Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Economia / Lavoro



L' Agenzia delle Entrate riepiloga le proroghe e agevolazioni rinnovate o introdotte con il decreto Rilancio

(09/06/2020)

L' Agenzia delle Entrate riepiloga le proroghe e agevolazioni rinnovate o introdotte con il decreto Rilancio

Il decreto Rilancio interviene sui termini di riscossione delle imposte
- proroga le sospensioni già accordate da precedenti provvedimenti normativi e, di conseguenza, differisce ulteriormente i termini di ripresa dei relativi versamenti;
-introduce un “periodo di tregua” anche per gli avvisi bonari, rinviandone il pagamento a metà settembre; concede identica dilazione per le rate dovute da chi ha aderito alle definizioni agevolate introdotte dalla manovra finanziaria 2019, prevedendo anche un termine più lungo (10 dicembre) per le scadenze della “rottamazione-ter” e del “saldo e stralcio”;
sposta al 31 agosto la data fino alla quale sono sospesi i versamenti dei carichi affidati all’agente della riscossione, da effettuarsi entro il successivo mese di settembre;
raddoppia a dieci il numero di rate non pagate che determina decadenza per le rateizzazioni di cartelle e avvisi;
offre una ciambella di salvataggio a chi, nel 2019, è decaduto dai benefici delle definizioni agevolate, dando la possibilità di chiedere la dilazione dei debiti “rottamati” e non pagati.

In ogni caso, le eventuali somme versate durante il periodo di sospensione non sono rimborsabili. L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul suo portale FiscoOggi un riepilogo di tutto quel che cambia, che riportiamo qui sotto:

Proroga dei termini di ripresa di versamenti e adempimenti sospesi
Gli articoli 126 e 127 del Dl n. 34/2020 (“decreto Rilancio”) spostano al 16 settembre 2020 – con possibilità di frazionare il dovuto in quattro rate mensili di pari importo:
- versamenti, sospesi per i mesi di aprile e di maggio, dell’Iva nonché delle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilato e delle trattenute in materia di addizionali regionale e comunale operate in qualità di sostituti d’imposta, dovuti dagli esercenti attività d’impresa, arte o professione, con ricavi/compensi non superiori a 50 milioni di euro nel periodo d’imposta precedente e con un calo del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33% nel mese di marzo 2020 rispetto allo stesso mese del 2019 e nel mese di aprile 2020 rispetto ad aprile 2019 (la sospensione è stata applicata anche agli operatori con ricavi o compensi superiori a 50 milioni di euro, ma in presenza di una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 50%, e a chi ha avviato l’attività dopo il 31 marzo 2020; per gli enti non commerciali, come quelli del terzo settore e i religiosi, svolgenti attività istituzionale di interesse generale non in regime d’impresa, ha operato per le sole ritenute d’imposta e le trattenute relative alle addizionali)
- versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria, dovuti nei mesi di aprile e maggio dagli stessi soggetti di cui al punto precedente
- versamento dell’Iva nei mesi di aprile e maggio, sospeso per gli esercenti attività d’impresa, arte o professione con domicilio fiscale, sede legale o sede operativa nelle province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi e Piacenza, indipendentemente dal volume di ricavi/compensi del periodo d’imposta precedente, ma con un calo del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33% a marzo 2020 rispetto a marzo 2019 e ad aprile 2020 rispetto allo stesso mese dell’anno scorso
- versamento delle ritenute d’acconto sui redditi di lavoro autonomo e sulle provvigioni per rapporti di commissione, agenzia, mediazione, rappresentanza di commercio e procacciamento di affari, che i sostituti d’imposta non hanno effettuato tra il 17 marzo e il 31 maggio 2020 nei confronti di operatori con ricavi/compensi non superiori a 400mila euro nel precedente periodo d’imposta, sempreché gli stessi, il mese prima, non abbiano sostenuto spese per prestazioni di lavoro dipendente o assimilato
dei versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria, sospesi, dal 23 febbraio al 30 aprile 2020, nei comuni ricadenti nella “zona rossa” (allegato 1 al Dpcm 1° marzo 2020)
- versamenti delle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilato operate dal 2 marzo al 30 aprile, dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria in scadenza nello stesso periodo e dei versamenti relativi all’Iva in scadenza nel mese di marzo, sospesi in favore delle attività maggiormente danneggiate dall’emergenza sanitaria, come imprese turistico-ricettive, agenzie di viaggio, gestori di palestre, piscine, teatri, cinema, discoteche, sale da gioco, ricevitorie, ristoranti, bar, pub, gelaterie, pasticcerie, musei, biblioteche, asili nido, scuole per l’infanzia, servizi didattici, corsi di formazione professionale, scuole di vela, navigazione, volo, guida, parchi divertimento, servizi di trasporto, noleggio di mezzi di trasporto, Onlus, organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale che esercitano, in via esclusiva o principale, attività di interesse generale (articolo 5, comma 1, Dlgs 117/2017). Per le federazioni sportive nazionali, gli enti di promozione sportiva, le associazioni e società sportive professionistiche e dilettantistiche, la sospensione, già prevista fino al 31 maggio, è stata ulteriormente prorogata fino al 30 giugno
- versamenti, in scadenza tra l’8 e il 31 marzo 2020, delle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilato, delle trattenute in materia di addizionali regionale e comunale, dell’Iva nonché dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria, sospesi in favore degli esercenti attività d’impresa, arte o professione con ricavi o compensi non superiori a 2 milioni nel periodo d’imposta precedente (per chi aveva domicilio fiscale, sede legale od operativa nelle province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi e Piacenza, la sospensione dei versamenti Iva ha operato a prescindere dal volume dei ricavi o compensi).
Stop anche per gli avvisi bonari

L’articolo 144 del decreto “Rilancio” stabilisce la sospensione del pagamento anche per gli avvisi bonari, ossia le comunicazioni di irregolarità riguardanti gli esiti dei controlli automatizzato e formale delle dichiarazioni (articoli 36-bis e 36-ter, Dpr n. 600/1973, per quanto riguarda le imposte sui redditi, e articolo 54-bis, Dpr n. 633/1972, in materia di Iva) e le comunicazioni degli esiti della liquidazione dei redditi soggetti a tassazione separata. Più in particolare, si tratta delle somme richieste ai sensi degli articoli 2, 3 e 3-bis, Dlgs n. 462/1997, in scadenza tra l’8 marzo e il 31 maggio 2020, incluse le rateazioni in corso riferite a precedenti avvisi bonari, per i quali si è scelta tale modalità di pagamento. Di fatto, quindi, sia una rimessione in termini dei versamenti che si sarebbero dovuti effettuare tra l’8 marzo e il 18 maggio (giorno antecedente l’entrata in vigore del Dl “Rilancio”) sia una sospensione di quelli dovuti tra il 19 e il 31 maggio.
La norma prevede che i versamenti in questione potranno essere eseguiti, senza applicazione di sanzioni e interessi, in unica soluzione entro il 16 settembre 2020 ovvero in quattro rate mensili di pari importo con scadenza nei giorni 16 settembre, 16 ottobre, 16 novembre e 16 dicembre.

Acquiescenza, adesione, mediazione, conciliazione: se ne riparla a metà settembre
Sospesi, dall’articolo 149 del Dl “Rilancio”, Per gli atti elencati, è spostato al prossimo 16 settembre anche il termine finale per la notifica del ricorso di primo grado innanzi alle commissioni tributarie.
E sempre al 16 settembre sono prorogate pure le scadenze degli atti definibili con l’acquiescenza agevolata agli avvisi di accertamento e di liquidazione (articolo 15, Dlgs n. 218/1997), i cui termini di versamento scadevano tra il 9 marzo e il 31 maggio, comprese eventuali somme rateali.

I termini di una serie di versamenti in scadenza tra il 9 marzo e il 31 maggio 2020. Nel dettaglio, si tratta delle somme dovute a seguito di:
atti di accertamento con adesione (articolo 7, Dlgs n. 218/1997)
accordo conciliativo (articoli 48 e 48-bis, Dlgs n. 546/1992, rispettivamente conciliazione fuori udienza e conciliazione in udienza)
accordo di mediazione (articolo 17-bis, Dlgs n. 546/1992)
atti di liquidazione a seguito di attribuzione della rendita (articolo 12, Dl n. 70/1988; articolo 52, Dpr n. 131/1986; articolo 34, commi 6 e 6-bis, Dlgs n. 346/1990)
atti di liquidazione per omessa registrazione di contratti di locazione e di contratti diversi (articoli 10, 15 e 54, Dpr n. 131/1986)
atti di recupero dei crediti indebitamente utilizzati, anche in compensazione (articolo 1, comma 421, legge n. 311/2004)
avvisi di liquidazione emessi in presenza di omesso, carente o tardivo versamento dell’imposta di registro, delle imposte ipocatastali, dell’imposta sulle donazioni, dell’imposta sostitutiva sui finanziamenti e dell’imposta sulle assicurazioni.
Le somme dovute, anche quelle rateali in scadenza tra il 9 marzo e il 31 maggio, potranno essere versate, senza sanzioni e interessi, in unica soluzione entro il 16 settembre 2020 oppure, a partire da quella stessa data, in un massimo di quattro rate mensili di pari importo.
 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Incontro in collaborazione con INPS sui contributi obbligatori ai fini previdenziali e assistenziali

Ieri 23 maggio 2024 si è svolto, presso la Sala Rossa dell’Istituto Tecnico Agrario “M. Vetrone”, in località Piano Cappelle, Benevento, un interessantissimo incontro, in sinergiatra l’Istituto e la sede INPS ...continua
Nasce il Distretto Urbano del Commercio a San Giuseppe Vesuviano

  Come preannunciato dal dottor Aldo Aldi, coordinatore della Commissione Straordinaria del Comune di San Giuseppe Vesuviano, durante l’incontro con gli imprenditori locali lo scorso mese di marzo, nasce il Distretto Urbano del Commercio ...continua
Pimonte approva riduzione TARI

Pimonte approva la riduzione della tassa sui rifiuti . Un grande risultato che porta la firma dell’amministrazione guidata dal sindaco Somma. Il provvedimento votato in Consiglio Comunale dalla maggioranza , con voto contrario della minoranza, ...continua
A Nola la terza edizione di “Interporti al Centro”

Terza edizione del Convegno Nazionale UIR all’Interporto di Nola. Presenti il Viceministro ai trasporti, Galeazzo Bignami, e il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca "Via l’Imu dagli immobili degli interporti. La ...continua
Il Sindacato ORSa attacca i vertici della Circumvesuviana: "Telefonare a chi è ammalato per sapere diagnosi e prognosi; assurdo"

L’inadeguatezza gestionale dei dirigenti e dei funzionari del trasporto ferroviario dell’EAV è sotto gli occhi di tutti: hanno cominciato con il cambio dell’orario dei treni, in Circumvesuviana, che se non è schizofrenico, ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.





Update cookies preferences