Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Economia / Lavoro

Moretta (commercialisti Napoli), liquidazione mensile non semplifica fisco

(20/07/2020)

morettaNAPOLI - Non è certo con la liquidazione periodica mensile o trimestrale anche di IRPEF, IRES e IRAP (così come già accade per l’IVA) che si semplifica il sistema fiscale, anzi è esattamente il contrario.

L’idea del direttore generale dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, che il Fisco riesca a precompilare anche le dichiarazioni dei titolari di partita IVA (dopo quelle dei dipendenti con il modello 730) e che possa chiedere ogni mese al contribuente il prelievo dell'imposta dovuta, con tutte le compensazioni già fatte in automatico o il riconoscimento di un credito per le successive scadenze, non tiene conto del fatto che i dati da inserire nella precompilata non affluiscono nelle banche dati dell’Anagrafe Tributaria per virtù divinatorie, ma solo se si ‘addossano’ nuovi obblighi di comunicazione a carico dei contribuenti (e dei professionisti che li assistono), il che finisce per complicare e moltiplicare gli adempimenti anziché ridurli”. Lo ha detto Vincenzo Moretta, presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli.

“E’ un film già visto: sappiamo bene cosa è accaduto, dal 2015 ad oggi, per il 730 precompilato. L’anno scorso i 730 precompilati accettati dai contribuenti senza modifiche sono stati poco più di 600mila, a fronte di 21,2 milioni di modelli inviati al Fisco. La maggior parte dei contribuenti (circa 18 milioni) - ha aggiunto Moretta - continua ad affidarsi ai commercialisti e ai Caf anche per una dichiarazione “elementare” come il 730”.

“Ciò nonostante per consentire all’Agenzia di mettere on line la bozza di 730 precompilato i contribuenti (e i professionisti che li assistono) hanno dovuto effettuare adempimenti di comunicazione al Fisco dei dati dei principali oneri deducibili e detraibili che prima non esistevano e che sono stati introdotti al solo scopo di permettere all’Agenzia di mettere a disposizione la precompilata. Nuovi adempimenti – ha evidenziato il numero uno dell’Odcec Napoli - che, anche economicamente, restano ad esclusivo carico dei contribuenti e dei commercialisti che li assistono, i quali, in molti casi, non riescono neppure a scaricare sulla clientela i costi aggiuntivi da sostenere per la loro effettuazione”.

“Per cui quando si evoca per il ‘fisco di massa’ il bisogno di automatismi e la necessità di un ‘fisco automatico, ma controllabile’ ci si dimentica da un lato che tale ‘automatismo’ non si è riuscito ancora ad attuarlo, dopo cinque anni, neppure per il 730 e dall’altro che è mistificatorio parlare di semplificazione e di minori costi per i cittadini, quando quell’automatismo (già di per sé molto complicato da realizzare) richiede l’introduzione di nuovi obblighi e di costi aggiuntivi per i cittadini”.

“In altre parole – ha sottolineato Moretta - è come se si dicesse che il concessionario che ti consegna l’automobile ‘chiavi in mano’ comporta meno costi per l’acquirente perché si riducono i prezzi di fabbricazione. Con l’aggravante che mentre il concessionario ti consegna un prodotto che è, in tutti i casi, pronto all’uso cui è destinato, l’Agenzia ti mette a disposizione un ‘semilavorato’ che richiede quasi sempre l’intervento di un commercialista per verificare la correttezza della bozza di precompilata predisposta automaticamente. Né la vendita dell’auto tramite concessionario mette a carico del sistema adempimenti aggiuntivi da effettuare prima dell’acquisto, così come invece avviene per la predisposizione della precompilata da parte dell’Agenzia”.

“Sempre sul versante della semplificazione - ha rimarcato il presidente dei commercialisti partenopei  - , è poi tutto da dimostrare che la liquidazione mensile o trimestrale delle imposte sui redditi sia più semplice del sistema di liquidazione annuale oggi esistente, perché è evidente che quelle esigenze di calcolo e di verifica degli importi da versare o a credito (anche se, per ipotesi, resi disponibili dall’Agenzia in modo automatico) si moltiplicherebbe per 12 (in caso di liquidazione mensile) e per 4 (in caso di liquidazione trimestrale), con ‘buona pace’ della tanto auspicata riduzione degli adempimenti e semplificazione del sistema fiscale”.

“Il vero è che fino a quando esisterà il sacrosanto principio di determinazione analitica dei redditi prodotti dai titolari di partita IVA, è semplicemente velleitario parlare ‘fisco di massa’ che ‘deve essere un fisco automatico’. È un dato di fatto di cui anche i non addetti ai lavori si rendono conto, a maggior ragione in un Paese in cui il Fisco viene costantemente rimaneggiato per motivi di gettito e al cospetto di una realtà da disciplinare oggettivamente molto complessa che mal si presta ad essere risolta da non meglio precisati “automatismi” che dovrebbero risolvere, in un colpo solo e senza costi aggiuntivi, tutti i mali del Fisco italiano”.

“L’Agenzia ha un compito importantissimo nel nostro Paese che è quello di controllare il corretto adempimento degli obblighi fiscali e di fornire l’assistenza ai contribuenti per alcuni adempimenti di base. Di qui a pretendere di diventare anche il consulente fiscale di imprese, lavoratori autonomi e professionisti che poi, essa stessa, ha il dovere di controllare, il passo sembra eccessivo. Ed il voler svolgere troppe parti in commedia in un settore tanto delicato quanto quello fiscale - ha concluso Moretta - non è certo il meglio che si possa auspicare se si hanno a cuore i diritti e le garanzie dei contribuenti”.

 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Scuola Bonito Cosenza, la dirigente Maria Giugliano va in pensione

Una donna autorevole dal cuore d'oro. Una preside signorile, professionale, sempre disponibile al confronto e al dialogo. Una dirigente elegante che ha retto per quindici anni la Bonito Cosenza trasformandola in una scuola aperta al territorio ...continua
Ugl Caserta. Palumbo chiama a raccolta la provincia: "Povertà dilagante, è tempo di aprire un contenzioso con le istituzioni"

"I dati sulla povertà assoluta diramati questa mattina dall'Istat sono terrificanti" è quanto ha dichiarato il Segretario Territoriale della Ugl Caserta Ferdinando Palumbo a margine di un focus sindacale. "Caserta ...continua
Turismo, Napoli cresce. Malfatti (ACQUA Napoli Est): "Investire ora sulle periferie!"

In queste ore il Comune di Napoli ha diffuso i primi dati relativi all'afflusso turistico della stagione: solo nel primo weekend di maggio sono state registrate oltre 97mila presenze e il trend è in costante crescita, come testimonia ...continua
CNA orafi incontra la filiera campana

Romualdo Pettorino (presidente orafi campani Cna): “prendere per mano il settore creando sinergie positive e propositive” Confronto, dibattito e sinergie questa la visione globale di CNA orafi che ad Oromare ha incontrato la filiera ...continua
Cammarano: “Ospedale Roccadaspide, si arruolino medici e si riattivino reparti chiusi”

“L’ennesimo trasferimento di un medico ha portato alla chiusura, inevitabile, anche del reparto di Cardiologia dell’ospedale di Roccadaspide, uno dei pochi in Campania in cui si effettuano i test al cicloergometro, l’eco-stress ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.