Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca / Giustizia

Cagliari, pedofilo arrestato in flagranza dalla Polizia di Stato, ad incastrarlo un’agente sotto copertura

Adescava le sue vittime su Instagram e chiedeva prestazioni sessuali a pagamento

(22/08/2022)

Sabato scorso, a Cagliari, la Polizia di Stato ha arrestato in flagranza un operaio di 42 anni di Quartu Sant’Elena (CA), incensurato, che undici giorni fa aveva adescato su Instagram una 12enne cagliaritana. Di certo non si aspettava che ad attenderlo, seduta su una panchina del parco di Monte Urpinu, ci fosse una poliziotta sotto copertura della Squadra Mobile, che si era sostituita alla bambina adescata dall’uomo alcuni giorni prima. Il pedofilo conversava con la bambina per cercare di incontrarla ed avere rapporti sessuali in cambio di denaro. Le aveva anche chiesto di inviargli alcune foto, ma non le aveva ottenute. La bambina, infatti, spaventata dai contenuti osceni delle conversazioni ha raccontato tutto al padre, che si è subito rivolto alla Squadra Mobile di Cagliari.

A questo punto una poliziotta della Sezione criminalità diffusa ha preso il controllo del cellulare della giovane e ha iniziato a chattare con il pedofilo. Le conversazioni oscene con la poliziotta sotto copertura sono andate avanti per nove giorni.

Durante le conversazioni il pedofilo ha detto di avere 42 anni e ha domandato se la sua età fosse in qualche modo un problema. Poi ha cercato di nuovo di ottenere delle foto e ha proposto degli incontri in luoghi appartati della città. Infine, ha indicato per vedersi una panchina appartata nel parco di Monte Urpinu.

Nel primo pomeriggio di sabato scorso gli agenti della Mobile si sono nascosti in diversi punti del parco e vicino alla panchina nella quale si era seduta la poliziotta in incognito, in attesa dell’arrivo dell’uomo. Quando il pedofilo è arrivato, si è seduto accanto alla poliziotta e subito ha cercato di abbracciarla, ma è stato immediatamente immobilizzato e ammanetto dagli agenti appostati nelle vicinanze.

Da una prima analisi del cellulare sequestrato all’uomo, sono emerse numerose chat su Instagram con altre minorenni. Durante la perquisizione a casa del pedofilo è stato sequestrato un computer, che sarà analizzato dalla Polizia Scientifica.

Il 42enne ora si trova nel carcere di Uta (CA) in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto prevista per domani. Dovrà rispondere del reato di prostituzione minorile e rischia dai sei ai dodici anni di carcere.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Arrestati due napoletani per resistenza e furto aggravato

A seguito di una mirata e articolata attività d'indagine coordinata dalla locale Procura della Repubblica, gli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Benevento, alle prime luci dell'alba hanno data esecuzione alla misura ...continua
GDF- Donati alla Caritas 57.000 KG di nocciolino ad uso combustibile

Nella mattinata odierna, la Guardia di Finanza di Salerno ha donato alla Caritas 57.000 kg di bio-combustibile, per la devoluzione alle strutture dell’Ente ubicate a Sapri (SA) e Postiglione (SA). Si tratta di oltre 2.200 confezioni di ...continua
Bacoli: Carabinieri e controlli ambientali. sequestrato autolavaggio, denuncia per il titolare 35enne

 Controlli ambientali dei carabinieri anche a Bacoli. I militari della locale stazione hanno denunciato un 35enne del posto, titolare di un autolavaggio in Via Mercato di Sabato. Riscontrato il mancato tracciamento dei liquami prodotti durante ...continua
GDF - Sant'Egidio del Monte Albino, giit scoperti e sequestrati oltre 230 chili di "botti" illegali

  Nei giorni scorsi, la Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Salerno ha sottoposto a sequestro oltre 200 chili di fuochi d'artificio non a norma, destinati alia vendita illegale, a danno della tutela, della sicurezza e della salute ...continua
Sant’Antimo - in strada a chiacchierare, uno è ai domiciliari, l'altro ha droga addosso

A Sant’Antimo i Carabinieri della locale Tenenza hanno arrestato il 34enne Benedetto Ceparano e il 41enne Vincenzo Alfè, entrambi del posto e già noti alle forze dell’ordine. Siamo in Via Sambuci. Il 34enne è poco ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.