Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Economia / Sindacati

Precariato, aggiornamento annuale delle graduatorie precluso a tantissimi docenti abilitati

(25/06/2018)

I dirigenti ministeriali hanno appena pubblicato un decreto, il DM 506 del 19 giugno 2018, che disciplina le operazioni di inserimento nelle Graduatorie ad esaurimento alla vecchia maniera: niente reinserimento per gli esclusi e passaggio dalla quarta a terza fascia; graduatorie precluse anche per i laureati in Scienze della formazione primaria col vecchio ordinamento; aggiornamento vietato, infine, per tutti coloro che, pur stando già nelle GaE, sono interessati a far valere i nuovi titoli e servizi maturati negli ultimi quattro anni oppure hanno intenzione di cambiare provincia di appartenenza per ritrovarsi con maggiori chance di essere assunti anche a tempo indeterminato.

Il giovane sindacato ha quindi attivato nuovi ricorsi per chi intende chiedere subito il reinserimento in GaE, l’inserimento con la laurea SFP vecchio ordinamento nella quarta fascia GAE e per chi intende passare dalla fascia aggiuntiva alla terza fascia delle GaE. Attivato anche uno specifico contenzioso per contestare il mancato aggiornamento delle GaE che impedisce agli aspiranti già inseriti di poter aggiornare il punteggio con titoli e servizi maturati negli ultimi quattro anni e di poter chiedere il trasferimento in altra provincia. Adesioni sul portale Anief entro il 9 luglio.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Invece di intensificare gli sforzi per porre fine alle clausole inique nei contratti di lavoro e nelle modalità di accesso alle immissioni in ruolo, il nostro Ministero dell’Istruzione si comporta in modo conservativo, procedendo ad operare in modo discriminante. Come ho detto in settimana a Bruxelles, davanti al Parlamento europeo, mai come oggi è giunto invece il momento di voltare pagina, aggiornando le procedure, rendendole omogenea tra il settore pubblico e privato, garantendo finalmente la parità di trattamento tra personale precario e di ruolo. Facendo così anche cadere tutti gli inutili lacciuoli esistenti per tenere lontano i docenti abilitati dalla GeE e per permettere loro di muoversi ogni anno, dando modo di collocarsi nelle province dove c’è un maggior numero di disponibilità di posti vacanti.





L’ostilità del Miur verso i docenti abilitati nelle classi di concorso e nel sostegno non sembra avere mai fine: ignorando le chiare espressioni prodotte negli ultimi mesi da tribunali di più livelli giudiziari, i quali aprono le GaE a diverse tipologie di docenti precari, i dirigenti ministeriali hanno appena pubblicato un decreto, il DM 506 del 19 giugno 2018, che continua a disciplinare le operazioni di inserimento nelle Graduatorie ad esaurimento alla vecchia maniera: niente reinserimento per gli esclusi e passaggio dalla quarta a terza fascia; graduatorie precluse anche per i laureati in Scienze della formazione primaria col vecchio ordinamento; aggiornamento vietato, infine, per tutti coloro che, pur stando già nelle GaE, sono interessati a far valere i nuovi titoli e servizi maturati negli ultimi quattro anni oppure hanno intenzione di cambiare provincia di appartenenza per ritrovarsi con maggiori chance di essere assunti anche a tempo indeterminato.

Il decreto – che disciplina le operazioni di inserimento a pieno titolo, inclusione negli elenchi di sostegno e dichiarazione dei titoli di riserva per l’aggiornamento annuale delle graduatorie ad esaurimento – mantiene, di fatto, le procedure tradizionali. Eppure sono diversi i pronunciamenti dei giudici, anche recentissimi, favorevoli ai docenti ricorrenti: riguardano il reinserimento in GaE (Sentenza Consiglio di Stato n. 3621/2018), il passaggio dalla IV alla III fascia (Sentenza TAR Lazio n. 1112/2017) e l'inserimento in GaE degli abilitati SFP Vecchio Ordinamento (Ordinanza Consiglio di Stato n. 624/2018).

“Invece di intensificare gli sforzi per porre fine alle clausole inique nei contratti di lavoro e nelle modalità di accesso alle immissioni in ruolo – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – il nostro Ministero dell’Istruzione si comporta in modo conservativo, procedendo ad operare in modo discriminante. Come ho detto in settimana a Bruxelles, davanti al Parlamento europeo, mai come oggi è giunto invece il momento di voltare pagina, aggiornando le procedure, rendendole omogenea tra il settore pubblico e privato, garantendo finalmente la parità di trattamento tra personale precario e di ruolo. Facendo così anche cadere tutti gli inutili lacciuoli esistenti per tenere lontano i docenti abilitati dalla GeE e per permettere loro di muoversi ogni anno, dando modo di collocarsi nelle province dove c’è un maggior numero di disponibilità di posti vacanti”.

 

 

Precariato, aggiornamento annuale delle graduatorie precluso a tantissimi docenti abilitati






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Napoli. La CGIL Campania interviene sui nuovi concorsi al comune di Napoli

(09/08/22)  "Apprezziamo la tempistica con cui la giunta Manfredi è riuscita a pubblicare il bando per nuove assunzioni al Comune di Napoli, a testimonianza che la terza città d'Italia possa dotarsi di personale ...continua
Il successo della dieta Metiderranea è dimostrato da poche cifre

"Nel 2021, con l’accelerazione del commercio internazionale dopo la frenata imposta dalla pandemia, le vendite all’estero hanno raggiunto il massimo storico di 52 miliardi di euro. Questo dato dimostra 2 evidenze: la vitalità ...continua
In sciopero le maestranze Ferlog Service di Napoli

Sono in sciopero, per l’intera giornata di oggi, le maestranze della Ferlog Service di Napoli, società di manutenzione e revisione ferroviaria che ha committenze con Trenitalia, Mercitalia, Hitachi Sts e Alstom nonché con società...continua
In arrivo la compensazione di crediti e debiti per gli iscritti alla Cassa di previdenza dei commercialisti

AVERSA - “Da oltre un anno abbiamo sollecitato al Consiglio d’Amministrazione della Cdc (Cassa di previdenza dei dottori commercialisti) l’adozione di un provvedimento che consentisse ai colleghi iscritti all’ente previdenziale ...continua
Ugl. Favoccia all'attacco, sarà sciopero. Il sindacalista: "Giallismo sindacale e miopia amministrativa"

"Lo avevamo affermato nel mese appena trascorso, era necessario regolarizzare le procedure con le quali era stato gestito il fitto di ramo d'azienda nel settore della raccolta rifiuti nel comune di Trentola Ducenta". A parlare è ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.