Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Economia / Lavoro

Morvillo (Iriss-Cnr): Valorizziamo beni culturali ecclesiastici attraverso progetti di sostenibilità culturale, sociale ed economica

(28/06/2020)

Coccia (Comune di Napoli): Con “Ad Maiora” patrimonio Unesco torna a vivere. Da governo ci aspettiamo sostegno concreto per rilanciare il turismo

La presentazione del progetto targato Iriss-Cnr a Napoli presso il Complesso Monumentale di Sant’Anna dei Lombardi

NAPOLI - “Il progetto 'Ad Maiora' è una risposta concreta al problema della valorizzazione e della gestione del patrimonio culturale, in particolare quello religioso, maggiormente critico sotto il profilo della conservazione, tutela e valorizzazione, che rappresenta il 20 per cento del patrimonio culturale iscritto nella lista mondiale Unesco. “E’ una sfida che portiamo avanti attraverso la sperimentazione e validazione di un modello di co-progettazione di un sistema di servizi in grado di stimolare la creazione di iniziative imprenditoriali culturali sostenibili. L’iniziativa si basa anche sull’esperienza che l’Istituto ha maturata con la partecipazione a progetti finanziati con fondi europei sulla ricerca e la progettazione di modelli di business innovativi in grado di generare flussi di cassa che consentono di sostenere i costi di gestione e manutenzione dei beni e, al tempo stesso, di aprire le strutture al territorio, rafforzando quello spirito identitario che negli ultimi decenni si è progressivamente affievolito”.

Lo ha detto Alfonso Morvillo, direttore dell'Istituto di Ricerca su Innovazione e Servizi per lo Sviluppo (Iriss) del Cnr, nel corso della presentazione del progetto “Ad Maiora” che ha avuto luogo presso il Complesso Monumentale di Sant’Anna dei Lombardi a Napoli e che si concluso con un concerto per canto e pianoforte, particolarmente coinvolgente sotto il profilo emotivo, affidato al soprano Angelina Maniscalco e al maestro Bruno Canino al piano.

“Queste iniziative sono opportunità di sviluppo del territorio - ha proseguito Morvillo - che nascono proprio da azioni condotte in modo rigoroso sotto il profilo metodologico, partendo dal coinvolgimento diretto dei destinatari delle azioni proposte. Questa è la vera forza del nostro progetto”.

"Oggetto dell’iniziativa: chiese e oratori chiusi dagli anni ’80 - come ha spiegato don Salvatore Fratellanza, presidente del Comitato di gestione delle Arciconfraternite commissariate - grazie al protocollo d’intesa con l’Iriss-Cnr potremo far rivivere oratori e strutture ecclesiali chiuse da tanto tempo, restituendole alla città e ai suoi abitanti. Prevediamo lo sviluppo di attività di formazione, socializzazione e aggregazione in questi luoghi, promuovendo anche le eccellenze dei territori dove insistono. Si colmano vuoti in zone abbastanza degradate che, grazie a questo progetto, ospiteranno corsi di restauro di beni sacri, paramenti, vasi e libri preziosi che appartengono al nostro patrimonio culturale. La prima struttura a essere riaperta sarà quella di Sant’Arcangelo a Baiano”.

Per Elena Coccia, presidente della commissione Cultura e Turismo del Comune di Napoli: “Con questo progetto parte del patrimonio Unesco ricomincerà a vivere. Una prima risposta importante all’emergenza causata dal coronavirus che ha colpito il nostro turismo”. “Dalla conferenza nazionale dei comuni Unesco è emerso un dato spaventoso sui mancati introiti di quest’anno, cifre con molti zeri. Su questo punto - ha rimarcato la consigliera Coccia - non c’è stato l’intervento governativo che tutti ci aspettavamo. Esiste il turismo a all’aperto, delle strade, dei sentieri, dei grandi spazi, delle chiese e spero che con Riparte Italia ci si pensi. Se è vero che il turismo è il 20 per cento del Pil in Italia, e di questi l’Unesco ne vale il 10 per cento, bisogna muoversi subito”.

La presentazione dell’idea progettuale è stata affidata a Marcella De Martino, primo ricercatore dell'Iriss-Cnr, in rappresentanza del nutrito gruppo di ricerca multidisciplinare, peraltro tutto al femminile, che con spirito unitario ed entusiasmo coinvolgente, sta concretamente dando corpo all’iniziativa. Alla presentazione ha contribuito anche Daniela Rinaldini, responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comitato di Gestione delle Arciconfraternite Commissariate della Diocesi di Napoli.
 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Contributi a fondo perduto per ristoranti, bar, piscine e catering Da domani si può fare domanda per ricevere gli aiuti

Pronti modello e istruzioni per i titolari di ristoranti, bar, piscine, attività di catering e di organizzazione di cerimonie che intendono richiedere i contributi destinati a questi settori in difficoltà dal decreto “Sostegni bis” ...continua
Automotive, Regioni Italiane neutralità tecnologica per raggiungere obiettivi ambientali e sociali

Accompagnare la transizione del settore automobilistico evitando il crollo dei sistemi economici e dell'occupazione delle regioni maggiormente coinvolte nella filiera produttiva dei motori endotermici. E’ questo l’obiettivo dell’inte...continua
Guardia di Finanza e Comune di Benevento stipulano intese per monitorare l'uso corretto del PNRR

Nell’odierna mattinata, presso la Sala Consiliare di “Palazzo Mosti”, la Guardia di Finanza ed il Comune di Benevento hanno sottoscritto un protocollo d’intesa con l’obiettivo condiviso di implementare la reciproca ...continua
Auriemma (Uilm Campania): Difendere industria manifatturiera e occupazione

“In Campania sono troppe le aziende che hanno chiuso o che sono in crisi. Da anni chiediamo più incisività, ma adesso più che mai occorre cambiare passo e fare in modo che la politica, soprattutto quella regionale, si ...continua
Giocattoli e comunicazione: al via la partnership tra Lenus e PtToys

Il team di Cava de’ Tirreni è già al lavoro per realizzare strumenti e campagne innovative dedicate al nuovo marchio italiano PtToys...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.