Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cultura / Cinema



Al via la rassegna di corti all'Orientale nel Laboratorio di Produzioni Audiovisive

(07/05/2023)

Anche quest'anno torna in formula rivisitata il laboratorio del docente Francesco Giordano, scisso in due percorsi, uno più giornalistico e l'altro più cinematografico, per ampliare l'offerta didattica ed esperenziale
Aula piena all’Università “L’Orientale” per la proiezione di “Goodbye Marilyn” che ha inaugurato la rassegna di corti con cui il Prof. Francesco Giordano ha arricchito il programma didattico del “Laboratorio sulle produzioni audiovisive, teatrali e cinematografiche” che dirige.
Curata da Giuseppe Borrone, storico e critico del cinema nonché Direttore artistico, tra gli altri, del Bagnoli Film Festival, che, ospitato al cinema “La Perla”, aprirà i battenti l’11 maggio, la rassegna, articolata in 4 appuntamenti, si prefigge di offrire agli studenti una panoramica delle potenzialità espressive del corto che si è emancipato dal ruolo ancillare del cinema propriamente detto cui era confinato fino a qualche anno fa. Infatti ora universalmente si riconosce al corto dignità artistica non solo in quanto dotato di un proprio linguaggio, di una propria grammatica e sintassi ma anche perché rievoca il cinema delle origini in cui la semantica filmica era affidata esclusivamente alla regia, al montaggio e alle capacità interpretative degli attori, ossia a tutto ciò che fa del cinema un “racconto per immagini”.
Ne fornisce un’ulteriore prova Maria Di Razza con il suo cortometraggio in animazione “Goodbye Marilyn”, un’immaginaria intervista con la diva per antonomasia che ha inscenato il suo suicidio – è il presupposto da cui prende le mosse l’omonima graphic novel cui è ispirato il corto – per evadere dalla gabbia dorata di Hollywood. Con il minimalismo dei disegni e l’uso del colore ridotto all’essenziale, e per questo di grande intensità comunicativa, Maria Di Razza tratteggia il ritratto di una Marilyn Monroe lontano dagli stereotipi dell’icona sexy per eccellenza della Settima Arte.
Un piccolo gioiello che in appena 12 minuti, tra malinconie e ironie su Hollywood (“quel posto dove si pagano mille dollari per un bacio e 50 centesimi per la tua anima”), ci restituisce una Marilyn inedita, sconosciuta al grande pubblico. Man mano che scorrono i fotogrammi, in cui all’inevitabile legnosità dei movimenti fanno da contraltare il brio e l’arguzia dei dialoghi, interpretati da Maria Pia Di Meo, storica voce di Meryl Streep, e dal critico e storico del cinema Gianni Canova, si compie l’incantesimo: la diva e il sogno erotico di generazioni di uomini lasciano il posto a una dolce e disincantata nonnina della porta accanto che, tre le spire del fumo di una sigaretta e coppe di champagne, apre il cassetto dei ricordi. Un diluvio di emozioni che non ha lasciato indifferenti gli studenti che, infatti, al termine del visione del corto hanno tempestato Maria Di Razza di domande sul “making of” e sulla sua vita da film visto che da autodidatta, con tenacia e creatività, è arrivata alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.
A conferma che solo chi con perseveranza coltiva un sogno può sperare di arrivare al cuore degli spettatori raccontando sogni.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

“Primadonnna”, il lungometraggio di Marta Savina vince il Premio Elsa Morante Cinema

La giovane regista fiorentina si aggiudica il prestigioso riconoscimento. Anche lei sarà il 15 maggio con i vincitori delle altre sezioni all’Auditorium della Rai di Napoli, diretta da Antonio Parlati La giuria del prestigioso Premio ...continua
San Giorgio a Cremano incontra Giffoni

Presente anche la Polizia Di Stato del Centro operativo di Sicurezza Cibernetica di Napoli che illustrerà dei rischi di un cattivo uso del web. San Giorgio a Cremano, 27 aprile marzo 2024 - San Giorgio a Cremano, “Città del ...continua
La Roma del 1943 rivive ne Il maritozzo, con Paolo Conticini e Martina Sissi Palladini

È pronto per iniziare il suo percorso festivaliero Il maritozzo, cortometraggio ambientato nella Roma del 1943, alcuni giorni prima della deportazione degli ebrei dal ghetto della capitale. Una delicata opera dal grande riscontro internazionale ...continua
AstraDoc, arriva il film dedicato a Dario Bellezza, uno dei più originali poeti italiani del novecento

Il Cinema Astra di Napoli si anima nuovamente con un’altra anteprima napoletana di “AstraDoc - Viaggio nel cinema del reale”, la rassegna curata da Arci Movie. Venerdì 12 aprile alle ore 20.30 arriva, infatti, il documentario ...continua
Ornella Muti e “I suoi racconti di cinema”a Villa Domi di Napoli

La star del cinema italiano si racconta: La mia carriera, i segreti del mondo dello spettacolo, i consigli ai giovani che vogliono recitare Villa Domi promuove il mondo della cultura e dello spettacolo italiano attraverso un ciclo di incontri ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.





Update cookies preferences