WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca / Giustizia

Polizia di Stato di Bari, arresto dei responsabili di un assalto ad una agenzia del Banco di Napoli

La Polizia di Stato di Bari ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 7 italiani resisi a vario titolo responsabili, in concorso tra loro, di tentata rapina aggravata, detenzione e porto illegale d’armi da fuoco, furto, ricettazione e riciclaggio in ordine all’assalto ad una agenzia del Banco di Napoli a Bari, avvenuto il 12 giugno 2017.

In quella data un commando di più persone a volto travisato, munite di giubbetti antiproiettile, ricetrasmittenti, un fucile kalashnikov ed una pistola semiautomatica, tentò di rapinare i sacchi di danaro che personale dell’IVRI stava depositando nella camera di sicurezza della banca ma, dopo un conflitto a fuoco con le due guardie giurate, i malviventi desistettero e fuggirono a bordo di due veicoli.

Le immediate indagini condotte dalla Squadra Mobile furono indirizzate, inizialmente, sulla figura di un uomo, rimasto ferito dopo la sparatoria, poiché si ebbe segnalazione di una persona sanguinante giunta al pronto soccorso dell’ospedale S. Paolo, con ferite al torace ed al braccio sinistro.

A distanza di alcuni giorni, dopo il ritrovamento di uno dei due veicoli utilizzati dai malviventi abbandonato nella campagne di Modugno, l’uomo rimasto ferito ha confessato di aver partecipato alla tentata rapina, rimanendo omertoso sui nomi dei complici, fornendo qualche dettaglio e permettendo il ritrovamento di una delle due armi utilizzate dal commando, un fucile mitragliatore kalashnikov.

L’attività di indagine si è poi concentrata sulle analisi dei sistemi di video sorveglianza della banca per comprendere le modalità del tentato colpo e le caratteristiche dei rapinatori, sull’esame dei tracciati delle utenze telefoniche di interesse investigativo e sulle intercettazioni ambientali effettuate sul veicolo in uso ad uno dei sospettati che hanno portato all’individuazione degli altri componenti del commando, tutti già gravati da precedenti penali specifici






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Napoli Vomero Arenella:“Piano Napoli”. 248 le persone controllate. 4 denunce e 3 consumatori di droga segnalati

  Servizio straordinario di controllo del territorio dei carabinieri della compagnia Vomero supportati da quelli del reggimento “Campania” nell'ambito del protocollo di controlli cosiddetto “Piano Napoli”. I militari ...continua
Procida: 4 piante e 128 semi di marijuana in casa. 31enne arrestato

  I carabinieri della stazione di Procida hanno arrestato per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio Andreafrancesco Pigna Coppola, un 31enne del posto già noto alle ffoo. Durante una perquisizione domiciliare i militari hanno ...continua
Napoli San Giovanni a Teduccio: al suo fianco, in auto, una busta con 7 panetti di hashish. 51enne arrestato dai carabinieri

 Antonio De Maria, un 51enne di Ercolano già noto alle, è stato arrestato dai carabinieri del nucleo operativo della Compagnia Poggioreale per detenzione di stupefacente a fini di spaccio. I militari l’hanno notato mentre ...continua
Cronaca. Napoli Scampia - Aversa -Grumo Nevano -Benevento

Napoli, Scampia: 240 bussolotti di eroina sequestrati dai carabinieri. Erano destinati alla piazza di spaccio dello "Chalet Bakù" I carabinieri della sezione operativa della compagnia Napoli Stella hanno sequestrato a scampia ...continua
Varcaturo, “cattura” l’ex compagna e la figlia di due anni in strada e le tiene prigioniere in auto per 12 ore tra insulti e percosse

L’aveva perseguitata e vessata per mesi, fino alla pronuncia del tribunale che gli aveva vietato di avvicinarla. Le cose sembravano essere tornate alla normalità e la vittima, una 28enne di Giugliano, ne era sollevata. Era stata affidata ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.