WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca / Giustizia

Benevento - Rinviata a giudizio la 32enne per favoreggiamento personale e sostituzione di persona

La Procura della Repubblica di Benevento, ha formulato richiesta di rinvio a giudizio, nei confronti di una trentaduenne beneventana, per i reati di minaccia aggravata al Corpo giudiziario, procurato allarme all’Autorità, interruzione di pubblico servizio, favoreggiamento personale e sostituzione di persona.

I fatti di cui ai capi d’imputazione si riferiscono al collocamento di un finto ordigno costituito da un candelotto in cartone nastrato a forma di dinamite da cui fuoriuscivano dei fili a mo’ di innesco a distanza, rinvenuto in uno dei servizi igienici del Tribunale di Benevento il 20 dicembre 2016, a seguito di due telefonate minatorie, ed alla latitanza del condannato Paolo Messina Junior.

Le complesse indagini, disposte dalla Procura della Repubblica di Benevento, effettuate dalla Squadra Mobile, anche attraverso attività tecniche, hanno permesso di accertare che il cellulare utilizzato dall’ignoto interlocutore, per segnalare la presenza della finta bomba, fosse proprio nella disponibilità della donna che intratteneva una relazione sentimentale con il citato Messina.

Il movente del gesto era, evidentemente, quello di evitare che in quel giorno si celebrasse la prevista udienza dibattimentale che vedeva indagato il Messina, per l’omicidio di Rosiello Antonello.

L’allarme suscitato dall’ordigno, comportò nella circostanza l’interruzione momentanea dell’attività nelle aule di giustizia e la loro evacuazione, fino all’intervento degli artificieri della Polizia di Stato.

Nel corso della successiva attività investigativa, che aveva condotto alla cattura in Croazia del Messina, gli operatori della Squadra Mobile accertavano la esistenza della relazione sentimentale e risalivano alle utenze utilizzate dal latitante e dalla donna per colloquiare tra loro, risultate intestate entrambe a dei minori completamente estranei ai fatti.

Gli accertamenti effettuati dagli investigatori hanno poi permesso di raccogliere rilevanti elementi indiziari circa il fatto che fosse stata proprio l’indagata a procurare le due schede sim, attraverso l’uso fraudolento di copia dei documenti dei due ragazzi.

Nell’ambito della condotta favoreggiatrice contestata si inquadra anche il tentativo della donna di recuperare una cospicua somma di denaro dovuta da un creditore al Messina, che doveva a questi servire per affrontare la prosecuzione della latitanza.

 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Quarto: rapinarono sala scommesse rischiando di uccidere un dipendente

Carabinieri fermano 3 giovani il 20 luglio, poco dopo la mezzanotte, 3 malfattori hanno fatto irruzione in una sala scommesse di Quarto, con volto travisato e armati di pistole. Un rapinatore ha fatto sdraiare tutti i clienti a terra, un altro si ...continua
Giugliano in Campania: in casa armi e droga ad essiccare

  L.C., 30enne incensurato di Giugliano in Campania, è stato arrestato dai carabinieri della stazione locale per detenzione illegale di armi e munizioni nonché detenzione di stupefacentea fini di spaccio e lo hanno denunciato ...continua
Benevento. Extracomunitario ospite di un centro di accoglienza rapina un'automobilista; arrestato

 A Benevento, nella tarda serata di ieri, su segnalazione di alcuni cittadini al 112 dell’Arma di una violenta lite in strada, i Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di questo capoluogo intervenivano in via Dei Longobardi, ...continua
Rete Idrica al Collasso, ecco le zone interessate alla carenza d'acqua

COMUNE DI Casola di Napoli: via Monticelli e tutte le traverse COMUNE DI Lettere: Via Canale, Via Casa Lignola, Via Conserve, Via Nuova Strada Di Orsano, Via Casa Russo, Via Casa Mosca, Piazzetta Orsano, Via Casa Avolio, Piazza Roma, Via Gradoni ...continua
Foce del Sarno - Sequestrate oltre 30 di vongole a 3 pregiudicati, erano state pescate in fondali inquinati

Prosegue incessante l’attività di indagine e di prevenzione sul territorio di giurisdizione finalizzata a perseguire e debellare l’attività posta in essere da una vera e propria organizzazione dedita alla pesca abusiva ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.