WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Economia / Sindacati

Speciale Scuola - Graduatorie d'Istituto e cambio provincia/scuole per gli inseriti in I fascia: il Miur perde anche in appello 22

(25/02/2018)

Ministero dell'Istruzione travolto ancora una volta in tribunale dai legali Anief: il Consiglio di Stato conferma l'illegittimità del divieto per i docenti inseriti in GaE di cambiare provincia/sedi nelle Graduatorie d'Istituto. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): il Miur rispetti i lavoratori precari e, invece di ostacolare il loro lavoro, pensi a una seria procedura per stabilizzarli.

È una vittoria piena quella ottenuta dall'Anief che con i suoi legali Fabio Ganci e Walter Miceli ha avuto ragione anche in Consiglio di Stato in favore dei docenti inseriti in GaE, e quindi in I fascia GI, cui il Miur ha negato la possibilità di cambiare provincia/scuole all'atto dell'aggiornamento delle Graduatorie d'Istituto dello scorso giugno. Il Consiglio di Stato, infatti, ha respinto l'appello proposto dal Ministero dell'Istruzione e confermato la precedente ordinanza cautelare emanata dal TAR Lazio che dava ragione ai ricorrenti sul loro pieno diritto di modificare le scuole o, direttamente, la provincia di inserimento in GI in occasione dell'aggiornamento 2017. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): “Auspichiamo che il Miur prenda atto della situazione e provveda a sanarla non solo nei confronti dei ricorrenti, ma di tutti i docenti cui ha impedito nel 2017 il cambio scuole/provincia delle GI attraverso l'apertura di una finestra di aggiornamento che permetta a tutti i precari inseriti in I fascia di modificare le scelte effettuate precedentemente. Con la rappresentatività ci batteremo e ci muoveremo, come sempre, a tutela dei diritti dei tanti precari che da anni permettono il corretto svolgimento delle attività didattiche grazie al loro impegno e alla loro professionalità cui il Ministero dovrebbe dimostrare solo rispetto e, invece di ostacolare il loro lavoro impedendo di poter scegliere con serenità la provincia e le scuole in cui prestare la loro preziosa attività, pensare con serietà a provvedere alla loro immediata stabilizzazione con una procedura mirata alle immissioni in ruolo”. Il Consiglio di Stato, infatti, ha dato piena ragione ai legali Anief respingendo l'appello proposto dal Miur e confermando l'illegittimità del Decreto Ministeriale n. 374/2017 proprio nella parte in cui impedisce ai docenti inseriti in I fascia di poter effettuare modifiche alle sedi o alla provincia scelte nel 2014 per le GI.

Di graduatorie, diritti dei lavoratori e reclutamento si parlerà anche nel corso dei nuovi seminari gratuiti sulla legislazione scolastica organizzati da Anief ed Eurosofia “DIES IURIS LEGISQUE” che si svolgeranno in tutta Italia nel corso dei prossimi mesi e che vedranno come relatore proprio il presidente Anief Marcello Pacifico.



Già i provvedimenti favorevoli del TAR Lazio ottenuti dai legali Anief lo scorso anno, infatti, evidenziavano l'illegittimità del Decreto Ministeriale n. 374/2017 nella parte in cui ha vietato la possibilità di cambiare le istituzioni scolastiche ai candidati inseriti nella I fascia delle Graduatorie d'Istituto. Ora, con la conferma arrivata direttamente dal Consiglio di Stato, non ci possono essere più dubbi e il Ministero dell'Istruzione, incassata una nuova sconfitta in tribunale, dovrebbe solo compiere un'assunzione di responsabilità e sanare la situazione conformandosi a quanto stabilito dal Tribunale Amministrativo non solo a beneficio dei ricorrenti, ma permettendo a tutti i docenti interessati di presentare il modello di aggiornamento delle scuole utili per il triennio 2017/2020 anche effettuando il cambio della provincia prescelta per le Graduatorie d'Istituto o la modifica delle scuole in cui prestare servizio.

“L'illegittimità del DM 374/2017 sul punto era evidente – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal - ma siamo stati, come sempre, l'unico sindacato a segnalarla tempestivamente e ad agire efficacemente per tutelare i diritti di questa particolare categoria di docenti precari. Il Miur aveva pensato di poter “bloccare” nella provincia o nelle scuole scelte per le G.I. ormai 4 anni fa tutti i docenti inseriti anche nelle Graduatorie ad Esaurimento negando loro la possibilità di modificare le scelte effettuate nel 2014. Auspichiamo che il Miur prenda atto della situazione e provveda a sanarla non solo nei confronti dei ricorrenti, ma di tutti i docenti cui ha impedito nel 2017 il cambio scuole/provincia delle GI attraverso l'apertura di una finestra di aggiornamento che permetta a tutti i precari inseriti in I fascia di modificare le scelte effettuate precedentemente. Con la rappresentatività ci batteremo e ci muoveremo, come sempre, a tutela dei diritti dei tanti precari che da anni permettono il corretto svolgimento delle attività didattiche grazie al loro impegno e alla loro professionalità cui il Ministero dovrebbe dimostrare solo rispetto e, invece di ostacolare il loro lavoro impedendo di poter scegliere con serenità la provincia e le scuole in cui prestare la loro preziosa attività, pensare con serietà a provvedere alla loro immediata stabilizzazione con una procedura mirata alle immissioni in ruolo”.

Di graduatorie, diritti dei lavoratori e reclutamento si parlerà anche nel corso dei nuovi seminari gratuiti sulla legislazione scolasticaorganizzati da Anief ed Eurosofia “DIES IURIS LEGISQUE” che si svolgeranno in tutta Italia nel corso dei prossimi mesi e che vedranno come relatore proprio il presidente Anief Marcello Pacifico.

 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Assegni invalidità parziale, Adinolfi (FI): “Non possiamo tollerare questa ingiustizia sociale”

“La norma sugli assegni di invalidità, contenuta all’interno della Legge di Bilancio, va cambiata perché altamente penalizzante nei confronti di coloro che hanno disabilità parziali. Un Paese moderno e civile non ...continua
Nursing Up De Palma: «Lo stipendio dell'infermiere italiano continua a collocarsi agli ultimi posti della graduatoria europea

 Nursing Up De Palma: «Lo stipendio dell'infermiere italiano continua a collocarsi agli ultimi posti della graduatoria europea. Peggio di noi ci sono solo Grecia ed Estonia. Per non parlare delle disparità che emergono quando ...continua
La Ugl Caserta manifesta nella capitale: "Stop violenza e giù le mani dai contratti"

Una nutrita schiera di sindacalisti casertani, in rappresentanza delle categorie produttive del territorio ha partecipato nella giornata di ieri alla grande manifestazione nazionale convocata dalla Ugl, che si è svolta in Piazza SS Apostoli ...continua
Centro studi Ugl Caserta. Allerta crescita Gpl, a rischio bisogni primari

"L'attenzione che abbiamo posto sull'aumento dei prezzi, energetici e non, ci ha portato a monitorare la crescita dei costi delle famiglie in provincia di Caserta". E' quanto si evince da uno studio trasmesso questa mattina ...continua
Napoli: odissea per 885 famiglie che subiscono il distacco del gas senza preavviso a causa di problemi tra fornitori di energia

Una vera e propria odissea quella vissuta da 885 famiglie residenti a Napoli e provincia che nei giorni scorsi si sono visti interrompere senza alcun preavviso le forniture del gas, pur avendo regolarmente pagato le bollette e senza risultare morosi. ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.