Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Economia / Lavoro

Rifiuti Melito, stipendi sempre regolari. Il comune rispetti gli impegni contrattuali

(08/05/2019)

 In merito alle dichiarazioni rilasciate dal sindaco di Melito di Napoli e agli articoli di stampa riguardanti il servizio di igiene urbana, la Buttol Srl rende noto quanto segue: “E’ necessario chiarire che gli stipendi sono sempre pagati con regolarità, l’azienda prima del giorno 15 di ogni mese (come da contratto nazionale) accredita gli importi ai dipendenti di Melito senza mai un giorno di ritardo. Anzi, è consuetudine erogare le spettanze entro il giorni 5 del mese. L’azienda inoltre ha sempre anticipato tali somme, nonostante il Comune non sia sempre in regola con i pagamenti. Allo stato attuale infatti sono due le mensilità arretrate: i canoni di dicembre e aprile. Nonostante questo i dipendenti percepiscono con regolarità lo stipendio. La Buttol ha chiesto un adeguamento contrattuale, come da capitolato, secondo gli indici Istat, ma l’amministrazione ha sempre negato questo diritto dell’Azienda. E’ quindi il Comune di Melito di Napoli a sottrarsi al rispetto delle norme contrattuali. La Buttol, inoltre, ha da sempre segnalato anomalie riguardanti i mancati controlli e l’assenza di sanzioni nei confronti di chi conferisce rifiuti fuori orario e quindi contribuisce a generare cumuli di rifiuti in città. Questo atteggiamento portato all’abbandono indiscriminato di rifiuti ed alla diminuzione delle percentuali di raccolta differenziata. Per ripulire ogni giorno l’Azienda ha attivato un doppio turno di raccolta, con costi aggiuntivi per l’impiego ulteriore di personale, che il Comune non vuole riconoscere. Anzi, l’amministrazione continua a scagliarsi contro l’Azienda per disagi non generati dalla stessa. Per questi motivi i lavoratori non protestano contro la Buttol, che onora sempre tutti gli impegni economici, bensì contro l’atteggiamento assunto dall’amministrazione comunale. Pertanto è l’Azienda, insieme ai lavoratori, a chiedere un incontro al Prefetto di Napoli per dipanare i contrasti con un Ente sordo alle esigenze di una realtà imprenditoriale che, oltre a svolgere dignitosamente il proprio mestiere, ha sempre cercato di soddisfare le esigenze dei lavoratori e dei cittadini che pagano le tasse, nel pieno rispetto delle leggi. Inoltre la Buttol sottolinea che il personale ha dichiarato lo stato di agitazione e non lo sciopero, come fatto trapelare dagli organi di stampa, pertanto tutti i servizi saranno assicurati, compresa come la raccolta rifiuti prevista da calendario.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Scuola Bonito Cosenza, la dirigente Maria Giugliano va in pensione

Una donna autorevole dal cuore d'oro. Una preside signorile, professionale, sempre disponibile al confronto e al dialogo. Una dirigente elegante che ha retto per quindici anni la Bonito Cosenza trasformandola in una scuola aperta al territorio ...continua
Ugl Caserta. Palumbo chiama a raccolta la provincia: "Povertà dilagante, è tempo di aprire un contenzioso con le istituzioni"

"I dati sulla povertà assoluta diramati questa mattina dall'Istat sono terrificanti" è quanto ha dichiarato il Segretario Territoriale della Ugl Caserta Ferdinando Palumbo a margine di un focus sindacale. "Caserta ...continua
Turismo, Napoli cresce. Malfatti (ACQUA Napoli Est): "Investire ora sulle periferie!"

In queste ore il Comune di Napoli ha diffuso i primi dati relativi all'afflusso turistico della stagione: solo nel primo weekend di maggio sono state registrate oltre 97mila presenze e il trend è in costante crescita, come testimonia ...continua
CNA orafi incontra la filiera campana

Romualdo Pettorino (presidente orafi campani Cna): “prendere per mano il settore creando sinergie positive e propositive” Confronto, dibattito e sinergie questa la visione globale di CNA orafi che ad Oromare ha incontrato la filiera ...continua
Cammarano: “Ospedale Roccadaspide, si arruolino medici e si riattivino reparti chiusi”

“L’ennesimo trasferimento di un medico ha portato alla chiusura, inevitabile, anche del reparto di Cardiologia dell’ospedale di Roccadaspide, uno dei pochi in Campania in cui si effettuano i test al cicloergometro, l’eco-stress ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.