Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca / Giustizia



Operazione Iron Rod della Polizia di Stato


(10/07/2024)

La  Polizia di Stato di Cuneo  ha dato esecuzione ad una ordinanza di applicazione della misura cautelare emessa, su richiesta della Procura della Repubblica di Asti, dal G.I.P. del Tribunale di Asti a carico di tre soggetti stranieri di nazionalità marocchina, macedone e albanese, destinatari, rispettivamente, il primo e il secondo della misura degli arresti domiciliari e il terzo della misura cautelare del divieto temporaneo di esercitare attività professionali.
I delitti contestati previsti e puniti dall’art. art. 603 bis c. I n. 1, c. IV n. 1 c.p. e art. 22 c. XII e XII bis D.lgs nr. 286/1998 (Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, violazioni alla normativa relativa al soggiorno degli stranieri sul T.N) hanno consentito ai poliziotti della squadra mobile di accertare nell’ambito di una complessa indagine coordinata dalla Procura di Asti, con  il supporto di attività tecniche,  che gli indagati, in modo disgiunto tra loro, attraverso imprese individuali a loro riconducibili operanti in Novello (CN) Mango (CN) e Alba (CN) reclutavano manodopera allo scopo di destinarla al lavoro presso terzi in condizioni di sfruttamento. In particolare i succitati approfittando dello stato di bisogno, reclutavano lavoratori di origine, prevalentemente, africana, (Gambia, Guinea, Nigeria, Marocco, Egitto, Senegal, Mali, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Albania) in gran parte irregolari sul t.n., privi di valide soluzioni abitative, per impiegarli in vigna presso terzi, in totale violazione delle normative contrattuali sull’impiego quali: 1) retribuzioni con paghe orarie di circa 6 €/ l’ora, palesemente, difformi dai contratti nazionali e territoriali; 2) inosservanza della normativa sull’orario di lavoro; 3) inosservanza della normativa in materia di sicurezza e igiene sul lavoro; 4) sottoposizione dei lavoratori  a condizioni di lavoro con metodi di sorveglianza degradanti e di controllo a vista, con minacce di non essere  pagati o di essere allontanati.
Addirittura, in due casi accertati a carico del primo dei tre indagati, nativo del Marocco, alcuni lavoratori, dopo essersi lamentati delle condizioni di sfruttamento in cui versavano, venivano puniti, in violenti pestaggi, uno dei quali con l’utilizzo di un todino di ferro prelevato dal filare di sostegno a una vigna, che ha dato il nome alla presente operazione, “Iron Rod”.
Si precisa che gli indagati operavano in modo disgiunto tra di loro, indicativo di una diffusività allarmante dei reati accertati, e per tutti e tre è stata contestata l’aggravante di aver reclutato più di tre lavoratori e di aver utilizzato persone straniere prive di permesso di soggiorno o con permesso di soggiorno scaduto. Inoltre, a carico dell’indagato di nazionalità macedone legale rappresentante di una società operante a  Mango è stato, altresì, accertato che i lavoratori venivano collocati all’interno dell’immobile sito in quel comune di proprietà del macedone in una situazione di degrado, di sovraffollamento e precarie condizioni igieniche.  
Nel corso dell’operazione, condotta dalla Squadra Mobile della Polizia di Stato di Cuneo, hanno partecipato circa 40 unità della Questura con il rinforzo del Reparto Prevenzione Crimine Piemonte, di unità cinofile e della Polizia Scientifica, nonché dell’Ufficio Immigrazione per l’analisi delle posizioni sul T.N. dei soggetti stranieri controllati.
Contestualmente all’esecuzione delle misure cautelari sono stati sottoposti a sequestro preventivo 5 veicoli, utilizzati dagli indagati per accompagnare i bracciati sul luogo di lavoro, nonché è stato sottoposto a sequestro preventivo l’immobile di proprietà del cittadino macedone, utilizzato per ospitare i braccianti nelle condizioni meglio sopra descritte in località Mango (CN).






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Mondragone - Chiede continuamente soldi alla madre per acquistare droga. 31enne arrestato

Minacciava di continuo la madre per ottenere i soldi per l’acquisto di stupefacenti. E’ quanto accaduto a Mondragone, nel casertano, dove un 31enne del posto è stato arrestato dai carabinieri del locale Reparto Territoriale per ...continua
Castellammare. Controlli Polizia Locale: elevate 90 contravvenzioni nel weekend

Sono proseguiti anche nello scorso weekend i controlli da parte degli agenti della Polizia Municipale di Castellammare di Stabia. Sono state elevate oltre 90 contravvenzioni. I controlli, nell'ambito del 'Progetto Sicurezza', che prevede ...continua
San Nicola la Strada, spaccio in largo la Rotonda. Arrestato 31enne del Gambia

E’ stato sorpreso presso la villa comunale del largo rotonda di San Nicola La Strada (CE) mentre cedeva una dose di gr. 1,50 di sostanza stupefacente del tipo "hashish" a terza persona, che verrà segnalato per la relativa ...continua
San Giorgio del Sannio - Disposta la chiusura dell'azienda che commercializzava prodotti da forno

Nell’ambito di controlli a tutela della salute pubblica e della filiera agroalimentare i militari del Nucleo Carabinieri Forestale di San Giorgio del Sannio, congiuntamente al personale SIAN -ASL di Benevento, nell’ultimo fine settimana, ...continua
Pasquale d' Apice: "Sicurezza periferie é ai minimi termini, il furto alla farmacia Lombardi è la testimonianza"

“La sicurezza in periferia è ai minimi termini. Il furto che ha avuto luogo in piena notte nella farmacia a Ponte Persica è sintomatico di uno scenario allarmante. Piena solidarietà ai titolari della farmacia. Ora è ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.





Update cookies preferences