WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca / Giustizia

Confiscati beni ai clan camorristici di Secondigliano accumulati per usura


(30/07/2021)

Guardia di finanza auto usura

All’esito di indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha eseguito un provvedimento di confisca di beni del valore di 1,3 milioni di euro emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), nei confronti delle figlie del defunto GIORDANO Ciro, alias “Ciruzzo a Varchetella”.
Il GIORDANO avrebbe avuto un ruolo di primordine nello scenario criminale campano in quanto, già dagli anni 80, avrebbe gestito le ingenti somme di denaro delle maggiori organizzazioni camorristiche utilizzando, per la movimentazione dello stesso, i propri conti personali.
Le indagini di natura economico-finanziaria svolte dagli specialisti del G.I.C.O. hanno permesso di accertare che, in un limitato arco temporale, i conti del GIORDANO si sono arricchiti di oltre 6 miliardi di vecchie lire (la ricostruzione parte dagli anni ’80).
Nello stesso tempo sarebbe stata anche rilevata l’emissione di assegni per importi elevati a favore di esponenti di spicco di clan della camorra, quali Angelo NUVOLETTA, Lorenzo NUVOLETTA, Pupetta MARESCA, Pasquale ZAZA, Vincenzo AGIZZA e Antonio AGIZZA.
Il legame trasversale con i maggiori sodalizi criminali campani, quali i clan dei “CASALESI”, “CONTINI” e altre organizzazioni criminali ricomprese nella c.d. “ALLEANZA DI SECONDIGLIANO”, se da un lato gli avrebbe consentito di gestire enormi somme di denaro destinate all’usura e al riciclaggio, dall’altro sarebbe risultato deleterio per la famiglia GIORDANO, raggiunta nel periodo dal 1987 al 2001 da diversi sequestri, uno dei quali consentì la confisca di oltre 30 miliardi di lire custoditi presso banche italiane e svizzere.
Le confische in esecuzione oggi sono giunte al termine di attività investigative che hanno determinato diversi provvedimenti cautelari a carico di soggetti molto vicini al GIORDANO, spingendolo a spogliarsi formalmente delle ricchezze residue, successivamente intestate alle figlie sotto forma di investimenti e polizze.
In particolare, le indagini svolte hanno fatto emergere la totale incapienza patrimoniale dei componenti del nucleo familiare del GIORDANO Ciro, per assenza di fonti lecite di guadagno in grado di giustificare il valore economico del patrimonio accumulato nel tempo.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Ercolano: Carabinieri arrestano pusher 21enne

A Ercolano i Carabinieri della locale tenenza hanno arrestato per detenzione di droga a fini di spaccio gennaro tassoni, 21enne di portici già noto alle ffoo. Il ragazzo era a bordo del suo scooter in via pugliano ed i Carabinieri lo hanno ...continua
Castellammare di Stabia- Trovate piante di cannabis sui monti Lattari

I Carabinieri della compagnia di castellammare di stabia continuano nelle ricerche di piantagioni sui monti lattari. A pimonte – in località peda – i militari dell’arma hanno rinvenuto 94 piante di cannabis indica alte ...continua
Torre Annunziata: Controlli, sequestri e denunce dei Carabinieri

Costanti e senza sosta i controlli a torre annunziata da parte dei Carabinieri della locale compagnia. I militari – nell’ambito dei servizi disposti dal comando provinciale di napoli – hanno effettuato un servizio a largo raggio ...continua
Misura cautelare in carcere per un 29enne di Pannarano. Contestati i reati di atti persecutori e incendio aggravato

A seguito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Benevento, i Carabinieri della Stazione di Montesarchio (BN), nel primo pomeriggio, hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale della ...continua
Sant’Antonio Abate: Controlli dei Carabinieri impegnati nella lotta all’inquinamento ambientale

Continua la task force dei Carabinieri volti a controllare gli sversamenti illegali di rifiuti liquidi nel fiume Sarno e nei suoi affluenti. I militari appartenenti al Nucleo Investigativo di polizia ambientale agroalimentare e forestale di Napoli ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.