescano". E le proposte della Città dello Zecchino d'Oro, per imparare sin da piccoli il confronto costruttivo con gli altri Sabato 28 settembre Non esiste un solo concetto di povertà, ma si parla sempre di persone. Persone che arrivano da lontano - ne porta testimonianza la portavoce dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, Carlotta Sami - o dietro casa - come raccontano fra Marcello, presidente di Opera San Francesco per i Poveri e Luca Piras, vicepresidente nazionale dei laici francescani -. ("Ascoltare, capire, agire", incontro moderato da Sabina Fadel, ore 9.30 Piazza Maggiore). 800 anni fa, Francesco d'Assisi si recò a Damietta, in Egitto, per incontrare il sultano al-Malik al-Kamil. Di quel fatto storico, e di come venne interpretato parla fra Giuseppe Buffon, esperto di Storia della Chiesa, mentre il Vicario Apostolico dell'Anatolia, Mons. Bizzeti, porta la testimonianza dell'oggi ("Sotto la tenda del sultano", ore 10.30, Palazzo d'Accursio, Cappella Farnese). Piazza Maggiore ospita una lezione-concerto molto particolare: si tratta di un vero e proprio viaggio in parole e musica attraverso la mobilità umana e le migrazioni del passato e di oggi, messe a confronto in un percorso di rimandi e interrelazioni, condotto dal sociologo Stefano Allievi, con l'accompagnamento della cantastorie Erica Boschiero e del musicista Sergio Marchesini ("Spaesati. Del migrare e di migranti", ore 11.15 Piazza Maggiore). "Blow against the walls" è una performance a cura del collettivo Antonello Ghezzi, nella quale si invitano le persone a soffiare bolle di sapone contro un muro; questo muro è simbolico ed evocativo, rappresenta tutte le barriere innalzate dai confini nazionali ma anche tutti i muri invisibili, metaforici, ingiusti e personali. Le bolle sono speciali, hanno il pigmento dentro e lasciano una traccia: il fiato si fa disegno. Il disegno rimasto è una pittura collettiva fatta di respiri, desideri, ribellione e speranza ("Blow against the walls", dalle ore 14.30, Palazzo d'Accursio, Cortile d'onore). L'economista Romano Prodi e il gesuita Antonio Spadaro fanno una panoramica sui rapporti tra Occidente e Cina per entrare nel cuore di una cultura e di una civiltà antichissime: sotto la lente i rapporti economici, la storia, la saggezza, la fede ("Nell'anima della Cina", modera Gerolamo Fazzini, ore 16, Piazza Maggiore). E' un'anteprima nazionale la presentazione del libro di Ernesto Ferrero "Francesco e il Sultano": Francesco d'Assisi ha trentasette anni quando si imbarca ad Ancona per la Terra Santa, deciso ad affrontare ogni difficoltà pur di incontrare il Sultano d'Egitto, che a Damietta deve sostenere l'assedio di un poderoso esercito crociato. L'uomo che vuole riportare il Cristianesimo alla spiritualità delle origini torna dopo un anno profondamente mutato. Ha vissuto gli orrori della guerra, ma anche il fascino di una spiritualità che ha molti punti di contatto con la sua. Ma perché quarant'anni dopo Bonaventura da Bagnoregio, incaricato di scrivere la sua unica biografia autorizzata, racconta una verità diversa? Un libro con il passo di un romanzo d'avventura e la precisione di una biografia ("Francesco e il Sultano", dialoga con l'autore Marco Aime, ore 17 Libreria Coop Ambasciatori). A partire dal tardo pomeriggio, spazio agli spettacoli: si comincia alle 19 con "Simeone e Samir", spettacolo teatrale tratto dall'omonimo libro di Ignazio De Francesco, di e con Alessandro Berti e Sergio Brenna, che riporta il pubblico in una grotta di 800 anni fa, alla vigilia di una battaglia tra esercito crociato ed esercito islamico: qui un medico cristiano apostata, furbetto, inquieto, e un brigante islamico tutto cuore e devozione, fanno assieme un percorso di conoscenza obbligato, un corso accelerato di dialogo ("Simeone e Samir", ore 19, Oratorio di San Filippo Neri). E' Simone Cristicchi il protagonista del sabato sera: l'istrionico e imprevedibile artista ripercorre nel suo concerto in piazza le tappe salienti del suo affascinante percorso: da "Ti regalerò una rosa" (canzone vincitrice del Festival di Sanremo 2007) alla recente "Abbi cura di me"; monologhi e canzoni si alternano in uno spettacolo che viaggia sulle ali del divertissement e della poesia, con l'accompagnamento inedito dell'Orchestra dell'Università bolognese diretta dal maestro Valter Sivilotti ("Abbi cura di me", ore 21.15, Piazza Maggiore). Piazza Maggiore al centro del dialogo: iniziative non stop per adulti e bambini Da sempre luogo dell'incontro e dello scambio, quest'anno la piazza è il simbolo perfetto del Festival Francescano sul "dialogo": Piazza Maggiore si trasforma e invita la città al confronto con iniziative originali e allestimenti significativi legati al tema scelto per ledizione in corso. La "Tenda dell'incontro", proprio in Piazza Maggiore, è un luogo fisico dove incontrare l'altro e fare esperienza di dialogo attraverso la conoscenza e gesti di ospitalità. Ad accogliere i visitatori una riproduzione dello storico incontro tra Francesco e il Sultano tratta dalla Pala Bardi - dipinta da Giotto e conservata in Santa Croce a Firenze - simbolo dello stile dialogante che da 800 anni contraddistingue i francescani. Qui, dalle 10 alle 18, sarà possibile conoscere alcune comunità religiose bolognesi. Islamici, metodisti, valdesi, evangelici, ebrei sono soltanto alcune delle comunità che hanno colto l'invito di Festival Francescano ad essere presenti e a farsi conoscere attraverso fotografie, libri, preghiere, testimonianze. Proprio alla tenda dell'incontro, domenica alle 19.00, si concluderà il "Migrantour", un itinerario alla scoperta dei diversi culti presenti nel centro storico di Bologna. In un crocicchio di stradine che si snodano dalla basilica fino a Strada Maggiore, è possibile incontrare molte comunità religiose, a dimostrazione del fatto che il cuore di Bologna è un esempio virtuoso di convivenza nella differenza. Per partecipare a questa speciale visita guidata è possibile iscriversi presso l'Infopoint in Piazza del Nettuno (Tenda dell'incontro, sabato 29, domenica 29 settembre 9-18). Nell'Area caffè di Piazza Maggiore, attiva tutti i giorni del Festival dalle ore 9.00 alle 19.00, sarà possibile prendere un caffè Fior Fiore Coop e sostenere le attività sociali e caritative della famiglia francescana in Emilia-Romagna. Negli orari del Caffè con il francescano, saranno disponibili frati, suore e laici francescani per raccontare il dialogo attraverso la bellezza dell'incontro (sabato 29, domenica 29 settembre 9.30-11.30 e 14-16). Sono più di 20 i laboratori e i giochi per bambini da 3 a 12 anni ideati e proposti dalla Città dello Zecchino d'Oro, tutte all'insegna dell'incontro e del confronto con l'altro: le attività sono gratuite, su prenotazione. E' possibile effettuare l'iscrizione sul sito www.festivalfrancescano.it, oppure nei giorni del Festival presso l'Infopoint della Città dello Zecchino d'Oro in Piazza Maggiore.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Giardini di Mirò + Robin Proper-Sheppard presso il Teatro Bolivar di Napoli

Con la promozione del concerto inserito nel tour “A beautiful noise between light and shade” Freak Out torna alle origini quando agli albori delle sue produzioni live ebbe modo di organizzare un concerto di un giovanissimo gruppo emiliano: ...continua
Salerno, presso il Centro Socio Culturale “Stella”, Musica & solidarietà per avvicinare i giovani agli anziani

SALERNO. Il suono che fluisce e si espande per creare emozioni. Musica che diventa solidarietà, incontro, aggregazione per regalare istanti di bellezza e leggerezza, ma soprattutto per avvicinare i giovani agli anziani. Sarà un momento ...continua
Autunno Musicale 2019 della Nuova Orchestra Scarlatti Dedicato a Felix

Il terzo appuntamento dell’Autunno Musicale 2019 della Nuova Orchestra Scarlatti - sabato 16 novembre 2019, Sala Scarlatti del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, ore 19.00 - propone un’immersione nel mondo sonoro del più ...continua
Festival di Napoli 2019, Luca Maris conferma, ci sarò

Il Festival di Napoli, è un evento storico, organizzato dall’Ania-Associazione Nazionale Italiana Artisti. Il Festival, organizzato dal Direttore Artistico e Presidente dell’Ania, Massimo Abbate, ormai da alcuni anni si propone ...continua
Castellammare-I. C. "Francesco Di Capua", Musica ed Ecologia si uniscono nel progetto “Suoniamo la città”

Barattoli, lattine, bidoni, elastici, materiale elettrico e ferroso, tutto diventa suono, ritmo, armonia, musica nelle mani di ottanta ragazzi. Inizia a Castellammare di Stabia (NA) il progetto speciale ideato e curato dai musicisti Elisabetta ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.