WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca / Giustizia

Napoli, cercava di imporre il pizzo alle ambulanze. Carabinieri catturano affiliato a clan

napoli pizzoI Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli hanno fatto una irruzione nottetempo insieme a colleghi dell’API (l’Aliquota di Primo Intervento del Nucleo Radiomobile specializzata in interventi a rischio) catturando il latitante Andrea Teano, un 36enne ritenuto affiliato al clan camorristico dei “Cimmino-Caiazzo” attivo nel quartiere Vomero che dovrà rispondere di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni del titolare di una associazione operante nel trasporto di malati.
Il 16 ottobre era riuscito a sfuggire all’esecuzione di un Decreto di Fermo emesso dalla DDA di Napoli e quel momento si erano perse le sue tracce. Lo hanno individuato e catturato i Carabinieri della Compagnia Vomero pedinando le persone a lui vicine.
Si era rifugiato in una delle case del complesso di edilizia popolare su via Corrado Alvaro, un posto meno in vista nel quartiere di Pianura.
L’intervento, organizzato anche con un elicottero dell’Arma e il Nucleo Cinofili, non gli ha lasciato alcuna possibilità di fuga e si è arreso lasciandosi pacificamente ammanettare.
Insieme ad altri soggetti appartenenti al clan camorristico dei “Cimmino – Caiazzo”, il gruppo criminale che controlla gli affari illeciti nel quartiere collinare di Napoli, aveva minacciato ripetutamente, e usando anche una pistola, il titolare di una associazione operante nel trasporto di infermi con ambulanze. Voleva costringerlo a consegnare 3.000 di pizzo ogni mese.
Gli “esattori” si erano presentati alla vittima in 3 occasioni tra settembre e ottobre: la prima volta indicarono la somma da destinare “agli amici del vomero”; la seconda per insistere; la terza non si conosce ancora per quale motivo anche perché la vittima di diede alla fuga appena li vide.
Nel corso della perquisizione del covo sono stati rinvenuti e sequestrati soldi e numerosi biglietti scritti a mano, risultati d’interesse investigativo per il prosieguo delle investigazioni sul gruppo criminale. L’arrestato è stato tradotto nel Centro penitenziario di Secondigliano.

 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Qualiano: Carabinieri arrestano madre e figlio per maltrattamenti nei confronti della sorella

Qualiano: Carabinieri eseguono ordine di custodsia cautelare in carcere della Procura di Napoli Nord per maltrattamenti di madre e fratello nei confronti della sorella davanti al padre inerte Nell’ambito di un’indagine coordinata ...continua
Pompei: 36enne rimuove antitaccheggio e ruba un telefono. Arrestato dai carabinieri nel centro commerciale

 I carabinieri della stazione di Pompei hanno arresto per furto aggravato I.M., un 36enne incensurato di origine ucraina. Nel centro commerciale cittadino aveva rubato uno smartphone del valore di circa 550 euro rimuovendo la placca antitaccheg...continua
Casola di Napoli: arrestato per maltrattamenti in famiglia

A Casola di Napoli i carabinieri della stazione di Gragnano hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale di Torre Annunziata su richiesta della procura della Repubblica nei confronti ...continua
Cronaca. Pianura e Soccavo - Benevento - San Giorgio a Cremano

Pianura e Soccavo: carabinieri eseguono 6 occc della dda. arrestati membri del clan “Tommaselli” I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli hanno dato esecuzione ad una misura cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli ...continua
Torre del Greco: colpi di pistola per festeggiare Santa Lucia sparati tra i fedeli davanti alla Basilica

 Verso le 08.00 di ieri, in piazza Santa Croce, subito dopo la messa in onore di Santa Lucia, un individuo sulla sessantina è uscito sulla scalinata della Basilica “Santa Croce” e dopo avere estratto da sotto il cappotto ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.