WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Economia / Lavoro

Covid, Confapi Napoli: "Il governo non imponga smart working a pmi"

(21/10/2020)

NAPOLI – «Il ricorso allo smart working è certamente una rimodulazione importante del lavoro, in questo momento di crisi sanitaria, ma non è l'unica alternativa esistente, soprattutto se parliamo di imprese private. Non vorrei che passasse il messaggio, tutt'altro che giusto, che è il Governo a decidere anche sulle modalità di organizzazione aziendale delle Pmi. Facoltà che è e resta in capo agli imprenditori, ovvero a chi quotidianamente lotta sul mercato e rischia in prima persona».

Lo ha detto Raffaele Marrone, presidente Confapi Napoli.

«Serve equilibrio in questo momento – ha proseguito Marrone – e purtroppo non ne vedo tanto in giro. Vedo, invece, la voglia di imporre decisioni calate dall'alto che non solo non aiutano, ma finiscono addirittura per danneggiare. Le Pmi hanno una loro organizzazione, una loro struttura interna e un loro ciclo produttivo che solo chi ci lavora conoscono – ha aggiunto il leader delle Pmi napoletane –. Una impresa è un luogo non solo di lavoro, ma è una piccola comunità. È una “casa” in cui ognuno ha un compito e dove le esigenze della produzione si sposano con la libertà di autodeterminazione dell'imprenditore e con i diritti e i doveri dei lavoratori. Se è stata sollevata una polemica molto aspra sulla possibilità, evocata e poi ritirata, di controllare con le forze dell'ordine i domicili privati, non vedo perché questa intrusione nella libertà altrui debba invece estendersi alle aziende, fermo restando l'obbligo da parte delle pmi di osservare tutte le più scrupolose norme in materia di prevenzione. Il governo è un nostro interlocutore, e noi guardiamo con grande partecipazione allo sforzo compiuto in questo mesi, ma non è il nostro datore di lavoro».

«Ci sono alcune attività che possono proseguire tranquillamente senza smart working, e in sicurezza. Di questo deve preoccuparsi l'esecutivo. Evitando che le imprese private si svuotino di lavoratori e impedendo che anche lo smart working nella pubblica amministrazione finisca per rallentare una burocrazia già elefantiaca nelle procedure e nei tempi di risposta. Altrimenti – conclude Marrone – voler imporre lo smart working generalizzato creerà un duplice effetto negativo: da un lato danneggerà l'organizzazione aziendale delle imprese private e dall'altro ne rallenterà la produttività per gli inevitabili ritardi che una pubblica amministrazione, in funzione da remoto, accumulerà rispetto alle nostre istanze».

 

 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Addio Amico .La Ugl Agroalimentare saluta Antonio Ciarlone

Il Segretario regionale della Ugl Agroalimentare Campania Maurizio Figlioli ha trasmesso questa mattina un messaggio di cordoglio per la scomparsa di Antonio Ciarlone ex dipendente della Unilever di Caivano e dirigente sindacale della categoria. ...continua
ASCOM - Devoluta la cifra per le luminarie a favore delle famiglie meno fortunate

Le misure di contrasto al Covid-19 stanno favorendo la rapida ascesa delle grandi piattaforme di vendita online. Un’alternativa per fare shopping che conquista sempre più consumatori, complici anche le martellanti pubblicità ...continua
Buoni natalizi per i meno fortunati da spendere nei negozi della città al via l'installazione delle luminarie

San Giorgio a Cremano, 1 dicembre 2020 - Al via l'installazione delle luminarie natalizie in città che terminerà entro i primi dieci giorni di dicembre. Saranno illuminate le strade principali e parte delle periferie perchè ...continua
L’assessore regionale Nicola Caputo ad Agerola, il sindaco Luca Mascolo «Necessario trovare soluzioni per salvaguardare il comparto agricolo»

Il responsabile dell’agricoltura ha incontrato anche una rappresentanza dei sindaci della Costa d’Amalfi. «Territorio ricco di eccellenze, bisogna tutelarlo» Venerdì 27 novembre il neo assessore all’Agricoltura ...continua
Porto, Confapi: serve ricambio al vertice, imprenditori insoddisfatti Il presidente Marrone: «Basta conflitti, nostro appello alle istituzioni»

 NAPOLI – «Il porto di Napoli è l'azienda strategica più importante della regione Campania. È opportuno rilanciarla, pertanto, ascoltando gli imprenditori che vi operano e immaginando un cambio di governance ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.