WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca / Attualità

Rimossi e fatti brillare ordigni bellici ritrovati nel porto di Napoli

 Nella mattinata di ieri sono stati fatti esplodere, in una zona di sicurezza al largo di Napoli individuata dall'Autorità marittima, una bomba d'aereo inglese da 500 libbre e tre proiettili di artiglieria di grosso calibro, risalenti alla seconda guerra mondiale, ritrovati nel porto di Napoli. Nei giorni scorsi, infatti, a seguito della segnalazione da parte dei sommozzatori della polizia di stato, intenti a controllare le banchine del porto in previsione delle prossime Universiadi che si terranno in città nel prossimo mese di Luglio, sono stati ritrovati nei pressi del Molo Beverello quattro ordigni bellici, con ancora un elevato potere esplosivo, che si erano oramai confusi nel fondale marino con forme e colori simili ai detriti sparsi. L'operazione di brillamento è stata condotta dai palombari del Gruppo operativo subacquei (GOS) della Marina Militare, distaccati presso i nuclei Sdai di Napoli (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi). L'intervento d'urgenza è stato richiesto dalla Prefettura che ha disposto l'evacuazione della Stazione Marittima e del molo Beverello, e l'interdizione del traffico pedonale e veicolare della limitrofa via Acton. Dalle prime luci dell'alba di ieri, sabato 25 maggio, la Capitaneria di porto di Napoli ha inoltre interdetto l’accesso al pubblico nell'area portuale interessata dalle operazioni di rimozione e disposto il divieto di transito e ormeggio alle navi nelle banchine antistanti il luogo del ritrovamento. Per alcuni minuti è stato disposto anche alle unità in ingresso e in uscita in porto di non avvicinarsi ai mezzi impiegati nel brillamento, prevedendo opportune rotte di atterraggio e di uscita dal porto per ragioni di sicurezza. Alle 5.15 sono iniziate le operazioni di rimozione dal fondo degli ordigni esplosivi, che, imbragati e rimorchiati a distanza fino a raggiungere una zona di sicurezza individuata dall'autorità marittima, sono stati distrutti. Del brillamento è stato avvertito l'Osservatorio Vesuviano, che ha puntualmente registrato l'onda d'urto provocata dalla deflagrazione.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Sant'Anastasia - Tutti in piazza c'è il luna park solidale

Sant’Anastasia – Divertimento assicurato alle famiglie con bimbi piccoli e grandi, in piazza IV novembre e via Roma: domenica prossima torna il Luna Park solidale. “Donare un sorriso a un bambino dà senso alla nostra vita”, ...continua
Contro la violenza, E.Va onlus premia cinque donne «testimoni di speranza»

Sono Valeria Martini, Barbara Cimmino, Emilia Persenico, Vittoria Piani e Chiara Viale le “stelle” del centro antiviolenza di Busto Arsizio. La premiazione al Gran Galà dell’associazione che ha aperto la collaborazione con ...continua
Castellammare di Stabia - Controllo Rifiuti nel Centro Antico

Nel centro antico, ancora una volta, per mettere ordine, ripulire, multare, sanzionare ogni forma di illegalità. Oltre 40 veicoli sono stati sanzionati per infrazione del codice della strada, al pari di una ventina di esercizi commerciali ...continua
Casola di Napoli - Abbassamenti di pressione nell'erogazione d'acqua: ecco le zone interessate

  GORI comunica che a causa di un guasto improvviso sono in corso mancanze d'acqua e abbassamenti di pressione dalle 10:30 alle 13:30 di venerdì 14 giugno 2019, nelle seguenti zone del comune di Casola di Napoli: Vi...continua
Castellabate - Arriva un centro estivo per minori. Il servizio è dedicato ai bambini dai 3 agli 8 anni

 La Giunta comunale di Castellabate, guidata dal sindaco Costabile Spinelli, ha deciso anche per quest’anno di realizzare un “Centro estivo per minori”. Lo scopo del progetto è quello di aiutare i genitori che non possono ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.