WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cultura / Istruzione

Il diritto costituzionale dell'emergenza: riflessioni critiche del Professor Giuseppe Di Genio

(16/03/2020)

Fino a che punto uno Stato e la sua Costituzione sono pronti a fronteggiare una pandemia improvvisa come quella del Coronavirus? Questa, tra le tante, è una delle possibili domande che può farsi uno studioso delle Costituzioni nell'epoca della globalizzazione. Il Coronavirus è la peste della globalizzazione, di un uso sfrenato dell'economia e dell'ambiente, pur in un quadro generale, riconoscibile, di massima tutela dei diritti fondamentali, nella maggior parte degli Stati. Certo la nostra Costituzione, nata nell'emergenza, nella resistenza, con il contributo fattivo di donne e uomini, anche del nostro caro sud, indica la strada dell'emergenza, ma le soluzioni emergenziali, oggi, da sole, non fanno molto di fronte a sfide sanitarie che hanno portata incredibile. 

Fondamentale, pertanto, è il ruolo di tutti, per evitare il niente: della ricerca scientifica (in queste ore scienziati olandesi avrebbero trovato una traccia di vaccino o una cura), che valorizzata in termini quantitativi o qualitativi dovrebbe essere pronta ad ogni evenienza per fornire risposte in tempi più o meno accettabili rispetto al sacrificio di vite umane. Gli ospedali e il personale dovrebbero essere sempre potenziati, formati e aggiornati, sul piano virologico, con strutture ad hoc dedicate (ospedali e pronto soccorso, solo virologici), parallele e distanti da quelle tradizionali, pronte a ricevere e curare i pazienti coinvolti, anche in grandi numeri, senza sottovalutarsi tutte le cure che fuoriescono dal dato emergenziale. Le istituzioni, in tutti i livelli, devono collaborare anche nell'emergenza e le misure devono essere rese più drastiche proprio ai livelli territoriali più vicini ai cittadini (lodevole il Governatore De Luca), in una vera sorta di "sussidiarietà dell'emergenza". I cittadini devono osservare regole responsabili, imparare il rispetto della natura, dell'igiene, che come materia dovrebbe essere insegnata e applicata molto bene nelle scuole e nelle Università.

Infine i diritti, volano dell'umanità: l'emergenza non è un sacrificio di essi. Anzi, il cittadino deve essere tutelato, a partire dalla sua privacy, fino alla fine e fino all'ultimo. Controlli si, sanzioni si, ma anche enti che distribuiscono kit di emergenza (mascherine e guanti introvabili) per famiglia, medici, vecchi, giovani e militari, che visitano periodicamente i condomini, casa per casa, tamponi a domicilio celeri, disciplina negli approvigionamenti e consegna domiciliare di medicinali per evitare file immani, vicinanza ai soggetti deboli, ai bambini senza scuola, alle famiglie numerose, ai poveri, ai senza tetto. Insomma, servizi nell'emergenza, perché le libertà si possono limitare ma i veri diritti sopravvivono alle pandemie, a futura memoria.

 

Professor Giuseppe Di Genio dell'Università degli Studi di Salerno






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Approvata la delibera per il ridimensionamento dei plessi scolastici

Castellammare di Stabia si allinea pienamente alle direttive regionali per il dimensionamento della rete scolastica. Abbiamo approvato oggi la delibera di giunta per la definizione di due nuovi istituti comprensivi, attraverso l’accorpamento ...continua
20 Borse di studio per gli studenti universitari Si rinnova anche quest'anno la convenzione con l'Università Pegaso

 San Giorgio a Cremano, 13 ottobre 2021 - Anche quest'anno si rinnova l'opportunità per 20 giovani cittadini residneti a San Giorgio a Cremano, di ottenere 20 borse di studio per frequentare i corsi di laurea presso l'Universit&agr...continua
Portici, nasce il Polo dell'educazione per giovani da zero ai sei anni

Nasce a Portici, nell'area vesuviana della città metropolitana di Napoli, il Polo dell'educazione per giovani da zero a sei anni. La nuova sede della scuola Il Ciliegio - a ridosso di via Libertà e dell'omonima stazione ...continua
Aperto il Centro Ludico per bambini ed adolescenti a Boscoreale

E’ stato pubblicato l’avviso pubblico per l’accesso al servizio “Centro Ludico Educativo” rivolto a massimo 60 bambini e ragazzi di età compresa tra 3 e 14 anni, residenti nel territorio del Comune di Boscoreale, ...continua
Al via la VI Edizione della Settimana Nazionale della Dislessia

● “DSA: un mondo in una mappa” è il titolo della manifestazione di quest’anno, che punta a informare ed educare sui Disturbi Specifici dell’Apprendimento con oltre 100 iniziative. ● La sezione AID di Napoli ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.