WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Economia / Sindacati

Agricoltura, Confapi Napoli: tutelare mercati da big internazionali

(16/04/2019)

NAPOLI – «Innovazione, sicurezza e internazionalizzazione controllata sono i paradigmi di una agricoltura 4.0 che deve affermarsi in Italia, e ancor di più nella nostra regione dove le commodities agricole rappresentano il valore aggiunto del pil, al fine di evitare quel che, manzonianamente parlando, accade a un vaso ci coccio tra due vasi di ferro».  Lo ha detto Raffaele Marrone, presidente Confapi Napoli, a margine dell'incontro che si è tenuto questa mattina presso il Centro Congressi Polo dello Shipping, in Via A. Depretis 51 a Napoli, dal titolo «Il ruolo dei mercati ortofrutticoli all’ingrosso nell’agroalimentare italiano: tematiche a confronto» organizzato da Fedagromercati. Evento a cui, tra gli altri, sono stati invitati Pasquale Crispino, Consigliere Nazionale CONAF; Salvatore Velotto, Membro Cda CAAN; Domenico Porcaro, Presidente Fedagro Giuliano; Valentino Di Pisa, Presidente Fedagromercati Nazionale; Pasquale Russo, Direttore Confcommercio Napoli; Giuseppe Ceparano, Presidente ODAF Napoli; e Giuseppe Coletti, Co-Founder Authentico.  «Il settore agroalimentare, componente essenziale del sistema produttivo nazionale, se da un lato rischia infatti di subire uno smisurato ridimensionamento con effetti drammatici sul piano economico e sociale, a causa della congiuntura economica ancora in essere, dall'altro espone i naturali sbocchi commerciali, i mercati all'ingrosso, a un destino ancor più crudele – ha sottolineato Marrone –. Le amplificate concentrazioni nelle aree più competitive, a livello produttivo e di distribuzione, espongono al rischio di asimmetrie evidenti ed anche di scarsa trasparenza nella trasmissione dei prezzi dal mercato internazionale a quello interno e da questo ai consumatori».  «L’alimentare italiano, in ogni caso, vive un momento di grande intensità e fermento nella consapevolezza di un’eccellenza internazionale unanimemente riconosciuta, soprattutto con riferimento alle produzioni a denominazione protetta che rappresentano circa il 10% dell’intera produzione agroalimentare, con una componente vino che sfiora il 54%, solo per fare un esempio. E quindi pensare che i mercati ortofrutticoli all'ingrosso possano essere l'ammortizzatore di tutti gli sbalzi della filiera significa esporre il segmento al rischio di un collasso, più o meno lento, per mano di quella internazionalizzazione, cui facevamo prima riferimento, che non può vivere di una competizione selvaggia a tutto vantaggio delle multinazionali e di quanti hanno fatto della concentrazione produttiva e distributiva il tratto distintivo della propria attività. Servono meccanismi regolatori sui prezzi – ha concluso il presidente Confapi Napoli –, che impediscono l'impoverimento dei nostri centri di distribuzione».NAPOLI – «Innovazione, sicurezza e internazionalizzazione controllata sono i paradigmi di una agricoltura 4.0 che deve affermarsi in Italia, e ancor di più nella nostra regione dove le commodities agricole rappresentano il valore aggiunto del pil, al fine di evitare quel che, manzonianamente parlando, accade a un vaso ci coccio tra due vasi di ferro».

Lo ha detto Raffaele Marrone, presidente Confapi Napoli, a margine dell'incontro che si è tenuto questa mattina presso il Centro Congressi Polo dello Shipping, in Via A. Depretis 51 a Napoli, dal titolo «Il ruolo dei mercati ortofrutticoli all’ingrosso nell’agroalimentare italiano: tematiche a confronto» organizzato da Fedagromercati. Evento a cui, tra gli altri, sono stati invitati Pasquale Crispino, Consigliere Nazionale CONAF; Salvatore Velotto, Membro Cda CAAN; Domenico Porcaro, Presidente Fedagro Giuliano; Valentino Di Pisa, Presidente Fedagromercati Nazionale; Pasquale Russo, Direttore Confcommercio Napoli; Giuseppe Ceparano, Presidente ODAF Napoli; e Giuseppe Coletti, Co-Founder Authentico.

«Il settore agroalimentare, componente essenziale del sistema produttivo nazionale, se da un lato rischia infatti di subire uno smisurato ridimensionamento con effetti drammatici sul piano economico e sociale, a causa della congiuntura economica ancora in essere, dall'altro espone i naturali sbocchi commerciali, i mercati all'ingrosso, a un destino ancor più crudele – ha sottolineato Marrone –. Le amplificate concentrazioni nelle aree più competitive, a livello produttivo e di distribuzione, espongono al rischio di asimmetrie evidenti ed anche di scarsa trasparenza nella trasmissione dei prezzi dal mercato internazionale a quello interno e da questo ai consumatori».

«L’alimentare italiano, in ogni caso, vive un momento di grande intensità e fermento nella consapevolezza di un’eccellenza internazionale unanimemente riconosciuta, soprattutto con riferimento alle produzioni a denominazione protetta che rappresentano circa il 10% dell’intera produzione agroalimentare, con una componente vino che sfiora il 54%, solo per fare un esempio. E quindi pensare che i mercati ortofrutticoli all'ingrosso possano essere l'ammortizzatore di tutti gli sbalzi della filiera significa esporre il segmento al rischio di un collasso, più o meno lento, per mano di quella internazionalizzazione, cui facevamo prima riferimento, che non può vivere di una competizione selvaggia a tutto vantaggio delle multinazionali e di quanti hanno fatto della concentrazione produttiva e distributiva il tratto distintivo della propria attività. Servono meccanismi regolatori sui prezzi – ha concluso il presidente Confapi Napoli –, che impediscono l'impoverimento dei nostri centri di distribuzione».

 

 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Anniversario Incontro a Teano. La Ugl Caserta: "Confini caduti, resta divario economico"

In occasione del 161° anniversario dell'incontro di Teano, la Vice Segretaria della Ugl Caserta Marianna Grande e la Segretaria della Ugl Giovani Annabella D'Angelo hanno ricordato questa mattina, l'evento, forse il più importante ...continua
Assegni invalidità parziale, Adinolfi (FI): “Non possiamo tollerare questa ingiustizia sociale”

“La norma sugli assegni di invalidità, contenuta all’interno della Legge di Bilancio, va cambiata perché altamente penalizzante nei confronti di coloro che hanno disabilità parziali. Un Paese moderno e civile non ...continua
Nursing Up De Palma: «Lo stipendio dell'infermiere italiano continua a collocarsi agli ultimi posti della graduatoria europea

 Nursing Up De Palma: «Lo stipendio dell'infermiere italiano continua a collocarsi agli ultimi posti della graduatoria europea. Peggio di noi ci sono solo Grecia ed Estonia. Per non parlare delle disparità che emergono quando ...continua
La Ugl Caserta manifesta nella capitale: "Stop violenza e giù le mani dai contratti"

Una nutrita schiera di sindacalisti casertani, in rappresentanza delle categorie produttive del territorio ha partecipato nella giornata di ieri alla grande manifestazione nazionale convocata dalla Ugl, che si è svolta in Piazza SS Apostoli ...continua
Centro studi Ugl Caserta. Allerta crescita Gpl, a rischio bisogni primari

"L'attenzione che abbiamo posto sull'aumento dei prezzi, energetici e non, ci ha portato a monitorare la crescita dei costi delle famiglie in provincia di Caserta". E' quanto si evince da uno studio trasmesso questa mattina ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.