Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cultura / Cinema



Grande attesa per il film "Caina": quando la realtà supera ogni immaginazione

(27/05/2018)

A cura di Ernesto Manfredonia

A volte certe verità non andrebbero trapelate. Nell'era del politicamente correto è difficile poter accertare quella realtà che scomodamente si annida nella quotidianità e che a volte si scorge nell'eroismo di chi deve a tutti i costi essere messo a tacere. Un eroe che racconta la storia, quella di Caina. Un nome che inghiottisce tutta la malvagità biblica del primo uomo che seminò il terribile germe del male nel fragile suolo del cuore dell'umanità. Un nome marchiato a vita in segno della sua intocabbilità, un riconoscimento che serve ad indentificare i suoi figli che scorrazzano nel mondo con l'irruenza della loro umana volontà. Questa volta il germe si è conficcato nel cuore di una donna, appunto Caina. Nome degno del riconoscimento del suo progenitore. 

La protagonista dal passato di killer su commissione, era specializzata nell’ammazzare gli extracomunitari, perché il suo è un animo xenofobo, violento e con un odio viscerale per tutto ciò che non appartiene alla sua lingua, alla sua razza e soprattutto alla sua religione: incarna infatti i luoghi comuni e le paure di chi ha una rozza visone dell'Islam. Ora Lei passa le sue notti in spiaggia dove fa un mestiere particolare, la “trovacadaveri”: il suo compito è quello di raccogliere tutti i corpi annegati degli extracomunitari che dall’Africa cercano di arrivare in Italia e che il mare riversa sulla riva. Lei sente i morti parlare, avere paura, lamentarsi, ne ascolta le sofferenze, le angosce , le delusioni. I cadaveri arenati vengono smaltiti sciogliendoli nel cemento in un centro di smaltimento statale. Lei guadagna 15 al lordo, su ogni annegato. Nahiri, tunisino, anche lui fa il “trovacadaveri”, ma è abusivo. Insieme ad un gruppo di immigrati irregolari, per sopravvivere, vanno in giro rubando dalle rive i cadaveri degli immigrati, vendendoli sottobanco al centro di smaltimento grazie alla connivenza della sua dirigente, l’anziana signora Ziviello, che opera nel malaffare. La merce è dif4icile da recuperare, così gli abusivi decidono di annegare a mare quelli che arrivano vivi. Nahiri non ci sta e abbandona il gruppo offrendosi di lavorare per Lei sottomettendosi a essa. Si scrutano dif4identi, si annusano come belve. Si scatena tra i due una guerra di civiltà. Ambedue vivono, però, con la costante paura di essere derubati dagli altri abusivi extracomunitari. 

Questa è la trama ufficiale di un film scomodo che irrompe con verità che non piacciono ma che sono impregnate di un'indiscussa attualità. 

L'eroismo di cui sopra abbiamo fatto accenno, è quello che va ricucito anche sull'abito di tutto lo staff cinematografico che ora vuole con forza divorare la paura di chi vuole conoscere certe verità. Il film di Stefano Amatucci, con tanto di cast stabiese, ha avuto la possibilità di emergere grazie all'investimento di Movieland, una società che fa capo a Salvatore Suarato e Filomena Palomba, anch'essi stabiesi, i quali non hanno esitato a sposare il progetto. Infatti a breve la presentazione troverà la sua sede naturale in una delle strutture che i due produttori posseggono nella Città delle Acque.  






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

La modella Lorih Caradonna realizza un nuovo brand

La modella e attrice Lorih Caradonna crea Lorih Caradonna Production: una produzione per ragazze che vogliono diventare modelle, per modelli e per insegnare loro tutto  ciò che Lorih ha imparato ed appreso nel corso della sua carriera. La ...continua
CINEMA_Dal 5 al 9 giugno torna Vision 2030, il Festival del Cinema Sostenibile di Noto

Dopo il successo della prima edizione, e della winter edition svoltasi a novembre 2023 arriva dal 5 al 9 giugno la 2° edizione di Vision 2030, il Festival del Cinema Sostenibile diretto da Giulia Morello, prodotto da Smile Vision in partnership ...continua
Nastri d’Argento in arrivo sabato sera per i Protagonisti dell’anno 2023/24 a Napoli

Sabrina Ferilli, quest’anno al suo grande ritorno in Rai con Gloria di Fausto Brizzi (Rai), per Alessandro Borghi e Adriano Giannini in Supersex (Netflix) e straordinariamente per Gabriele Muccino, irresistibile guest star in Call my agent ...continua
“Primadonnna”, il lungometraggio di Marta Savina vince il Premio Elsa Morante Cinema

La giovane regista fiorentina si aggiudica il prestigioso riconoscimento. Anche lei sarà il 15 maggio con i vincitori delle altre sezioni all’Auditorium della Rai di Napoli, diretta da Antonio Parlati La giuria del prestigioso Premio ...continua
San Giorgio a Cremano incontra Giffoni

Presente anche la Polizia Di Stato del Centro operativo di Sicurezza Cibernetica di Napoli che illustrerà dei rischi di un cattivo uso del web. San Giorgio a Cremano, 27 aprile marzo 2024 - San Giorgio a Cremano, “Città del ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.





Update cookies preferences