Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Economia / Lavoro

Economia – I codici ATECO, questi sconosciuti… sino adesso

(09/04/2020)

Se non fosse stata per la pandemia da Corona virus, i codici ATECO, ossia la classificazione delle attività commerciali, sarebbero stati conosciuti solo dagli addetti ai lavori. Invece, per aggirare i decreti, le ordinanze, gli impedimenti che vietavano l’apertura di alcuni negozi a classificazione merceologiche specifiche, sono stati usati e cambiati da tutti quei commercianti che pure di sopravvivere hanno modificato “dictum factum” i propri codici.

Tuttavia, il nostro presidente regionale Vincenzo De Luca,  ha bene interpretato lo spirito creativo dei propri negozianti, emanando un’ordinanza ancora più restrittiva di quella governativa, al fine di contenere la pandemia, all’indirizzo della consegna a domicilio quella che gli esterofili chiamano Delivery.

Ma non è stata solo questa la segnalazione arrivata agli organi competenti, ossia la modifica dei codici merceologici, ma tutto l’armamentario messo in atto per la sopravvivenza della propria attività commerciale opportunamente modificata visto il momento di difficoltà.

Si usa Facebook per l’esposizione della merce – modello vetrina virtuale – alla e mail per le prenotazioni pasquali con consegna in 24/48 ore. Le zone tenute  sotto controllo sono quelle tra il territorio di Gragnano e Sant’Antonio Abate; noti panifici che improvvisamente si sono industriati pasticceri, destreggiandosi tra creme, cioccolato e consegne a  domicilio in barba alle restrizioni.

Ovviamente è montata la protesta, una disapprovazione legittima quanto civile da parte di tutti quei commercianti che nonostante rispettino le regole, pur avendo la consapevolezza che la riapertura non è proprio vicina, si vedono beffati da un modus operandi scorretto.

Le segnalazioni sono state già girate alle autorità competenti che sul territorio stabiese sono nell’ordine di circa 250 controlli giornalieri. Uno degli operatori del settore evidenzia che: ”non è solo la scorrettezza commerciale messa in campo, ma la pericolosità dell’eventuale contagio; visto e considerato il numero elevato di contatti tra chi consegna e chi riceve. Fu questo il motivo del divieto totale tra cui le pizzerie nell’uso del delivery”.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Vincenzo De Luca ai Commercialisti di Nola: "Collaboriamo per non perdere l’occasione del Pnrr"

"L’Italia - ha detto il presidente dell’Odcec Felice Rainone - è un Paese abituato ad alzare la testa nei momenti complicati. Sono certo che anche stavolta faremo la nostra parte"...continua
EAV - 13 Gennaio sciopero generale

Venerdì 13 gennaio torneremo, purtroppo, a scioperare, lo faremo per far valere i nostri diritti contro un’azienda  che, in barba a ciò che dichiara, non vuole assolutamente dialogare coi Sindacati su questioni, ormai ataviche ...continua
Riva Acciaio partecipa al workshop dell’Associazione Italiana Metallurgia

Tra le attività che Riva Acciaio ha portato avanti nel mese di dicembre c’è anche la giornata di formazione organizzata a Bergamo, un ritrovo importante per chi opera nel settore siderurgico...continua
Basta infierire su Castellammare, occorre una seria programmazione

Sul suo blog Scaffale Stabia, Salvatore Vozza richiama l’attenzione sulla vertenza MEB: "In queste righe provo a richiamare l’attenzione di tutti su una vertenza che merita rispetto e attenzione. Dopo aver discusso per anni – ...continua
Registrare un contratto di comodato? Da oggi si fa tutto via web La novità sarà presto estesa anche ad altri atti privati

La registrazione dei contratti di comodato d’uso arriva online. È ora disponibile un nuovo servizio che consente di inviare la richiesta direttamente dal proprio pc insieme agli allegati (contratto, eventuali planimetrie, ecc). Questa possibilita...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.