WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca / Giustizia

Mantova, la Polizia di Stato arresta i presunti responsabili delle rapine a persone


(18/11/2020)

Questa mattina all´alba la Polizia di Stato di Mantova  ha arrestato, in esecuzione di una Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere disposta dal G.I.P. del Tribunale di Mantova, i pluripregiudicati N. G, S. M. e D. G. V. . 

N. G. e S. M., rispettivamente, sono accusati dei reati di rapina e tentata estorsione in concorso con altri 3 soggetti, reati pluriaggravati per esser stati commessi con armi e da più persone riunite e travisate, provocando altresì ad una delle vittime lesioni giudicate guaribili in 25 giorni a seguito delle percosse inferte. N. G, e D. G. V., inoltre, sono accusati del reato di tentata estorsione in concorso con altri 2 soggetti, pluriaggravata per esser stata commessa da più persone riunite e travisate.

Le condotte delittuose - comprovate grazie ad un´articolata attività investigativa avviata a seguito di denuncia sporta in Questura lo scorso 5 ottobre, e proseguita con il coordinamento della procura della Repubblica di Mantova - originano dall´agguato organizzato il 2 ottobre scorso da N. G. - imprenditore attivo nel settore della produzione e del commercio dei pallets - all´interno del proprio Deposito industriale sito in Pegognaga (MN), allo scopo di recuperare rapidamente 500.000 euro da due suoi ex soci (tali B. A. e P. L.) a tal proposito minacciati in più occasioni, ed intimorire contemporaneamente un altro imprenditore, tale M. S. residente a Fucecchio (FI), unitamente al contabile della Azienda di quest´ultimo. In tale circostanza N. G. si è avvalso di S. M. per assoldare 3 "professionisti" i quali, travisati con passamontagna ed armati di pistola, hanno fatto irruzione nel corso di un incontro di lavoro a Pegognaga presso la sua Azienda - "Blu Imbaltech" - al quale partecipavano lo stesso N. G. assieme ai sopramenzionati individui. Nell´occasione tutti i presenti sono stati fatti stendere a terra e minacciati con le armi, mentre B. A. veniva pesantemente percosso, ferito e rapinato di 3.900 euro, ed un altro dei presenti veniva malmenato e rapinato di 700 Euro. 

Il 21 ottobre successivo, quindi, N. G. si avvaleva di D. G. V. - commerciante di auto e titolare di una Agenzia di pratiche automobilistiche con sede a Mantova, in via Susani - affiancatosi da qualche giorno a lui per supportarlo nella attività di "recupero crediti", per recarsi, unitamente ad altri due soggetti in corso di individuazione, a Parma presso gli Uffici della Azienda di proprietà di P. L., al fine di reiterare nei suoi confronti il tentativo estorsivo di 250.000 euro con la minaccia e la violenza, non riuscendo nell´intento solo perché il soggetto - nonostante le percosse e le minacce subite - aveva immediatamente denunciato il fatto alla Questura di Mantova.

Le complesse indagini che ne sono conseguite hanno consentito di ricostruire la dinamica dei rapporti esistenti tra tutti i soggetti protagonisti, a diverso modo coinvolti in una indagine che ancora presenta alcuni elementi da chiarire. Il coinvolgimento di personaggi legati alla criminalità organizzata rende la vicenda particolarmente grave, con aspetti che il Pubblico Ministero e gli investigatori della Squadra Mobile della Questura stanno ora minuziosamente ricostruendo nel dettaglio.    






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Il Sindaco Cimmino:"Non c’è più spazio per i corrotti, per i criminali, per i furbetti e per gli abusivi a Castellammare"

  Complimenti alla guardia di finanza e ai miei uomini della polizia municipale che hanno collaborato nell’inchiesta per l’operazione effettuata questa mattina, denominata “Money Box”, con cui non solo sono stati arrestati ...continua
Somma Vesuviana. Cede la lapide, operai cadono nella tomba

Stamane del cimitero di Somma Vesuviana si è dato luogo all'ultimo saluto della salma di un congiunto  sommese che la li a poco doveva essere tumulata nella tomba di famiglia. Naturalmente facendo appello ai detti nostrani che ...continua
Poggiomarino: sicurezza sul lavoro. Carabinieri denunciano 4 persone

 I carabinieri della stazione di Poggiomarino, insieme a quelli del Nucleo Operativo del Gruppo Tutela del Lavoro di Napoli, hanno controllato un cantiere in Via Mazzini. 4 le persone denunciate per altrettante ditte affidatarie a vario ...continua
Castellammare di Stabia, cancello ai lidi balneari tra sequestro e denunce

Via le barriere abusive dalle nostre spiagge. È scattato ieri il sequestro del cancello che inibiva l’accesso ai lidi su via Acton. E tre persone sono state deferite per aver commesso un abuso edilizio. Quando mi è stata segnalata ...continua
Napoli San Lorenzo: non indossa la mascherina e aggredisce i carabinieri. denunciato 40enne nigeriano

I carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli hanno denunciato per resistenza e violenza a p.u. un 40enne di origini nigeriane. Era in attesa del suo turno nell’ufficio postale di Corso Meridionale, senza mascherina.   Gli altri ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.