WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Economia / Sindacati

Sud, Confapi: Governo crei Agenzia a sostegno delle Pmi

Il presidente Gianpiero Falco: «Per invertire decremento degli investimenti»

(01/07/2018)

NAPOLI – «Il contesto politico, finalmente consolidato in un Governo stabile, fa sì che la proposta di Confapi di una struttura centralizzata, in grado di fungere da sostegno alle Amministrazioni dell'area Meridionale, sia un tema di attualità. La nuova “Agenzia per lo sviluppo del Mezzogiorno” avrà come oggetto il sostegno dello sviluppo dell’intero Meridione intervenendo con competenze urbanistiche, economico-finanziarie, tecniche e amministrative sia nella redazione dei piani di sviluppo degli Enti Locali territoriali sia nel controllo delle applicazioni dei partenariati pubblici e privati; così come previsti nell’ultimo Codice degli appalti. Questo è, senza dubbio, necessario perché il valore degli investimenti privati è sceso a livelli bassissimi rispetto a quelli pre-crisi finanziaria del 2008».
Lo ha detto Gianpiero Falco, presidente Confapi Napoli.
«Bisogna abbattere il muro della burocrazia senza responsabilità con una istituzione centralizzata che tenga il conto dei tempi delle procedure aperte e soprattutto partecipi alla redazioni dei bandi per i grandi investimenti da realizzare come per i piccoli, ed agire così preventivamente – ha aggiunto Falco –. Per far ciò, tale Ente potrebbe essere partecipato principalmente da organismi pubblici e/o di Stato con la partecipazione anche minoritaria delle principali associazioni di categoria imprenditoriali e anche sindacali, che potrebbero in verità prendere parte gratuitamente alla redazione di piani di sviluppo con proprie proposte condivise poi dal board della società da costituire».
«Noi crediamo che vi siano all’interno della compagine ministeriale e di quella della Cassa depositi e prestiti, oltreché delle organizzazioni datoriali e sindacali, skills professionali tali da attuare programmi con costi non aggiuntivi. Non è possibile continuare in questo modo con una delegazione di poteri che, nella maggior parte dei casi, non è in grado di essere esercitata per mancanza delle professionalità territoriali utili a garantire sia gli investimenti pubblici sia i privati.
Come vogliamo allora – ha sottolineato ancora Falco – parlare di sviluppo e occupazione se i principali strumenti di crescita sono delegati a chi non è in grado di operare...?»
«Torniamo agli esempi dei nostri predecessori, della generazione precedente che avevano intuito la debolezza della nostra struttura socio-economica e vi avevano rimediato con la creazione di strumenti appositi che noi abbiamo buttato via, senza renderci conto dei danni. Il pensare delle vecchie opposizioni, poi divenute maggioranza all’indomani del pessimo periodo della cosiddetta Seconda Repubblica, ovvero che tutto fosse marcio, era anch’esso un populismo senza senso ben peggiore – ha concluso il presidente Confapi – di quelli che oggi l’intera Europa ci affibbia con grande egoismo».
 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Anniversario Incontro a Teano. La Ugl Caserta: "Confini caduti, resta divario economico"

In occasione del 161° anniversario dell'incontro di Teano, la Vice Segretaria della Ugl Caserta Marianna Grande e la Segretaria della Ugl Giovani Annabella D'Angelo hanno ricordato questa mattina, l'evento, forse il più importante ...continua
Assegni invalidità parziale, Adinolfi (FI): “Non possiamo tollerare questa ingiustizia sociale”

“La norma sugli assegni di invalidità, contenuta all’interno della Legge di Bilancio, va cambiata perché altamente penalizzante nei confronti di coloro che hanno disabilità parziali. Un Paese moderno e civile non ...continua
Nursing Up De Palma: «Lo stipendio dell'infermiere italiano continua a collocarsi agli ultimi posti della graduatoria europea

 Nursing Up De Palma: «Lo stipendio dell'infermiere italiano continua a collocarsi agli ultimi posti della graduatoria europea. Peggio di noi ci sono solo Grecia ed Estonia. Per non parlare delle disparità che emergono quando ...continua
La Ugl Caserta manifesta nella capitale: "Stop violenza e giù le mani dai contratti"

Una nutrita schiera di sindacalisti casertani, in rappresentanza delle categorie produttive del territorio ha partecipato nella giornata di ieri alla grande manifestazione nazionale convocata dalla Ugl, che si è svolta in Piazza SS Apostoli ...continua
Centro studi Ugl Caserta. Allerta crescita Gpl, a rischio bisogni primari

"L'attenzione che abbiamo posto sull'aumento dei prezzi, energetici e non, ci ha portato a monitorare la crescita dei costi delle famiglie in provincia di Caserta". E' quanto si evince da uno studio trasmesso questa mattina ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.