WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cultura / Teatro

Napoli Est Teatro presenta ASPETTANDO IL TEMPO CHE PASSA

Napoli Est Teatro presenta ASPETTANDO IL TEMPO CHE PASSANapoli Est Teatro presenta ASPETTANDO IL TEMPO CHE PASSA
14 e 15 DICEMBRE 2018
scritto con i detenuti del carcere minorile di Airola
con Giuseppe Gaudino, Adriano Pantaleo, Valentina Minzoni e Salvatore Presutto
regia Emanuela Giordano
aiuto regia Tania Ciletti

nell'ambito del progetto Il palcoscenico della legalità, coordinato da Giulia Minoli

una collaborazione Co2 Crisis Opportunity Onlus e l'Associazione Nest – Napoli est Teatro

I ragazzi detenuti che hanno partecipato ai laboratori sono: Mattia, Luigi PALMIERI, Ivan D’APICE, Carlo ESPOSITO, Salvatore SACCO, Raffaele, Krezel, KRISPYAN, Luigi, Luigi DI COSTANZO, Bruno D’AVINO, Vittorio ALBANO, Gaetano NUNZIATO, Dalibor RADOSALJEVIC

assistenti al progetto Luca Caiazzo, Noemi Caputo, Giulia Agostini

Si ringrazia il Teatro di San Carlo per i costumi di scena

Il 14 e 15 dicembre 2018 torna in scena al NEST - Napoli Est Teatro “ASPETTANDO IL TEMPO CHE PASSA”, con Giuseppe Gaudino, Adriano Pantaleo, Valentina Minzoni e Salvatore Presutto, regia di Emanuela Giordano, una collaborazione Co2 Crisis Opportunity Onlus e Compagnia Nest – Napoli est Teatro.

Lo spettacolo è parte integrante del progetto “Palcoscenico della legalità” che a partire da aprile 2015 si è proposto di coinvolgere i detenuti dell’Istituto Penitenziario Minorile di Airola, in provincia di Benevento, in un corso di formazione sui mestieri del teatro. La collaborazione con Nest Napoli est Teatro di San Giovanni a Teduccio riguarda la gestione del percorso formativo pilota nelle scuole e nei Centri di giustizia minorile e la consolidata formazione e professionalizzazione sui mestieri del teatro dei ragazzi all’interno degli Istituti penitenziari minorili a cui è seguito il primo inserimento post formazione nel mondo del lavoro.

La costruzione drammaturgica - elaborata durante il laboratorio guidato da Emanuela Giordano - è il risultato del flusso di coscienza dei ragazzi che hanno partecipato attivamente alla realizzazione dello spettacolo:
Mattia, Luigi Palmieri, Ivan D’Apice, Carlo Esposito, Salvatore Sacco, Raffaele, Krezel Krispyan, Lui-gi, Luigi DI Costanzo, Bruno D’avino, Vittorio Albano, Gaetano Nunziato, Dalibor Radosaljevic.

“Non siamo stati mai “complici”, ma siamo stati sempre attenti, abbiamo lavorato con tutti, senza escludere nessuno. O almeno abbiamo tentato. Comunque qualche cosa di importante è accaduto” racconta Emanuela Giordano, regista dello spettacolo. “Ora la scrittura ha subito delle modifiche, il testo è cresciuto grazie ad altri


incontri, altre esperienze. E’ diventato una favola per piccoli e per grandi, parla d’infanzia, adolescenza, smarrimento, povertà, ignoranza, falsi miti e voglia di un futuro degno di questo nome”.

“Lo spettacolo mette in scena una favola per piccoli e per grandi, che ci riguarda tutti, perché parla d’infanzia, adolescenza, smarrimento, confusione e voglia di un futuro migliore, per tutti. Si sa, il tempo in carcere passa diversamente, è un tempo sospeso. Non possiamo avere la certezza di quando usciremo, chi ci aspetterà fuori (e se ci aspetterà) cosa faremo della nostra vita (chi ci darà lavoro e fiducia?), eppure non sogniamo altro: uscire, per essere liberi. Ma liberi di fare cosa? Siamo davvero liberi li fuori? Liberi di scegliere? Il tempo raccontato è quello delle “chiacchiere” che abbiamo fatto tra noi, immaginando un’altalena che è il nostro tempo presente, sospeso, oscillante , tra umori e desideri, confusioni e certezze.

La speranza, l’innocenza, l’abbiamo raccontata come una fata turchina un po’ avvilita, forse neanche lei crede più alle favole, l’accompagna un grillo parlante che è la nostra buona e scomoda coscienza. Il grillo si ostina a fare ragionamenti di buon senso, ma è poco ascoltato. Seduta dall’altro lato dell’altalena c’è la realtà che è sempre più complicata, scivolosa. E’ la realtà di tante, troppe pericolose “tarantelle”, è la realtà dei ragazzi reclusi.
Riusciremo a trovare un lieto fine?”.

Durata spettacolo 60′
Biglietto intero: 12 euro / Ridotto under 29 e over65: 10 euro
 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Scenari pagani 23 - Collisioni Dal 5 al 7 dicembre al Centro Sociale di Pagani

Taglio del nastro per Scenari pagani 23. Dopo il prologo all'edizione 2019 con Paolo Apolito e lo spettacolo “Tre compari musicanti”, la rassegna è stata presentata ufficialmente sabato 23 novembre presso il bar “City ...continua
Festa dell'Immacolata - Arenile Stabiese. Saranno in scena “I Ditelo Voi”

Per la Festa dell’#Immacolata, il 7 dicembre alle ore 23, lo spettacolo de “I Ditelo Voi” sull’arenile di Castellammare! -...continua
Didone ed Enea - Tra mito e realtà': va in scena l’opera in tre atti di Henry Purcell

 Si terrà martedì 17 dicembre al Teatro Apollo di Lecce la prima dell’opera in tre atti “Dido and Aeneas”, il capolavoro del teatro musicale barocco dell’inglese Henry Purcell (1659-1695), su testo di Nahum ...continua
Stabia Teatro Festival: premio Annibale Rucello a Peppe Barra

Nomi prestigiosi anche quest’anno arricchiscono il parterre dei vincitori del Premio "Annibale Ruccello"...continua
Dal 26 novembre al 8 dicembre al Piccolo Bellini di Napoli in programma "Battuage"

Dopo i due precedenti e appassionati lavori, Immacolata Concezione e Io mai niente con nessuno avevo fatto, la compagnia Vuccirìa Teatro ripropone uno dei suoi spettacoli più dirompenti: Battuage, orinatoio dell'anima: un luogo ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.