Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cultura / Istruzione

Castellammare. “Legalità – Antimafia e beni confiscati” iniziativa dell'associazione l'Incrocio delle idee

tenutasi presso il salone Luisella Viviani

(17/03/2022)

Sul filo conduttore della partecipazione, del far prevale il noi all’io e della cittadinanza attiva, si è tenuto l’incontro pubblico organizzato dall’Associazione Socio Culturale l’Incrocio delle idee e dal Comitato Liberazione dalla Camorra Area sud Torrese-Bochese titolato “Legalità – Antimafia e beni confiscati”.

Un’iniziativa, così come ha specificato la presidente dell’associazione Giovanna Massafra, pensata mesi fa e che ha trovato la sua concretezza in questo periodo coincidendo con un fatto grave che ha interessato la comunità, ovvero lo scioglimento dell’amministrazione comunale per infiltrazioni camorristiche.

E’ stata la stessa Massafra, che ha dato il via all’iniziativa, a specificare le finalità dell’evento che non intendeva entrare nel merito di detta questione, perché prematuro e che inevitabilmente porta solo a cercare di identificare i tanti omissis contenuti nella relazione pubblicata sulla gazzetta Ufficiale. Aspetto che inficia e distrae rispetto a quello che è il tema importante, che deve vedere tutti i segmenti che costituiscono la comunità impegnati a illustrare il grave fenomeno, a far si che l’istituzione si riappropri della città, a cercare insieme soluzioni per dare e darci, indicazioni di come porsi senza girare la testa da altre parti.

A moderare il dibattito, la giornalista Giuliana Caso che, prima di presentare i tre ospiti, ha fatto alcune considerazioni sul momento attuale in cui vive Castellammare, il fatto inevitabile che si parli dello scioglimento dell’amministrazione comunale e, come sua considerazione, la difficoltà di superare una cultura radicata e deviante che favorisce le azioni camorristiche.

Antonello Sannino del Comitato Liberazione dalla Camorra, Gianluca Torelli responsabile della CGIL Castellammare e Riccardo Falcone responsabile Beni confiscati Libera Campania, i tre ospiti che sono intervenuti che hanno articolato un interessante dibattito, riflessioni profonde scaturite dal loro essere sul campo ogni giorno, indicazioni possibili e indispensabili azioni sulle quali attivarsi.

“Tutti i vuoti – ha affermato Torelli – vengono occupati dalle mafie che operano in relazione a come sono organizzate le comunità e dunque per l’incapacità delle istituzioni di governare dette questioni”.

Un aspetto determinante è sottrarre beni alla camorra, ha specificato Falcone, riferendosi ai beni confiscati che sono tanti, in prevalenza non gestiti dagli enti locali oltre al fatto che tanti sono occupati dalla stessa camorra.

“Vanno dunque sottratti beni alla camorra – ha aggiunto Falcone – che per loro è un grande danno e trasformare detti beni in occasioni di lavoro e di aggregazione sociale”.

Il componente del Comitato Liberazione dalla Camorra Sannino, ha illustrato le tante illegalità presenti sui nostri territori, il lavoro che il comitato sta svolgendo, l’indispensabilità di contrastare le mafie, il come il comitato si sta attivando con gli enti locali rispetto ai beni confiscati.

Presente don Ciro Cozzolino, referente del presidio di Libera di Torre Annunziata, che ha portato il suo contributo evidenziando, tra l’altro, la soggettiva responsabilità sul fatto che il tessuto democratico è minato per l’infiltrazione di alcuni amministratori corrotti e che comunque siamo noi cittadini a votarli. Don Ciro ha annunciato che si sta lavorando per attivare un presidio di Libera anche a Castellammare, che costituisce, insieme a tutto il mondo associativo presente, un pezzo importante.

E’ stata anche annunciata l’iniziativa sulla memoria, che si tiene il 21 marzo di ogni anno di Libera nazionale che quest’anno si terrà a Napoli, con la presenza del fondatore di Libera don Ciotti.

 

(fonte comunicato stampa)






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Nel complesso di Scampia della Federico II verrà consegnata la laurea honoris causa al medico e attivista congolese Denis Mukwege

Denis Mukwege, medico e attivista congolese, premio Nobel per la pace 2018, riceverà nella sede Scampia la Laurea honoris causa in 'Gestione delle politiche e dei servizi sociali' dall’Università Federico II. La cerimonia ...continua
Innovazione degli uffici giudiziari italiani: l’Università di Salerno tra i protagonisti del progetto Start-UPP

  Il Team Unisa del Disa-Mis tra le sette università che hanno preso parte al primo meeting nazionale per un nuovo approccio ai modelli organizzativi e gestionali degli Uffici per il Processo. Da Salerno una lettura moderna delle ...continua
GDF Salerno. Educazione alla legalità. Incontro con gli studeti dell'I.C. San Tommaso D'Acquino

Nei giorni scorsi, a Salerno, si è svolto, presso l’Istituto comprensivo “San Tommaso D’Aquino”, un incontro sul tema “Educazione alla Legalità Economica”, promosso dalla dirigenza del plesso scolastico ...continua
Prima seduta di laurea nella sede Scampia della Federico II

Nel complesso, appena inaugurato, dedicato ai corsi delle Professioni sanitarie della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Ateneo, sono stati proclamati dottori sei studenti del Corso di laurea in Tecniche di fisiopatologia cardiocircolatoria ...continua
Città della Scienza sostiene la giornata mondiale della scienza per la Pace e lo Sviluppo

In occasione della giornata mondiale della scienza per la pace e lo sviluppo, Riccardo Villari, lancia un importante messaggio sottolineando l'importanza della scienza come strumento di dialogo e cooperazione tra i popoli....continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.