Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca / Giustizia



Polizia di Stato Padova - Sequestrata cooperativa per sfruttamento di migranti irregolari

https://youtu.be/DNvRWOkQ97k?si=W9Y_e7PGE9Ci4xz2


(09/02/2024)

La Polizia di Stato di Padova, nel corso della mattinata odierna, ha dato esecuzione, congiuntamente a personale dell’Ispettorato del Lavoro di Padova co-delegato all’esecuzione del provvedimento, ad un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca, disposto nei confronti di una società Cooperativa con sede in Vigonza.



Il provvedimento è stato disposto dal Giudice delle indagini preliminari di Padova su richiesta della locale Procura della Repubblica ad esito di attività delegata a questa Squadra Mobile nei confronti di un 48enne padovano, già Presidente della suddetta cooperativa (fino al dicembre u.s.), indagato per violazione di norme in materia di immigrazione (D.lg. 286/1998), caporalato (artt. 603 bis c.p.) ed estorsione (art. 629 c.p.).

Costui, legale rappresentante della suddetta Cooperativa, pur non essendo la stessa partecipe del capitolato di appalto con la Prefettura di Padova per l'accoglienza straordinaria (CAS), utilizzava e impiegava a titolo di manodopera dipendente, per prestazioni di assemblaggio ed etichettatura (anche con l’uso di pressa), in assenza di totale retribuzione, di qualsiasi formazione, assistenza medica ed infortunistica (i lavoratori erano privi di protezione individuale e addirittura senza scarpe) ed in situazione alloggiativa degradante (carenza cibo, vestiario, medicine, etc.), 19 cittadini stranieri (del Mali, Burkina Faso, Senegal, Costa D’Avorio, Guinea) giunti irregolarmente in Italia nell’aprile 2023, assegnati, quali richiedenti asilo in attesa di rilascio del titolo di soggiorno, ad una seconda cooperativa – avente sede nel medesimo stabile-capannone–, approfittando del loro stato di bisogno e facendo loro sottoscrivere un patto formativo di lavoro volontario quantomeno di tre mesi dietro minaccia della perdita di ospitalità (vitto, alloggio) e di non inoltrare e/o ritardare la formalizzazione alla Questura di Padova delle istanze per ottenere l’asilo (con relativa possibilità di essere poi inseriti regolarmente nel mondo del lavoro).

L’indagine, condotta senza il supporto di attività tecnica, è scaturita all'esito della perquisizione personale e domiciliare disposta nei confronti di un uomo tunisino, soggetto espulso dal territorio italiano l'11 giugno 2019 (in esecuzione della misura di sicurezza dell'espulsione ex art. 86 DPR 309/90) e rientrato illegalmente sul territorio italiano. Gli investigatori della Squadra Mobile verificavano nella circostanza che quest'ultimo era stato assunto dalla cooperativa posta oggi sotto sequestro sebbene privo di un valido titolo di soggiorno. Sequestrata la documentazione relativa all'assunzione dello straniero, si è poi accertato come la medesima cooperativa (con un’unità locale anche all’interno del carcere di Rovigo ed altra sede operativa a Pianiga (Ve)), rappresentata dal principale indagato, avesse alle sue dipendenze numerosi soggetti stranieri, di cui solo alcuni in possesso dei requisiti necessari per la permanenza sul territorio nazionale.

A seguito di due successive ispezioni disposte dalla Procura, operate congiuntamente all'Ispettorato del Lavoro di Padova, è emerso che la seconda cooperativa gestiva formalmente il CAS (centro per l'accoglienza straordinaria) quale aggiudicataria della seconda gara negoziata per le singole unità abitative, ma che 16 ospiti alla stessa assegnati erano di fatto impiegati dalla Cooperativa nei cui confronti era diretta l’attività d’indagine senza un legittimo contratto di lavoro. Pur essendo impiegati in un vero e proprio rapporto di lavoro di natura subordinata, con orari fissi, mansioni determinate e sottoposti a potere direttivo del datore di lavoro, gli stranieri lavoravano senza alcun titolo e senza alcuna retribuzione. Agli stessi (benché privi di conoscenza della lingua) erano stati fatti sottoscrivere degli accordi aventi ad oggetto un "patto formativo di inclusione sociale" a titolo di "volontariato" (le mansioni a cui venivano adibiti erano tuttavia prive dei presupposti di spontaneità e finalità sociale, consistendo per lo più in attività di assemblaggio ed etichettatura, senza alcuna assicurazione contro gli infortuni e le malattie).



Gli stranieri hanno dischiarato di avere accettato di sottoscrivere il “patto” per paura di perdere l'ospitalità fornita e il pocket money garantito dalla Prefettura (peraltro consegnato loro proprio dal presidente della cooperativa nonostante l'accoglienza fosse formalmente erogata dalla seconda cooperativa). Le condizioni di vitto e alloggio risultavano lesive della dignità, né erano mai state programmate visite mediche. In sede di ispezioni effettuate nel corso dell’indagine sono state rilevate altresì violazioni delle norme in materia di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro.



A tre cittadini del Mali – che avevano chiesto il trasferimento ad altro CAS a seguito delle pressioni subite affinché prestassero l’attività lavorativa gratuita presso il laboratorio della cooperativa – era stato detto che lavorare era l'unica soluzione per rimanere in Italia e che ai lavoratori della cooperativa sarebbero stati garantiti appuntamenti più celeri presso la Questura.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Servizio Interforze. Perquisizioni nel quartiere Forcella

Continuano i servizi ad “alto impatto” della Guardia di Finanza, Polizia di Stato e Arma dei Carabinieri. Stamane, circa 200 operatori delle diverse forze dell’ordine hanno eseguito numerose perquisizioni nel quartiere “Forcella. ...continua
Teverola - Furto di moduli radio dal ripetitore Wind - Tre. Due giovani arrestati

Sono stati intercettati e bloccati dai Carabinieri della Stazione di Teverola appena dopo aver commesso un furto al ripetitore della società Wind Tre di Casaluce. A segnalare la presenza di due giovani intenti ad armeggiare nei pressi del ...continua
GDF Salerno - Commercio illegale di GPL, sequestrate 80 bombole

A seguito di una mirata attività info investigativa nell’ambito del contrasto alle frodi alle accise, la Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Salerno, nei giorni scorsi, ha individuato e sequestrato, in un Comune cilentano, ...continua
Qualiano: Cantiere senza parapetti. Carabinieri denunciano imprenditore

Sicurezza sul lavoro. Continuano i controlli a Qualiano da parte dei carabinieri. I militari della sezione radiomobile della compagnia di Giugliano hanno denunciato l’amministratore unico di un’azienda edile. Nel cantiere di via Campana ...continua
Revenge Porn e produzione di materiale pedopornografico ai danni di un minore. 5 i denunciati

La Polizia di Stato ha dato esecuzione a 4 decreti di perquisizione emessi dalla Procura per i Minorenni di Palermo e a un decreto di perquisizione emesso dalla Procura di Palermo eseguiti dal personale della Polizia Postale di Agrigento, Palermo ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.





Update cookies preferences