WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca / Giustizia

Catania - Operazione anti-mafia “Adrano Libera”


(23/02/2021)

La Polizia di Stato, ha dato esecuzione a 34 misure restrittive; tutti i soggetti, sono indagati, a vario titolo, per i reati di associazione di stampo mafioso denominata clan Santangelo-Taccuni operante prevalentemente nel territorio di Adrano, costituente articolazione territoriale del clan Santapaola-Ercolano, con l’aggravante di essere l’associazione armata, con l’aggravante di avere gli associati assunto e mantenuto il controllo di attività economiche, finanziandole – in tutto o in parte- con il prezzo, prodotto e profitto dei delitti commessi;  associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti (cocaina, eroina e marijuana) con l’aggravante di essere l’associazione armata e con l’aggravante p. e p. dall’art. 416 bis 1 c.p., per avere commesso il fatto al fine di agevolare  l'associazione mafiosa denominata Santangelo-Taccuni, detenzione e spaccio di sostanza stupefacente, furto in concorso di un ATM; ricettazione in concorso, danneggiamento aggravato in concorso, tutti con l’aggravante p. e p. dall’art. 416 Bis 1 c.p. per avere commesso il fatto al fine di agevolare  l'associazione mafiosa denominata Santangelo-Taccuni ed evasione.

Il G.I.P. ha riconosciuto a S.G., già detenuto per altra causa, la direzione dell’associazione mafiosa mentre a B. A., in atto ristretto agli arresti domiciliari, L. M. G., in atto detenuto per altra causa, L. M. A., in atto detenuto per altra causa, S. T. U. e S. C. quello di organizzatori.

A S. G. viene, altresì, contestato il ruolo di promotore, organizzatore e direttore dell’associazione finalizzata al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti mentre a B. A., G. M. R., L. M. A., S. T. U. e S. C., quello di organizzatori.

Le complesse indagini, anche di natura tecnica, avviate nel maggio del 2017, hanno peraltro beneficiato dei riscontri forniti delle dichiarazioni di numerosi collaboratori di giustizia tra le quali quelle di ROSANO Valerio, appartenente alla omonima famiglia, intesa “Pipituni”, organica al clan Santagelo-“Taccuni”. La notizia della collaborazione con la giustizia del ROSANO, ebbe nell’immediato forti ripercussioni nella famiglia del collaboratore, il cui padre Vincenzo era esponente di vertice del citato clan. La reazione del clan fu pubblicamente manifestata con l’affissione di locandine funerarie nel centro storico di Adrano che annunciavano la morte di ROSANO Valerio e fissavano le esequie presso una chiesa, il cui fittizio indirizzo corrispondeva alla via in cui è sito il Commissariato di P.S. di Adrano.

L’evento fu trattato anche dalla trasmissione televisiva “Striscia la notizia” alla cui inviata l’indagato S. T. U. rilasciò un’intervista, nel corso della quale, pubblicamente e senza timore, ebbe ad esprimere forte repulsione per la scelta operata dal collaboratore, arrivando a definirlo “un morto che cammina”.   

Nel corso dell’attività d’indagine è stato documentato un vasto traffico di sostanze stupefacenti dalla Lombardia verso il comune etneo, evidenziandosi il ruolo di trait d’union svolto da A. A. e S. D., pregiudicati di Biancavilla –Adrano domiciliati nelle province di Varese e Como i quali, grazie ai collegamenti con un soggetto di origine calabrese, M. G., anch’egli domiciliato nella regione lombarda, avevano avviato rapporti di affari con D. E. cittadino albanese, attualmente detenuto. Agli stessi il provvedimento cautelare è stato notificato dalle Squadre Mobili delle Questure di Como e Varese.

A riscontro dell’illecito traffico da ultimo citato, in data 23 dicembre 2017, è stato tratto in arresto P. D. cui sono stati sequestrati g.1.485 di sostanza stupefacente del tipo eroina. L’uomo stava rientrando in Sicilia dopo essersi recato in Lombardia.

Inoltre, il 15 febbraio 2018, personale della Squadra Mobile di Catania, del Commissariato di P.S. di Adrano e della Squadra Mobile di Varese, traevano in arresto, in Lombardia, il cittadino albanese D. E., unitamente ad altro connazionale, in quanto trovati in possesso di n. 33 confezioni in cellophane, contenenti sostanza stupefacente del tipo eroina dal peso complessivo lordo di kg. 17,474 circa. Nella loro disponibilità venivano rinvenuti anche kg. 8, circa, di sostanza utilizzata per il taglio e la somma di denaro di euro 43.980.

L’approvvigionamento di sostanze stupefacenti avveniva anche attraverso canali ubicati in territorio messinese, calabrese e campano.

A tal proposito nel corso delle indagini sono stati operati numerosi arresti in flagranza di reato ed altrettanti sequestri di sostanze stupefacenti che servivano ad alimentare le tre “piazze di spaccio” operative in territorio di Adrano e precisamente:

•          una nei pressi dell’abitazione di F. S. che la gestiva personalmente, nonostante fosse sottoposto al regime degli arresti domiciliari, coadiuvato dai figli A. E.;

•          un’altra nei pressi della locale stazione della circumetnea;

•          un’altra nei pressi dell’abitazione di D. A., inteso “Nino ‘u babbaleccu”, anch’egli sottoposto agli arresti domiciliari ed a cui sono stati altresì contestati sette episodi di evasione.

Per garantire la liquidità necessaria al mantenimento della cassa comune da impiegare in attività illecite, gli associati si sono resi responsabili anche di reati contro il patrimonio.

In particolare, nel corso delle indagini sono stati raccolti elementi di prova nei confronti di B. A., B. V., F. S., S. G. e S. T. U., nonché di L. R., in ordine al furto aggravato dell’apparecchiatura ATM dell’agenzia di Adrano del Credito Emiliano perpetrato in data 13.12.2017. Gli autori, seguendo un consolidato modus operandi, utilizzando mezzi d’opera provento di furto, asportavano la somma di euro 24.650 euro.

Le investigazioni hanno permesso di appurare che quella somma era stata utilizzata per acquistare l’eroina sequestrata a P. D. in occasione del suo arresto avvenuto in data 23 dicembre 2017.

Ai medesimi indagati è stato, altresì, contestato un tentativo furto aggravato ai danni di un altro ATM sito in territorio del comune di Randazzo.

Uno dei destinatari della custodia cautelare in carcere è attualmente detenuto all’estero e per lui sono stati già attivati i canali Interpol per la notifica del provvedimento.

L’operazione è stata denominata “Adrano Libera”.

Ulteriori dettagli dell’operazione verranno forniti in occasione dell’incontro con la stampa che si terrà presso la sala “Raciti” del X Reparto Mobile di Catania alle ore 11:00.

 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Sant'Antonio Abate: gli attribuiscono il furto di 100 forme di parmigiano e lo pestano. 3 persone arrestate dai Carabinieri

 Hanno accusato un dipendente della loro società di trasporti di aver rubato 100 forme di parmigiano per oltre 4 tonnellate di prodotti. Per punirlo, i 2 titolari, insieme ad un altro impiegato gli hanno sottratto il cellulare e lo hanno ...continua
Napoli San Lorenzo: Carabinieri sequestrano 60 chili di sigarette. 51enne in manette

I carabinieri del Nucleo Radiomobile di Napoli hanno arrestato per contrabbando di TLE Bruno Vivo, 51enne di Casoria già noto alle ffoo.   E’ stato sorpreso in Vico Primo delle Pergole mentre trasportava una grossa scatola ...continua
Arzano al setaccio, sequestro di armi e munizioni

E’ senza sosta l’attività di controllo del territorio dei Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli nella città di Arzano. I militari della compagnia di Casoria hanno identificato 100 persone e controllato 82 veicoli. ...continua
Napoli -Tenta il furto di un'auto ma viene arrestato

I carabinieri del Nucleo radiomobile di Napoli hanno arrestato per tentato furto Marco Russo, 24enne del quartiere San Lorenzo già noto alle ffoo. E’ stato sorpreso dal personale di vigilanza di un parco in Via Colli Aminei mentre ...continua
Portici - controlli contro l’illegalità diffusa

I carabinieri del Comando Provinciale di Napoli hanno svolto sul territorio di portici un servizio straordinario di controllo del territorio. 74 le persone e 52 i veicoli controllati dai militari della Compagnia di Torre del Greco, durante i numerosi ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.