WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Economia / Sindacati

Roncadin, firmato l’accordo con i sindacati fino al 31 dicembre al lavoro 7 giorni su 7

(25/09/2017)

Le parti si sono incontrate lunedì 25 settembre allo scopo di concordare le modalità per utilizzare al massimo le linee 5 e 6 non danneggiate dall’incendio. Si farà ricorso alla cassa integrazione ordinaria solo per coprire i giorni di mancato lavoro


Lunedì 25 settembre, alle 9, presso l’Unione industriali di Pordenone, la direzione di Roncadin Spa si è incontrata con le rappresentanze sindacali Flai-Cgil, Fai-Cisl e Uila-Uil per discutere della situazione aziendale a seguito dell’incendio che venerdì 22 settembre ha reso completamente inagibile le linee 1, 2, 3 e 4 dello stabilimento di Meduno.

Dopo che tutte le procedure attuate dal Comitato di crisi e della sicurezza del lavoro nel momento dell’incendio hanno funzionato correttamente, Roncadin si è coordinata per verificare la possibilità di riprendere la produzione con i reparti rimasti intatti (le linee 5 e 6), in modo da mantenere gli impegni di consegna.

Con questo obiettivo è stato concordato con le organizzazioni sindacali l’ammortizzatore sociale della cassa integrazione guadagni ordinaria, al fine di coprire le ore e i giorni di mancato lavoro, prevedibili per un certo periodo, in modo da garantire il reddito ai lavoratori e di sgravare di costi, come prevedono le normative di legge, l’azienda stessa.

Le parti si sono dunque accordate per un piano di produzione che utilizzerà al massimo le linee disponibili, «variando orari e turni con l’utilizzo di modelli già sperimentati e pienamente legittimi sotto il profilo normativo-legale, contrattuale e sindacale, come il “ciclo continuo” e lo scorrimento dei riposi, lavorando quindi anche i sabati e le domeniche», si legge nell’accordo.

«Fino al 31 dicembre, quindi, le linee produttive 5 e 6 saranno attivate 7 giorni su 7 -prosegue il documento firmato-. L’orario di lavoro sarà attuato conservando, di massima, l’attuale part time di 30 ore settimanali medie, ma sviluppandosi con modalità diverse: 7 ore lavorative per 3 turni giornalieri, per tre giorni di lavoro e due di riposo».

«Il nostro impegno è di fare tutto ciò che sarà necessario per affrontare l’emergenza e avviare una fase di rilancio -commenta l’ad Dario Roncadin-. Abbiamo già deciso la costruzione di una nuova linea di produzione da affiancare alle due che stiamo provando per far funzionare a regime già da domani».

Roncadin e le organizzazioni sindacali si incontreranno periodicamente per monitorare la situazione e apportare se del caso, di comune accordo, ulteriori modifiche organizzative.

 

Alle ore 17,00 circa seguiranno altri aggiornamenti sugli accadimenti odierni.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

La Ugl Caserta manifesta nella capitale: "Stop violenza e giù le mani dai contratti"

Una nutrita schiera di sindacalisti casertani, in rappresentanza delle categorie produttive del territorio ha partecipato nella giornata di ieri alla grande manifestazione nazionale convocata dalla Ugl, che si è svolta in Piazza SS Apostoli ...continua
Centro studi Ugl Caserta. Allerta crescita Gpl, a rischio bisogni primari

"L'attenzione che abbiamo posto sull'aumento dei prezzi, energetici e non, ci ha portato a monitorare la crescita dei costi delle famiglie in provincia di Caserta". E' quanto si evince da uno studio trasmesso questa mattina ...continua
Napoli: odissea per 885 famiglie che subiscono il distacco del gas senza preavviso a causa di problemi tra fornitori di energia

Una vera e propria odissea quella vissuta da 885 famiglie residenti a Napoli e provincia che nei giorni scorsi si sono visti interrompere senza alcun preavviso le forniture del gas, pur avendo regolarmente pagato le bollette e senza risultare morosi. ...continua
Bollette, Assoutenti: Campania maglia nera per morosità

Con nuovi rincari tariffe luce e gas rischio impennata della morosità in regione. Arera blocchi distacchi per tutta durata dell’emergenza energia come fatto durante pandemia I maxi-rincari delle tariffe luce e gas decisi ieri ...continua
Comunali, Confapi: basta «rivoluzione», ora serve collaborazione

NAPOLI – «La digitalizzazione degli uffici destinati ai servizi per il cittadino è la vera grande sfida del Recovery plan a Napoli. La chiave di svolta possibile per migliorare l'efficienza di una macchina amministrativa antiquata ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.