WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cultura / Teatro

Portici, Nel decennale della scomparsa, Caterina Pontandolfo porta in scena Alda Merini, al Teatro cerca Casa

alda merini porticiVenerdì 22 marzo ore 20.30, nello storico salotto teatrale di casa Bonadies a Portici, Caterina Pontrandolfo debutta con il suo nuovo spettacolo "Magnificat - Un incontro con Maria", tratto dall'opera della poetessa Alda Merini. Il lavoro teatrale , in musica a parole, si costruisce su una silloge, in poesia e prosa, in cui l'autrice compie una fusione mistica tra presenze terrene e figure della fede cristiana (Dio, Maria, Gesù) e, sul versante umano, l’uomo, la donna e il figlio. Replica sabato 23 marzo, alle 20.30, in uno degli appartamenti della rassegna diretta da Santanelli, a Napoli (Centro Storico).  Per assistere agli spettacoli della rassegna organizzata da Livia Coletta e Ileana Bonadies, è necessaria la prenotazione chiamando al 3343347090 - 3470963808 - 081 5782460, oppure attraverso il sito www.ilteatrocercacasa.it. A chi prenota verrà fornito l’indirizzo del luogo che ospita lo spettacolo.

Fusione mistica in senso stretto a partire dal testo del “Magnificat” che si trova nel Vangelo di Luca – “L’anima mia magnifica il Signore, perché ha visto l’umiltà della sua serva…” -, che Maria, da poco “piena di grazia” rivolge alla parente Elisabetta che l’accoglie “Benedetta tu tra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo!”. Straziata e illuminata insieme è la Maria del “Magnificat” di Alda Merini, un monologo diviso in brevi canti, in cui a poco a poco riconosciamo l’intera vita di Cristo. La trasfigurazione mistica e poetica che ne fa la Merini spoglia questa voce delle vesti della Madonna per rivestirle con quelle di una donna, un io narrante terreno. Una trasfigurazione per niente semplificata e non riducibile alla contrapposizione tra donna divina e donna umana, amore divino e amore sensuale. Una semplificazione che irritò la stessa Merini.

Nel suo incontro con Maria, la Merini fa valere due ascendenze importanti: la lirica infuocata di splendente ascesi come si ritrova in una Teresa D’Avila, e la lirica radiosa dell’amore fertile come si ritrova nel Cantico dei Cantici. L’idea è che il monologo tra poesia e prosa, lasci spazio al canto e alla melodia, sia mettendo in melodia alcuni versi del “Magnificat” meriniano, sia interputando con canti della tradizione mediterranea, il monologo stesso. Le melodie originali composte per lo spettacolo sono melodie originali scritte e cantate da Caterina Pontrandolfo.

 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Conversando con Monica Sarnelli - Patrizio Rispo - Luigi Ferrandino

...continua
Il Teatro non tramonta, sesta Puntata

Intanto il tempo passa e il pensiero ritorna alle tavole del palco, agli odori del legno,  dei vestiti nel deposito, alla tensione che si avvertiva  prima di andare in scena , al ricordo di quando attraverso un buco del sipario spiavi ...continua
Pozzuoli, mercoledì 3 giugno riaprirà al pubblico il Polo Culturale. All'inizio ci saranno alcune restrizioni

Mercoledì 3 Giugno 2020 riaprirà al pubblico il Polo Culturale di Palazzo Toledo a Pozzuoli. È un altro piccolo passo verso il ritorno alla normalità, che mira a ripristinare in sicurezza un altro servizio per la comunità...continua
Il teatro non tramonta

In questo quinto incontro su “ Il Teatro non tramonta..”, come già programmato ci prenderemo una pausa , giusto il tempo di pubblicare  , e fare le dovute considerazioni , su alcuni spezzoni di video inerenti alla commedia ...continua
Italo Celoro, punto di riferimento teatrale della città

Un punto di riferimento per la tradizione teatrale e culturale che è parte integrante della storia della nostra città. Italo Celoro per decenni è riuscito ad animare il dibattito culturale a Castellammare di Stabia, portando ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.